BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Troppi centri commerciali Un errore macroscopico autorizzare la costruzione”

L’ex assessore all’Urbanistica Luigi Nappo sfodera il più classico dei “ve l’avevo detto” commentando la crisi del centri commerciali in città. Troppi soprattutto in un periodo in cui la gente non ha molti soldi da spendere.

L’ex assessore all’Urbanistica Luigi Nappo sfodera il più classico dei “ve l’avevo detto” commentando la crisi del centri commerciali in città. Troppi soprattutto in un periodo in cui la gente non ha molti soldi da spendere.

Signori, l’Aurora ha presentato nel 2009 ben 32 Osservazioni al Piano di Governo del Territorio con al primo posto la richiesta di bloccare aperture di nuovi spazi commerciali in città. Oggi, la chiusura di un noto supermercato (il Pellicano di via San Bernardino) ha messo in moto una serie di riflessioni tardive sull’inflazione di centri commerciali, ipermercati e grandi superfici di vendita nella nostra Città. Tutti pronti a rilevare "l’inadeguatezza della pianificazione urbanistica" nella nostra città dimenticando che queste scelte era possibile contrastarle al momento dell’adozione delle relative delibere comunali. Negli uitmi cinque anni il Comune ha approvato: il Famila a Colognola e la Coop in via Autostrada con varianti al Piano Regolatore, l’ampliamento dell’Auchan in via Carducci (poi cancellato grazie ad una nostra osservazione al Piano di Governo del Territorio). Da considerare che il vecchio Piano Regolatore già prevedeva un supermercarto all’ex Cesalpinia (Il Gigante aperto da poco) e la Esselunga in via San Bernardino grazie ad un accordo i programma firmato nel 1997. Si sapeva benissimo che si sarebbe andato a sbattere con queste aperture incontrollate di esercizi commerciali soprattutto in un periodo in cui la gente ha sempre meno soldi da spendere. Ma in questa città ormai spopolano i profeti del giorno dopo, gli indignati a scoppio ritardato, gente che critica senza accorgersi che con il loro silenzio ha fornito coperture a questi errori macroscopici. Da considerare che molti centri commerciali oggi lavorano come imprese immobiliari, nel senso che chiedono maggiori spazi che poi affittano ad altri negozi intascandone l’affitto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da doge

    davvero ? chi se ne è accorto è un lungimirante del giorno dopo , dopo averne costruiti inutilmente un sacco e distrutto il paesaggio ( es. Mapello /Ambivere ) complimenti

  2. Scritto da diego

    …e lo avete capito solo adesso?? ma allora siete proprio dei geni!!!!

  3. Scritto da Giggi

    Molti centri commerciali moriranno nel tempo massimo di 5 anni. Resteranno solamente alcuni storici o le eccellenze. La politica dovrebbe ora cominciare a studiare come riqualificare tutto questo cemento; se no, ci troveremo molte “cattedrali” abbandonate

  4. Scritto da eli

    Daccordissimo con chi dice che i nostri paesi a causa di questi centri commerciali sono diventati paesi fantasmi. Sarebbe bello invece avere ancora il negozio sotto casa .

  5. Scritto da pippo

    La nuova trovata del PDche dice che non bisogna costruire lo stadio nuovo, perche’ si e’ usato troppo verde….come mai che si sono rilasciate tante licenze edilizie per i centri commerciali?e si continua ancora???Nemmeno Milano e i comuni limitrofi dispongono di mega centri commerciali come BG.E’ ora di disfarcene di certa gente che nonfa altro che i propi interessi…..

    1. Scritto da Z

      E lo chiedi al PD ?

  6. Scritto da darioflautista

    sì però mi chiedo, noi di rifonda, e voi del pd, in giunta che ci siete stati a fare? coccolati dalla longa manus degli immobiliaristi, dei Rocca, ad autorizzare colate di cemento, distruzioni irreversibili del territorio, carie mostruose in città alta e sui colli, sfacelo negli orti sotto alle mura… e poi pronti a chiederci di suonarvi il tamburino in campagna elettorale

  7. Scritto da pippo

    meno male che iniziano a chiudere i centri commerciali .ERA ora perche’hanno rovinato i negozi di vicinato e deturpato i quartieri.

  8. Scritto da pippo

    meno male che iniziano a chiudere i centri commerciali .ERA ora perche’hanno rovinato i negozi di vicinato e deturpato i quartieri.

  9. Scritto da Lega Nord

    Nappo Nappo… è la Lega che ha bloccato l’ampiamento dell’Auchan di via carducci, è la Lega che ha bloccato il centro commerciale alla rotonda C6 del nuovo ospedale di Longuelo, è la Lega che ha diminuito del 20% le volumetrie del PGT di Bruni… non prenderti meriti che non hai!

    1. Scritto da Zufolo

      Il pallino dei grandi centri commerciali è in mano alla Regione da cui DEVONO essere approvati .

    2. Scritto da precisino

      La Lega? Quella del centro commerciale di Ambivere o quella del centro commerciale di Grumello del Monte, a ho capito la LEga di Albano S. Alessandro (quattro centri commerciali in 5 anni, l’ultimo alla ex Ca Longa inutile e assurdo). Se la Lega non la vota più nessuno ci sarà un motivo?

      1. Scritto da luigi nappo

        Non parlare mai senza conoscere le carte. L’unica osservazione presentata in Comune per cancellare l’ampliamento dell’Auchan è firmata dal sottoscritto. In materia la direzione del supermercato ha presentato ricorso al TAR, Informatevi bene!!!!

  10. Scritto da quartieri desolati

    Hanno fatto sparire i negozi di prossimità con un metodo scientifico, eppure in campagna elettorale sono tutti a promettere di ascoltare la popolazione, poi …….

  11. Scritto da luc

    …eh certo, bisogna autorizzare solo quelli giusti … non gli altri ;)

  12. Scritto da Yuri

    Evidentemente chi ci governa se ne frega ampiamente delle persone anziane.
    Tutti questi supermercati e centri commerciali hanno fatto sparire e faranno sempre piu’ tabula rasa dei piccoli negozi di quartiere.
    E LE PERSONE ANZIANE O COLORO CHE NON POSSONO PIU’ GUIDARE L’AUTO DOVE VANNO A FARE LE SPESE ?

  13. Scritto da Marcus

    Ci voleva un genio per capire tutto ciò. Evidentemente nelle Giunte di Bergamo questi non c’è !

    Guardate nel km quadrato tra via Autostrada, via San Bernardino, via Carducci, Circonvallazione di Colognola quanti supermercati e Centri commerciali ci sono. Una assurdità !

  14. Scritto da giustino

    troppi centri commerciali???? dove??? grazie a queste attività di concentramento commerciale sono spariti i negozi di paese, se ti serve un etto di prosciutto devi buttar via un’ora della tua vita per andare al centro commerciale, parcheggiare, prendere le scale mobili,attraversare le sconfinate lande dei corridoi della “galleria”, entrare al supermercato, scavalcare i carrelli, i cartelloni delle offerte…..arrivi al banco, prendi il numerino..e li mezz’ora ad aspettare.. ……….

    però che buono sto prosciutto, era pure in offerta!