BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Facebook crolla in borsa Il professor Comana: “Valutazione astronomica”

Il marchio di Zuckerberg sbarca in borsa e perde in pochi giorni 2,2 miliardi di dollari. Il professore bergamasco: "Gli analisti hanno quotato alle stelle delle azioni che, ora come ora, non possono valere tanto.

Più informazioni su

Wall Street sorride, le azioni di Facebook (e i primi investitori) un po’ meno. In un inizio di settimana brillante per la borsa di New York, il prodotto di Mark Zuckerberg sbarca nel mondo dell’industria finanziaria con un pesante tonfo: nei primi giorni di scambi, infatti, i titoli di Facebook hanno bruciato 2,2 miliardi di dollari, arrivando a perdere il 13% a 33,12 dollari, ben al di sotto dei 38 dollari fissati nell’ipo, fra scambi sostenuti, con più di 30 milioni di azioni passate di mano nei primi minuti di scambi.

Per Zuckerberg è solo “un colpo basso delle banche”, per qualcuno “una fase passeggera che si risolverà”, per altri ancora “un qualcosa di terrorizzante mai visto prima”.

Per Mario Comana, professore ordinario di economia degli intermediari finanziari alla Luiss Guido Carli, si tratta invece di un crollo facilmente ipotizzabile: “Gli analisti – spiega il professore bergamasco – hanno quotato alle stelle delle azioni che, ora come ora, non possono valere tanto. Forse nel 2005 potevano essere pagate 38 dollari l’una ma oggi, con la grandissima ascesa di Twitter che ha relegato Facebook al secondo posto della classifica dei social network, varrebbero sì e no la metà. La vita di questi strumenti – continua Comana – sappiamo benissimo tutti che è breve perché nella tecnologia è facile fare il boom e poi finire in secondo piano”.

Secondo il professore della Luiss “Zuckerberg è stato un genio nello sviluppare Facebook e, soprattutto, nel portarlo all’apice ma il mondo finanziario è un’altra cosa. La valutazione astronomica delle sue azioni ha fatto sì che la trattazione, in questi primi giorni di borsa, sia sempre al di sotto del prezzo di offerta, soprattutto in un momento come questo in cui Twitter sta avendo il sopravvento. Consigli? Nessuno ne può dare: vediamo come proseguirà al vita finanziaria del social network”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roberto

    Scusate ma se ha perso 2,2 MILIONI di dollari ha perso ben poco!
    O vi siete sbagliati?

    1. Scritto da bergamasc

      Infatti hanno scritto 2,2 miliardi…
      Comunque è una valutazione esagerata. Vi ricordate quando tiscali valeva più della fiat e il titolo guadagnava tutti i giorni il 20% solo perchè c’era sempre piu gente che vi accedeva? Questa è la stessa storia…comprare questi titoli è un pò come investire nella carta igienica…occhio!

    2. Scritto da bergamasc

      Infatti hanno scritto 2,2 miliardi…
      Comunque è una valutazione esagerata. Vi ricordate quando tiscali valeva più della fiat e il titolo guadagnava tutti i giorni il 20% solo perchè c’era sempre piu gente che vi accedeva? Questa è la stessa storia…comprare questi titoli è un pò come investire nella carta igienica…occhio!