BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tubercolosi a scuola Test e prevenzione con un mese di ritardo

Il 26 aprile la segnalazione all'Asl di un caso di tubercolosi polmonare in una studentessa del "Mamoli" di Bergamo. Solamente lunedì 21 maggio i test per i compagni di classe e i docenti.

Più informazioni su

È allarme all’Istituto “Kika Mamoli” di Bergamo per un caso di tubercolosi polmonare. Un’alunna della classe seconda sarebbe risultata infetta e la segnalazione all’Asl di Bergamo è avvenuta lo scorso 26 aprile. Il caso è stato reso noto solamente nei giorni scorsi quando l’Asl ha convocato il comitato degli alunni e dei genitori e da lunedì 21 maggio ha avviato i test alla tubercolina (Test Mantoux).

Secondo l’Asl “Non si è ritenuto al momento necessario estendere le indagini ad altre classi poste nello stesso piano, né tantomeno all’intero istituto, in quanto l’alunna ammalata rappresenta un caso a bassa contagiosità e, inoltre, non ha condiviso con latri alunni di altre classi attività didattiche continuative e l’unico spazio condiviso è il corridoio dove si affacciano le autle e dove l’alunna non sosta neanche all’intervallo”.

Non è stata resa nota l’identità della ragazza, anche se pare sia un’adolescente di origini nordafricane.

La tubercolosi polmonare è una malattia infettiva è la prima via di trasmissione per infezione è quella respiratoria.

“Non vorremmo allarmare nessuno, però crediamo che ci sia stata poca serietà su questo caso – afferma un genitore – dalla segnalazione all’Asl alla fase dei test è trascorso quasi un mese. La tubercolosi si trasmette in luoghi chiusi ed affollati eppure nell’avviso che è stato recapitato al comitato genitori dall’Asl si sottolinea che ‘affinché si instauri il contagio è necessario che i contatti siano continuativi nel tempo e non per brevi periodi’. Considerando che le nostre figlie trascorrono circa cinque ore al giorno nella stessa aula per l’intera settimana ci sembra che i requisiti per un contagio più esteso ci siano tutti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.