BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’ostaggio dell’agenzia: “Deluso dal Codacons per il legale a Martinelli” fotogallery

L'associazione dei consumatori ha messo a disposizione un legale per difendere Luigi Martinelli, l'imprenditore che armato di fucile e due pistole ha fatto irruzione alla sede dell'Agenzia delle Entrate di Romano di Lombardia.

Più informazioni su

Non nasconda la sorpresa e non cela la delusione Carmine Mormandi, l’ultimo ostaggio liberato le sera del 3 maggio scorso nella sede dell’Agenzia delle Entrate di Romano di Lombardia.

Per oltre cinque ore era stato ostaggio di Luigi Martinelli, l’imprenditore che con un fucile, due pistole, un coltello e un centinaio di proiettili nello zaino aveva fatto irruzione nello sportello dell’Agenzia delle Entrate.

Martinelli ora andrà a processo e potrà contare su un avvocato gratis messo a disposizione dal Codacons. La decisione di una delle associazioni di consumatori più popolari in Italia non è passata inosservata, apre polemiche e suscita molte perplessità.

Carmine Mormandi, l’ultimo ostaggio a essere liberato, non fatica ad ammettere: “Sono meravigliato e un po’ deluso. Non mi so spiegare questa scelta. Quella del Codacons è una scelta che stona. Dovrebbero aiutare i cittadini che hanno bisogno, non Martinelli, che non è un disperato. E ha figli e fratelli che lo possono aiutare”.

L’accusa nei confronti di Martinelli, fino a poco tempo fa titolare di una piccola impresa di pulizia, è di sequestro di persona, minaccia aggravata, esplosione di colpi in luogo pubblico e detenzione e porto abusivo di armi. Il debito con il fisco di Martinelli ammonta a soli 2.400 euro – vecchi canoni Rai – e non di 44mila come aveva annunciato il senatore leghista Roberto Calderoli subito dopo aver fatto visita a Martinelli in carcere.

Alla sorpresa e delusione dell’ostaggio si aggiunge quella del primo legale che fino a qualche giorno fa aveva il mandato per difendere Martinelli: “Da cittadino non capisco che cosa c’entri un’associazione che si occupa di tutela dei consumatori con una vicenda del genere – evidenzia l’ex legale di Martinelli, Stefano Paganelli, –. Una vicenda in cui c’è stato un sequestro di persona con uso di armi. E non dobbiamo mai dimenticare che c’è una persona dietro alle sbarre e forse gli farebbe meglio avere meno pubblicità”.

Alla bufera di critiche risponde il presidente del Codacons Carlo Rienzi: “La difesa legale offerta a Martinelli è un gesto simbolico per dare un segnale sullo stato di difficoltà in cui versano migliaia di piccoli imprenditori, vessati dai debiti e dalle richieste di Equitalia. Non giustifico l’atto di Martinelli, ma lo considero un gesto folle dimostrazione della incapacità di intendere e di volere che si è manifestata in una persona debole e onesta, la quale ha visto messa a rischio la propria vita e dignità, in un momento di forte disagio per una crisi che morde”.

Il caso però apre un altro fronte nel processo: se Mormandi e gli altri ostaggi si costituiranno parte civile nel procedimento penale, dovranno far valere le proprie ragioni contro quelle sostenute da Giuliano Leuzzi, il legale messo a disposizione dal Codacons. Di fronte a questa possibilità Rienzi stronca la polemica: “Se Mormandi vorrà, forniremo un legale pure a lui. Ognuno dei due avvocati farà il suo lavoro nel miglior modo possibile”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da castigatridendo

    la lega si è tirata fuori dall’autotrappola in extremis, il codacons si giudica da solo.

  2. Scritto da Luciano Avogadri

    Sono indignato.
    Verso il Codacons per la superficialità che dimostra.
    E per quelli (Lega in primis, ma non solo, perchè i demagoghi in Italia non mancano) che hanno istigato per anni a non pagare il canone RAI senza fare invece la cosa corretta, che era quella di abolirlo (con relativa privatizzazione della RAI).
    E dopo aver lanciato sassi e sassi, si ostinano a voler continuare a nascondere il braccio.

  3. Scritto da roberto

    Incredibile!! ma questo CODACONS chi rappresenta? la gente in armi che commette reati?

  4. Scritto da lettore attento

    veramente penosi si difendono i cittadini disonesti….non mi inscriverò più…

  5. Scritto da ex elettore

    Ma il porcellum non aveva dichiarato che ai difensori ci avrebbe pensato la lega? Come al solito sono di parola……