BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Finale Coppa Italia Fischiato l’Inno di Mameli

Prima del'inizio della partita fra Napoli e Juventus l'inno di Mameli intonato dalla cantante Arisa e' stato fischiato da una parte del pubblico.

Un brutto episodio è successo domenica sera allo stadio Olimpico poco prima dell’inizio della partita per la finale di Coppa Italia fra Juventus e Napoli.

L’inno di Mameli intonato dalla cantante Arisa e’ stato fischiato da una parte del pubblico per tutta la durata dell’esecuzione. I fischi sono sembrati provenire da alcuni settori dello stadio occupati dai tifosi del Napoli. Nessuna contestazione, invece, poco dopo, in occasione del minuto di silenzio per le vittime dell’attentato di ieri a Brindisi e del terremoto di questa notte in Emilia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da paolo p

    sono in attesa di legger la multa del giudice sportivo..per fischi all’inno, urla nel minuto di silenzio (xchè si son sentite bene), botti, fuochi, invasione e quant’altro.. Ricordo che in occasione di Novara-Atalanta abbiamo preso 3.000€ x un bicchier di plastica.. Vero l’italia non è unita, uguale..a qualcuno è permesso tutto ad altri no..e poi m itocca sentire pure la pantomima napoletana dei soliti piagnina. Per favore..almeno abbiate un minimo di orgoglio, ma forse è proprio nel DNA lamentarsi sempre e piangere..l’importante è scaricare le colpe.

    1. Scritto da 081

      L’accontento subito: il giudice sportivo ha comminato un’ammenda di 20 mila euro al Napoli per i fischi dei suoi tifosi durante l’esecuzione dell’inno nazionale prima della finale di Coppa Italia all’Olimpico di Roma. (Fonte: Calciosport24).
      Ora sono io che resto in attesa di leggere delle sanzioni comminate dal giudice sportivo (Tosel di Verona, nd081) verso quelle tifoserie che cantano “Vesuvio lavali col fuoco”…ah no, scusi, quella è tipica goliardia nordica…

      1. Scritto da paolo p

        20.000€ SONO NOCCIOLINE..FORSE NON SAPETE LE MULTE COMMINATE SOLITAMENTE.. SOLITA PIETà VERSO I NAPOLETANI. PENSATE CHE LE MULTE NORMALMENTE SONO 10/5MILA € A BOTTO E PER INVASIONE SQUALIFICA DEL CAMPO. ADDIRITTURA C’è CHI PER SMINUIRE HA DETTO FISCHIAVANO ARISA. SI INFORMI, SONO STATI MULTATI ANCHE PER QUELLO I VERONESI..

    2. Scritto da Piero

      veramente sei tu quello che sta piangendo…cito”sono in attesa di legger la multa del giudice sportivo… Ricordo che in occasione di Novara-Atalanta abbiamo preso 3.000€ x un bicchier di plastica..”…
      Nel seguente link il motivo dei fischi all’inno: http://www.meridionalismo.it/2012/05/21/la-semplice-spiegazione-ai-fischi-allinno-italiano-di-cui-i-media-non-voglio-far-sapere-da-leggere/
      e qui guarda il video: http://angeloxg1.wordpress.com/2011/09/30/un_maradona/

  2. Scritto da matteo de capitani

    Con i morti ancora caldi il calcio non è in grado di “limitarsi”.
    Che la partita andasse giocata per “ordine pubblico” posso accettarlo, ma i fuochi d’artificio e le stelle filanti con conseguenti esagerate esternazioni proprio NO!
    Ancora una volta il calcio, i tifosi, i calciatori non sono stati in grado di comprendere la gravità del momento: un mono a parte, purtroppo. I fischi all’inno sono lo scandalo che completa la vergogna.

  3. Scritto da g

    e oltre ai fischi… dei petardi sparati ripetutamente e dell’invasione di campo non ne vogliamo parlare?

  4. Scritto da napolinelcuore

    Prima di condannare i fischi chiedetevi qual è la causa che li ha scaturiti. Siete tutti bravi a condannare, ma nessuno a capire il motivo. In Italia sono accadute cose molto più gravi, e mi riferisco a chi ha bruciato la bandiera italiana, a chi dice Roma ladrona, a chi discrimina ogni giorno il Sud. Allora vi chiedo. Perchè condannate questi fischi che provengono da un popolo che viene ogni giorno deriso e discriminato? Condannate prima chi fa di peggio in Italia, chi non sa governare e chi non sa fare scaturire il senso patriottico in ognuno di noi.

    1. Scritto da paolo

      allo stadio è comparso anche lo striscione “Italiani noi? no siamo napoletani”…..questo non è contro l’unità? ma non ho sentito nessun benpensante lamentarsi ne tanto meno il sig. Napolitano pronto a scagliarsi subito contro la Lega e i leghisti.

      1. Scritto da paolo p

        oppure il buon “INFEDELE” che sulla famosa frase NOI NON SIAMO NAPOLETANI ha montato un’intera trasmissione, parlando di razzismo, fanatismo, trogloditi, ecc..ecc.. FIERO DI ESSER ITALIANO, BERGAMASCO E ATALANTINO!!

        1. Scritto da luigi

          Avete sempre odiato i napoletani, e adesso vi lamentate perche’ i napoletani non vogliono essere italiani, non c’e’ coerenza nei vostri commenti.

          1. Scritto da paolo p

            sono i napoletani che si fanno odiare..e non da NOI ma da TUTTI..giri l’italia e domandi, non sol oal nord ma specialmente al sud (Calabria e Puglia) soprattutto.. non parliamo poi della Sardegna dove nemmeno possono vederli

          2. Scritto da Antonio

            Si.. e allora? Guadi, caro Paolo, forse lei non ha ancora capito un semplice concetto… noi non stiamo a piagnucolare affinchè la sua Italia ci accetti o ci aiuti, ma stiamo cercando di uscirne, purtroppo inveno, con tutte le nostre forze. Per me è un grave disonore avere lo stesso passaporto di un bergamasco, di un milanese o di un veronese. Le è più chiaro, adesso, il concetto?

  5. Scritto da La verità fa male

    1) con tutto quello che accade negli stadi ogni domenica, si mette in evidenza un episodio secondario come questo; e poi non sono vizi solo italici gli scempi degli stadi, ieri in Francia è stata sospesa due volte (per lanci di oggetti in campo) la partita che decideva il campionato 2) Lega o non Lega, Bergamo o Napoli, l’Italia non è mai esistita veramente, l’assistenzialismo democristiano fu un modo per salvare capra e cavoli (e non ha salvato proprio nulla, semmai ha gettato le basi della bancarotta finanziaria dell’Italia) ma in realtà quasi tutti pensano al proprio orticello (al proprio campanile, alla propria piccola casta) fregandosene di tutto il resto

  6. Scritto da brigantessa

    Barbaro Sognante,la lega e’ centralista e non indipendentista perche’ a Roma mangia e compra le lauree ai figli con i rimborsi elettorali.La secessione sta partendo dal sud,siete solo chiacchiere e distintivo…bla bla bla! In 20 anni non avete fatto nulla!

    1. Scritto da g

      non avremo fatto nulla… ma se un fatto del genere fosse successo a bergamo, titoli in prima pagina e molto altro….qui invece niente multe niente di niente…….se poi volete anche voi la secessione,,,benissimo

      1. Scritto da luigi

        BASTA!!!! Sono gia’ 151 anni che siamo una colonia degli industriali e banchieri del nord. Ci avete depredato, avete smantellato le nostre fabbriche, avete massacrato centinaia di migliaia di meridionali, vi servite di politici meridionali corrotti che stanno alle vostre dipendenze. Siamo Duosiciliani, non siamo italiani e non vogliamo esserlo, Viva il Glorioso Regno Delle Due Sicilie!

  7. Scritto da brigantessa

    Perche’ dobbiamo applaudire lo STATO OCCUPANTE? Noi non siamo italiani ma NAPOLITANI o DUOSICILIANI ! sSi devono vergognare le istituzione che ieri si sono presentate allo stadio (Schifani compreso) le partite dovevano essere sospese per la sedicenne morta a Brindisi. Nessuna vergogna,noi non siamo italiani e l’Italia non e’ la nostra patria (terra dei padri) W NAPOLI,W IL REGNO DELLE DUE SICILIE!

    1. Scritto da angilberto

      Ed io mi chiedo, cosa aspettate a chiedere la secessione? Magari imparereste a vivere e a gestirvi da soli! E noi a vivere meglio…

      1. Scritto da SUD

        Non poteva che essere così : l’azzurro intenso del mare di Napoli ha tinto tutta la città, che in unico grande coro innamorato dopo venti anni, ha fatto sventolare di nuovo la bandiera della vittoria. Una vittoria immensa che definire esclusivamente calcistica minimizzerebbe la portata di un fenomeno tutto partenopeo, che vede amalgamarsi adesso più che mai, la città e il popolo in un ruggito di liberazione e identità.
        Accade in un giorno particolare che il Napoli ottenga una vittoria schiacciante. Un giorno di tristezza generale, dopo l’attentato alla scuola Falcone-Morvillo di Brindisi e il pesante terremoto nell’Emilia.

  8. Scritto da wka

    l inno cantato da arisa è stato ,secondo il mio parere , abbastanza ridicolo tanto è vero che anche lei ,sempre secondo il mio parere , non lo ha cantato con il massimo della serietà che si deve ad un inno.

  9. Scritto da uno qualunque

    Commentare i fischi di questi personaggi,sarebbe sparare sulla croce rossa.Non dimentichiamoci che ad Italia 90, c’erano “italiani” che tifavano argentina in onore del loro beniamino..
    Vorrei invece sottolineare che sulla radio nazionale,i due commentatori sono stati pronti a stigmatizzare immediatamente quattro imbecilli che non hanno rispettato il minuto di silenzio, ma si sono dimenticati che qualche secondo prima migliaia di persone hanno fischiato l’inno nazionale (a prescindere d’esecutore,provate a farlo su un campo di quartiere di un qualunque sport in qualunque nazione,poi vediamo..) e non paghi,loro stessi hanno continuato a snocciolare dati e commenti durante l’esecuzione.Chapeau!

  10. Scritto da Sergio-Svizzera

    Sarà stata l’emozione o cos’altro ma l’esecuzione dell’inno nazionale da parte di Arisa non è stata certamente delle più coinvolgenti. Detto questo, i fischi all’inno di Mameli si possono solo giustificare col fatto che noi italiani non siamo mai stati un vero popolo ma una folla divisa in 8.094 comuni ciascuno con il proprio gonfalone.

  11. Scritto da terrone

    ovvio che i fischi erano per Arisa

  12. Scritto da Arturo

    Quando a napoli sparoano bombe e petardi allo stadio nessuno si indigna, se lo stesso succede a Bergamo, tutti a insultare Bergamo, i Bergamaschi e i tifosi aatalantini. È ovvio che ci sono 2 pesi e 2 misure da parte delle forze dell’ordine che li lasciano entrare e della magistratura che se ne frega. A Bergamo invece manganellate a go-go,denunce e condanne.Dovrebbe essere fischiato a Bergamo l’inno dove si subisce sempre tutto.Naturalmente i caroselli dell’moto con tutti senza casco (p0lizia e C. scomparsi,forse perchè dei loro?).

  13. Scritto da reds65

    fosse successo a Bergamo … apriti cielo, oltre ai fischi sono state fatte esplodere almeno una cinquantina di bombe carte, se ci fosse uniformità di giudizio la/e società coinvolta/e dovrebbe/ro accendere un mutuo x pagare le multe !

  14. Scritto da 082

    x 081 Io sono orgoglioso di essere bergamasco e non italiano ……

    e non sono leghista……napoletani sempre ironici…..

  15. Scritto da gino

    finalmente leghisti e napoletani han trovato un punto in comune, alle prossime elezioni si cambia nome “Lega Nord per la liberazione della Campania”

  16. Scritto da poeret

    Brutto episodio.. i fischi venivano da lsettore del Napoli xciò si parla di loro ma i lconcetto non sarebbe cambiato se fosse stato un qualsiasi altro settore. Pultroppo e ribadisco pultroppo il fatto non è stato portato molto all’attenzione e aggiungo (in quanto frequentatore dell ostadio) che a bergamo ogni domenica fioccano multe per fumogeni, bott, palline di carta e bicchierini di plastica, ieri si è visto di tutto da quel settore, compresa l’invasione che costerebbe multe salatissime ma come al solito. Il colore/calore napoletano.. basta 2 pesi 2 misure, Si deve prendere una linea e seguirla, per tutti..

    1. Scritto da ex elettore

      Imparare l’italiano no? Pultroppo e ribadisco pultroppo……

    2. Scritto da 081

      “purtroppo” poeret “purtroppo”.

      1. Scritto da poeret

        si..si..attaccatevfi all’ortografia.. TIPICO x sviare, mi scuso per aver sbagliato a scrivere ma daltronde ho fatto di fretta. Il concetto non cambia, tranne x chi vuole solo spostare il probelma o chiudere entrambi gli occhi. Hanno fatto scappare dal campo (senza lasciar festeggiare il giusto) anche i loro giocatori, Cavani doveva sgomitare e Lavezzi si è incaxxato non poco mentre volevano rubare i suoi pantaloncini..che esempio di civiltà.

  17. Scritto da gibba

    speriamo facciano la secessione!!! evitiamo di farla noi!!

  18. Scritto da Rob

    Il mio sospetto è che i fischi fossero diretti all’esecutrice. Una scena pietosa, sembrava una bambina dell’asilo. Le mancava un flauto dolce stonato come accompagnamento. L’Inno va eseguito da gente capace.

    1. Scritto da bergamasc

      Sono d’accordo! La mancanza di rispetto verso l’Inno è venuta principalmente di chi ha avuto la geniale pensata di farlo cantare ad Arisa…La vedrei meglio a cantare Kiss Me Licia o Noi Puffi Siam Così…

    2. Scritto da 081

      E’ quello che penso anche io, ma è sempre più facile puntare il dito, in questo caso, nei confronti dei napoletani…che fa sempre più notizia.

      1. Scritto da berghem

        In effetti i poveri Napoletani sono sempre stati ingiustamente discriminati….peggio del popolo Ebraico! Probabilmente l’accoltellamento del tifoso Juventino è dovuto al fatto che era un fan sfegatato di Arisa! Le decine di bombe carta lanciate invece erano per far sentire la vicinanza del civile popolo napoletano alla popolazione Emiliana colpita dal sisma. L’invasione di campo…beh, volevano solo scusarsi con Arisa perchè si erano resi conto di aver un pò esagerato.

        1. Scritto da Piero

          Berghem…ma da dove viene il pulpito..i tifosi dell’Atalanta sono civilissimi..rispettano i tifosi avversari..sono gemellati con tutti..assolutamente non hanno mai accoltellato nessuno in effetti sono capeggiati da un gentleman chiamato Claudio Galimberti!!
          I napoletani non festeggiano se un popolo subisce un terremoto e lo sai bene perchè mentre dalle vostre parti si inneggia al vesuvio e comunque qualche giorno fa il leghista venturi su facebook ha scritto che il terremoto in emilia è successo perchè la padania si sta staccando dall’Italia!!

  19. Scritto da Il Naggio

    Napoletani leghisti…..

  20. Scritto da ex elettore

    A Bergamo quello della Tanzania….:))))

  21. Scritto da lucone

    a napoli volevano l’inno del Congo

    1. Scritto da 081

      lucone che sai bene con cosa fa rima…ma che ne sai tu, e la redazione, che sono stati i tifosi del Napoli a fischiare l’inno?Voi bergamaschi vi ergete sempre a paladini del giusto e del “puntare il dito”…che poi siete gli stessi che sputtanano il tricolore e cantano il Và Pensiero: ma andate a scopare il mare!!!

      1. Scritto da aldo

        non e’ un’ impresa ardua stabilire da che parte arrivino i fischi, i tifosi non erano mischiati, non entro nel merito di questa iniziativa ma suvvia… i fischi arrivavano dal settore tifosi azzurri !

      2. Scritto da Barbaro sognate

        Ah, perchè a cantare il “Va pensiero” si sputtana il tricolore?
        Ma va là …..Ma pensa Te…..
        Quello che l’ha scritto quel brano cos’è allora? Un terrorista che mina l’unità nazionale?
        Se fosse successa la stessa cosa al Brumana oggi la stampa nazionale avrebbe approfittato per bollarci tutti come degli ignorantotti e dei provincialotti
        E invece è successo a Napoli e andrà a finire a tarallucci e vino anche stavolta … Verrà interpretata come la solita goliardica sceneggiata napoletana …..
        Dove sono i detrattori della “Lega che contesta il tricolore”?
        Due pesi e due minsure, come al solito, come sempre …..
        Ma n’di’ a ciapà i racc che l’è mei ….