BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Carobbio inguaia Conte “Sapeva della combine”

Filippo Carobbio mette nei guai Antonio Conte. L'ex giocatore del Siena e capitano dell’Albinoleffe, che gli inquirenti giudicano credibile, ha rivelato particolari decisamente scottanti su un paio di combine di cui, a suo parere, l'attuale tecnico della Juve era a conoscenza.

Più informazioni su

Filippo Carobbio mette nei guai Antonio Conte. L’ex giocatore del Siena e capitano dell’Albinoleffe, che gli inquirenti giudicano credibile, ha rivelato particolari decisamente scottanti su un paio di combine di cui, a suo parere, l’attuale tecnico della Juve era a conoscenza. In particolare Carobbio ha raccontato che "Antonio Conte ci disse di stare tranquilli in quanto avevamo raggiunto l’accordo con il Novara per il pareggio". In quelle accuse Carobbio, raccontando la sua verità, ha chiamato pesantemente in causa Antonio Conte, per Novara-Siena del 30 aprile 2011: «Ci fu un accordo per far finire la gara in parità, in effetti ne parlammo anche durante la riunione tecnica e quindi eravamo tutti consapevoli del risultato concordato, soprattutto al fine di comportarsi di conseguenza durante la gara; lo stesso allenatore, Antonio Conte ci rappresentò che potevamo stare tranquilli in quanto avevamo raggiunto l’accordo con il Novara per il pareggio; non sono certo di chi per primo si accordò, comunque Drascek venne nel nostro albergo in ritiro e parlò con Vitiello; credo che quello sia stato il primo contatto, ma poi l’accordo è stato comunicato a tutti, visto che, come precisato, se ne parlò anche durante la riunione tecnica con l’allenatore». Una deposizione pesante per il Siena e Antonio Conte, soprattutto se letta in controluce con la convinzione degli uomini di Palazzi, sintetizzata in un eloquente: «Carobbio e Gervasoni sono due testimoni credibili, molto attendibili». Nella seconda fase d’inchiesta gli uomini di Palazzi saranno chiamati a cercare riscontri alle dichiarazioni di Carobbio (i dirigenti e i giocatori del Siena interrogati finora hanno negato) che, se confermate, prefigurerebbero l’accusa i illecito sportivo per l’allenatore della Juventus. Carobbio sarà la bussola della seconda fase dell’inchiesta — come lo è stato Gervasoni — e nel suo racconto fa nomi di tesserati e squadre. Tanti. Tra questi, anche quello dell’attuale vice di Conte alla Juve, Cristian Stellini, già secondo del tecnico pugliese al Siena: «Al termine della gara Siena-Albinoleffe dell’8-1-11, l’allenatore in seconda Stellini chiese a me e Terzi di contattare qualcuno dell’Albinoleffe per prendere accordi sulla partita di ritorno, in modo da lasciare i punti a chi ne avesse avuto maggiormente bisogno. Ne parlai con Garlini, un senatore dell’Albinoleffe e Terzi parlò con Bombardini, entrambi mostrarono la loro disponibilità. Nel tardo pomeriggio, o in serata del giorno della gara Albinoleffe-Siena del 29 maggio 2011, ci fu un ulteriore incontro fuori dal nostro albergo del ritiro al Park Hotel di Stezzano dove vennero Luigi Sala, Dario Passoni e Mirko Poloni, quest’ultimo collaboratore tecnico dell’Albinoleffe, che si incontrarono con me Nando Coppola e un altro…. In quell’occasione ci accordammo di concedere punti all’Albinoleffe che ne aveva bisogno per andare matematicamente ai playout, ma chiedemmo di limitare la vittoria ad un solo gol di scarto, possibilmente 1-0 (finì così ndr), sia per cercare di mantenere la miglior difesa, sia per evitare clamori su risultati troppo eclatanti; preciso che in settimana si parlò molto in società tra calciatori, allenatore e società dell’accordo raggiunto con l’Albinoleffe…. poi alla fine fummo tutti d’accordo, squadra ed allenatore, di lasciare il risultato all’Albinoleffe».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marcus

    In perfetto “stile Juve” !
    E adesso vediamo come si comporterà la “giustizia sportiva” !

  2. Scritto da andreabg1907

    e ora arriverà la sabbia come da migliore tradizione italiana

  3. Scritto da solodea

    adesso stiamo tutti pronti ad assistere allo … stile Juve !!!

  4. Scritto da me...doni

    Magari anche in questo campionato……Juve-Lecce 1-1, dicono papera di Buffon, ci credono tutti….un tempo e mezzo in 11 contro 10 la juve non riesce a vincere..

  5. Scritto da genu

    e giustizia sia!!!!!

  6. Scritto da L76BG

    Ora mi aspetto i commenti di tutti gli indignati che hanno voluto sparare sull’Atalanta.. Cmq siamo in Italia e la notizia (media nazionali) è già molto limitata rispetto alle montagne di prime pagine dedicate a calciatori e squadre minori, ora ci sono coinvolti i cosiddetti big e tutto pian piano verrà insabbiato, come al solito 2 pesi 2 misure.. resto in riva al fiume e aspetto deferimenti e penalizzazioni