BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Polemiche sull’Atalanta, Belotti attacca il Pd: “Non conoscono la passione”

L'esponente del Carroccio si scaglia contro il Partito Democratico bergamasco: "Certi personaggi snob non perdono l'occasione per mettersi in mostra, non tenendo conto dell'importanza che può avere la realtà nerazzurra per la nostra città".

Più informazioni su

La Città Nerazzurra che tanto ha colorato e infiammato il centro cittadino in questi primi giorni di maggio, oltre ai ricordi di una grande festa targata Atalanta, ha lasciato anche qualche polemica di chiaro stampo politico. Polemica che ai tifosi bergamaschi è piaciuta poco, tanto che, alla grande festa organizzata mercoledì sera dalla società atalantina per permettere ai giocatori di salutare i propri sostenitori, i vertici della Nord hanno voluto esternare tutto il loro malcontento con due striscioni esposti a pochi metri da Palazzo Frizzoni.

Sulla questione è tornato anche il leghista Daniele Belotti, uno che il suo amore per i colori nerazzurri non l’ha mai nascosto: “Perché i signori della sinistra ce l’hanno con l’Atalanta? E’ una domanda che mi sto ponendo da un po’ di tempo – spiega l’assessore regionale -. Probabilmente si tratta solo ed esclusivamente di una smania di protagonismo di certa gente che ha l’assoluta necessità di mettersi in mostra. Stiamo infatti parlando di personaggi che si credono snob perché frequentano salotti pseudo-culturali e che non sanno minimamente cosa sia la passione. Quello che dispiace – continua Belotti – è che, con tutte queste polemiche inutili, non si capisce quanto sia importante per la città l’Atalanta, una delle poche cose che riesce ad unire tutti: dall’uomo alla donna, dal ricco al povero, dall’imprenditore al disoccupato. Considerare un semplice striscione blasfemo è assolutamente ridicolo, e poi – spiega ancora l’esponente del Carroccio – perché non si tiene conto della beneficenza che durante la Città Nerazzurra è stata fatta? Certe polemiche, prime di essere sollevate, andrebbero analizzate bene”.

Belotti torna poi su un punto cruciale della controversia: “Queste iniziative bellissime – commenta – non pregiudicano la possibilità di far diventare Bergamo capitale europea della cultura, come qualcuno ha provato ad insinuare. Sono stato a Genova nel 2004, quando alla città ligure è toccato il titolo tanto ambito, e proprio in quel periodo ho visto appese a diversi balconi delle case le bandiere di Sampdoria e Genoa. In un’intervista letta di recente, poi – continua Belotti -, ho avuto modo di “apprezzare” le parole del presidente di una nota banca bergamasca che definiva l’Atalanta “undici uomini in mutande che corrono dietro ad un pallone”. Peccato, però, che proprio la sua banca figura nella lista degli sponsor del club nerazzurro. E allora mi chiedo: perché tante polemiche e tante ipocrisie inutili quando si parla di Atalanta? Una risposta, però, non l’ho ancora trovata”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da atalantino

    volevo ricordare all’assessore, che sabato era ospite insieme al vice sindaco Dr Ceci, al forum Bergamo Sostenibile, dove c’erano sul piatto i problemi dei quartieri Malpensata, Colognola, Redona, S Lucia, Bgo Palazzo ecc ecc, si e’ parlato anche di parco agricolo. Io sono da sempre leghista ,( meglio specificarlo se no sono capaci di etichettarmi comunista perche’ ho troppo senso civico), tifo atalanta, ma faccio presente che i problemi di Bergamo sono molti ,e molti ne sono stati esposti
    se solo si fossero fermati sino alla 18,30 anziche’ andarsene via dopo poco il loro intervento, si sarebbero resi conto.
    Il messaggio che hanno dato e’ stato quello di una politica, lontana dai problemi reali della gente, peccato veramente.
    L’atalanta e’ una squadra, giusto festeggiare se si vince una coppa o lo scudetto, ma questa esagerazione e’ innaturale, la gente ha bisogno d’altro, spero che si dia lo stesso spazio ed enfasi anche ad altri sport, giusto per equita’ e coerenza, grazie

  2. Scritto da giupì

    Dopo Belsito, via Bellerio, ecco che riemerge ol Belòt col solet rebelòt. A Genova gli direbbero Belìn.

  3. Scritto da Camicia rossa

    Una polemica come sempre di bassa… lega! Il Mr Bean di noantri evidentemente per distrarsi dai problemini che stanno devastando il suo movimento ogni tanto si inventa una polemica, così tanto per ravvivare un pò..l’ambiente. Ognuno fa quel che può!

  4. Scritto da genova e bergamo

    Il leghista in oggetto ha il dono della scaltrezza, che non coincide necessariamente l’onestà intellettuale. E’ stato a GE e ha “visto appese bandiere di Sampdoria e Genoa”. Ha visto bene: bandiere appese da privati cittadini ai balconi di private dimore . Non ha certo visto via XX settebre addobbata con le effigi dei loro eroi, ne’ bandiere genoane o doriane appese sui palazzi municipali, ne’ in via garibaldi, ne’ in via cairoli, ne’ tantomeno ha visto striscioni e canotte pendere dalla lanterna, l’equivalente genovese delle ns mura. Questa giunta e lui stanno a Bergamo e all’Atalanta come Achille Lauro stava a Napoli e al Napoli nei ’50. Illustri predecessori, c’e’ da andarne fieri.

  5. Scritto da Tone

    Belotti e la curva spingono stranamente verso il pensiero unico: se si è atalantini, bisogna per forza essere d’accordo con tutte le sue componenti. Ebbene, io sono atalantino ma non voglio asfaltare il parco agricolo, non voglio che la sede comunale vada contro la legge per fare pubblicità gratuita ad una marca di assicurazioni, non voglio difendere a tutti i costi un giocatore sotto accusa, e soprattutto non voglio essere rappresentato da belotti o il bocia. Sono un atalantino, non un pecorone.

  6. Scritto da gambero rosso

    Il legaiolo belotti ha già dimenticato chi si è schierato subito ed in prima fila sul palco a difesa dell’Atalanta e di Doni? Glielo ricordiamo volentieri:
    Martina Maurizio che è segretario regionale Lombardo del PD
    Rossi Matteo che è della segreteria regionale Lombarda del PD
    Riva Gabriele che è segretario provinciale Bergamasco del PD
    La Dea è di tutti, solo che alcuni vogliono politicizzare la curva.

  7. Scritto da nino cortesi

    Belotti ha già rappresentato concretamente un modo negativo di seguire l’Atalanta. L’Atalanta non ha nulla da spartire con Belotti. L’Atalanta è come un’alba chiara, come un profumo di mughetto.
    E presto toglieremo le transenne fra campo e tribune.

  8. Scritto da Lucone

    perchè il bacino di voti del pd sono le ultra novantenni che non sopportano un po’ di movimento sano in centro. Verranno puniti brutalmente nelle urne questi “signor no” a qualunque iniziativa. No alla festa, no allo stadio, si al ritorno dell’età del ferro

  9. Scritto da Giorgio

    Perché la Foppa non è l’atalanta, la situazione si fa difficile. A Bergamo conta solo l’atalanta, ma di tutto il resto a nessuno importa niente, non solo dello sport. Il sindaco e i politici locali, si preoccupano più di controbattere gli screzi locali che di tagliare la testa al toro e di risolvere i problemi. E’ stato difficile far rispettare le promesse a questo qui e poi gli affitti della Foppa. Se andava a Montichiari a quest’ora era serena e bergamo aveva ciò che si meritava. Una squadra che è il realmadrid della pallavolo trattata a pesci in faccia. I bergamaschi non capiscono niente!!
    Si lamentano dell’aeroporto, ma obbligano la gente a sorbirsi il CAOS di fanatici

    1. Scritto da poeret

      a differenza della Foppa che chiede soldi, l’Atalanta li dà.. scusi ma io i soldi pubblici non l ispendo ne per una ne per l’altra.. il fanatico in questo caso è lei che invece di guardare il fatto generale si limita al suo orticello (foppapedretti)

      1. Scritto da aldo

        l’atalanta da i soldi ??? a chi polizia, croce rossa ? a scusi ………ho capito cosa intendeva ……ha ragione

        1. Scritto da poeret

          paga affitto e sistemazione straordinaria (che spetterebbe al comune) per giocar eal comunale..a differenza di chi piange miseria, minaccia di andarsene ,ecc..ecc.. e cosi si trova spesi soldi pubblici per sistemare palazzetto e tribunetta (2pesi 2 misure a favore di chi?) si dovrebbe guardare oggettivamente alle cose, non parlando da tifosi..anche ora, credi che la settimana nerazzurra, camminata, ecc siano una spesa x il comune oppure un guadagno con soldi spesi per occupazione, permessi, ecc.. senza parlare della beneficenza.. Cmq quello che chiedo è che non si deve denigrare gli altri x rafforzare una propria idea (giusta o sbagliata che sia)

  10. Scritto da Marco Brembilla

    Belotti non si smentisce: come sempre chi non è d’accordo con lui è un salottiero, sinistrosso, radical-chic. Per quanto mi riguarda, pur non essendo un tifoso sfegatato come lui, ci tengo all’Atalanta anche perchè è ormai un pezzo importante della storia di Bergamo. Questo è altro rispetto alla settimana nerazzurra legittimissima ma con qualche eccesso sottolineato anche dalla stampa. Punto. Forse bisognerebbe ricominciare a pensare che se una parte della popolazione la pensa in modo diverso non è necessariamente retrograda o contro, magari ama di più la sobrietà.

  11. Scritto da Luca

    Belotti sei una contraddizione continua: prima di tutto auspichi Bergamo capitale della cultura ma ce l’hai a morte con chi una cultura ce l’ha; poi finiscila di utilizzare l’aggettivo “culturale” o “pseudoculturale” (come piace a te) in senso negativo. Forse se tu e i tuoi compari di partito aveste passato più tempo sui libri… non sareste diventati leghisti, con quanto di buono ne sarebbe conseguito. D’altra parte avete avuto il Trota come elemento di spicco del vostro partito…

    1. Scritto da greatguy

      be che le persone con cui ce l’ha Belotti abbiano cultura è una sua opinione….

  12. Scritto da Giulio Carresi

    Sul corriere della sera di oggi c’è un’intervista a Rossi del Pd che dimostra il suo attaccamento ai colori della Dea e lo fa in modo appassionato ma equilibrato. C’è una via di mezzo tra lo snobbismo di Einard e la strumentalità del Belot!

    1. Scritto da Mario

      Perfettamente d’accordo con questa considerazione.
      Buon senso e tranquillità ma si sa, siamo nel mondo dell’apparire e del bla-bla-bla ed è “bello” fomentare e attizzare polemiche inutili ! Vero Bergamo News !

  13. Scritto da Asmaven

    penso che sia il contrario:è la città che è importante per l’Atalanta. Facciamo 120.000 abitanti(1 milione tutta la provincia) e allo stadio ci vanno si e no 20.000 persone.. non è la gente che non comprende la beneficenza della Dea ma chi non si rassegna a capire che alla maggior parte delle persone non gliene frega nulla dell’Atalanta. Il sig.Belotti dovrebbe spendere meglio i nostri soldi e lavorare!

    1. Scritto da poeret

      allora seguo i lsuo ragionamento..mi dica cosa attira a bergamo più di 20.000 persone ogni 15 gg? Cosi vediamo come dare importanza alle cose.. xchè seguendo il suo ragionamento alla gente frega niente della Foppapedretti (forse 3.000 persone) o dell’accademia carrara (1.000 se va bene) o della gamec e via via dicendo.. non è che si debba esser per forza pro o contro, è una realtà va capita, aiutata o criticata a seconda delle situazioni e dei casi. Censuro e spero paghi l’ultras che dà le cinghiate, va elogiata la beneficenza..ed un pò di festa in centro non fà male a nessuno.. a me danno fastidio processioni, cortei funebri o via crucis, che dovrei fare? …AMEN

  14. Scritto da ROBY MARZIO

    leggendo questi commenti… non ho parole!!!! ma perchè ve la prendete con l’Atalanta.
    Bergamo sportiva è soprattutto l’Atalanta un GRAZIE alle iniziative del Presidente. Su con la vita fortunatamente NON ci sono solo pessimisti come voi…..

    1. Scritto da alboriv

      Caro Roby
      Nessuno se la prende con l’Atalanta ma molta gente se la prende con certi im…..li che fanno di una squadra di calcio una scusa per fare un sacco di idiozie, ultras, capi ultras,politici ultras ecc ecc. Farebbero meglio a spendere il loro tempo per cause più inteligenti e utili. La responsabilità di questa mentalità ultras (che poco c’entra con lo sport) la devono asuumere anche i media locali specialmente il giornale e la televisione della Curia bergamasca che tabto tempo dedicano alla squadra nuovo Vitello d’Oro.

    2. Scritto da Stanco delle pagliacciate...

      Basta con l’Atalanta i ciclisti e gli Alpini a Bergamo voglio piu’ cultura e meno pagliacciate in città.

      1. Scritto da greatguy

        io invece vorrei una bergamo con meno gente come te….

        1. Scritto da Camicia rossa

          E pure come te…

    3. Scritto da cua de paja

      Precisiamo che “Bergamo sportiva” è soprattutto fatta dai bergamaschi che lo sport lo PRATICA e si prodiga per consentire anche ai ragazzi di praticarlo. Tifosi si chiamano quelli chi vanno a vedere 22 professionisti strapagati che corrono con una palla su un campo da calcio e alcuni di loro si permettono pure di fare biscotto.
      Poi la festa (ma cosa si festeggia?) la si può anche fare nel rispetto delle regole e del buon senso senza che il politico-ultras se la prenda con chi passione al calcio non ha oppure dissente sull’uso di spazi e luoghi istituzionali per pubblicità di società private. Su con la vita non ci sono solo “tifosi” come lei ….

    4. Scritto da poeret

      TI Dò PIENAMENTE RAGIONE ..pultroppo c’è gente (tanta a bergamo) che vive male e deve solo criticare per darsi un tono, un pò di importanza..poi spesso scopri sono i primi con scheletri nell’armadio. Per chiudere come piace a voi..AMEN

  15. Scritto da Vittorio

    Belotti …quello che voleva sostituire il monumento di Garibaldi alla rotonda Dei Mille con la statua di Cristiano Doni…vi ricordate?
    Sig.Belotti si occupi dei veri problemi dei Bergamaschi se ci riesce.

  16. Scritto da miky

    Basta per favore Belotti.. Pensa a lavorare e a guadagnarti i soldi che ti diamo tutti, anche noi bergamaschi non tifosi, visto che ne guadagni fin troppi e non so ancora per che cosa.

  17. Scritto da DD

    ma è mai possibile che uno per definirsi bergamasco e innamorato della propria bella città e delle proprie origini DEVE per forza essere un tifoso sfegatato dell’Atalanta?
    A me non me ne frega un fico secco dell’Atalanta, eppure sono di Bergamo, e credo di non essere l’unico. Come mai se non si è atalantini e non si è simpatizzanti di Belotti (cosa che non riuscirei mai a fare nemmeno sotto tortura dato che i giornali li leggo, e non solo quelli a sfavore di una certa forza politica) si viene definiti “snob”? Belotti faccia il politico, e lasci le sue considerazioni sulla “bergamascolità” ad altri… Vaa a laurà nvece!!! Mai pà a tradimet!

    1. Scritto da gigi

      mi unisco al tuo pensiero …del resto belotti i voti li ha presi in curva, tentorio anche …vedremo il prossimo giro. entrambe non hanno fatto altro che parlare di atalanta e stadio, per il resto risposte ai problemi della citta’ e provincia zero. Di sicuro chi ci vede da fuori pensa che Bergamo sia un grande stadio …o poco piu’.

      1. Scritto da L76BG

        in curva..certo, 5/6000 persone, toglici i minorenni, toglici chi non abita a Bergamo ma in provincia (la maggior parte), toglici chi è nettamente schierato altrove..forse hanno preso 100 voti in curva..ma a te CONVIENE dire così vero. Belotti non è l’Atalanta (e viceversa) ma quell oche dice su certi suoi colleghi (xchè lo sono..) è vero. Poi se pensi che a prescindere uno della lega sbagli tutto e uno del PD azzecchi tutto, beh..capisco perchè il paese (e la nostra città) è allo sbando. Detto da uno di sx..curva sud

        1. Scritto da DD

          NON HAI CAPITO IL MIO COMMENTO. SONO DI BERGAMO, NON SONO UN SINISTROIDE O DELLA LEGA O GIU’ DI LI. DICO SOLO, E LO RIBADISCO, CHE NON ME NE FREGA NULLA DELL’ATALANTA E DELLE SUE FESTE, SOLO CHE NON ACCETTO IL CONCETTO CHE BERGAMO=TIFO ATALANTINO.
          A BERGAMO C’E’ ANCHE GENTE CHE NON TIFA PER L’ATALANTA O PER QUALSIASI ALTRA SQUADRA. INOLTRE NON MI VA’ CHE IL POLITICO DI TURNO USI IL CONSENSO CALCISTICO PER FARSI PROPAGANDA COME FA’ DA ANNI QUESTO PERSONAGGIO DEL BELOTTI. SE FOSSI UN TIFOSO MI DAREBBE ASSAI FASTIDIO.

  18. Scritto da atalo

    belotti dell’ atalanta a livello di media ne fa un uso esclusivamente strumentale ; e comunque pare sia il suo solo argomento “politico” efficace che gli rimane …..

  19. Scritto da Kafka

    Ma ve l’immaginate un americano o un cinese o un marziano che leggono questo titolo ? Per risolvere i problemi della nazione propongo di far pagare il biglietto per venire in italia a vederci e sentirci, metteremmo a posto il bilancio dello stato e in più ci lancerebbero anche le noccioline.

  20. Scritto da roberta

    Scusate, qualcuno mi saprebbe dire di quale presidente di banca stiamo parlando? Ho intenzione di spostare i conti della mia famiglia dalla banca attuale a quella di questo signore che ha detto parole sacrosante.

    1. Scritto da DD

      sottoscrivo… anche io; finalmente un banchiere che dice qualcosa di intelligente.. Chi è COSTUI??

  21. Scritto da Paolo tifoso deluso dell'atalanta

    Senza tirare in ballo questioni partitiche, il deferimento per responsabilità oggettiva dell’Atalanta bergamasca calcio può essere un buon motivo? Ci siamo già dimenticati del calcio scommesse? La passione non ce l’ha solo il Belotti o gli ultras, ce l’hanno anche i semplici cittadini che vanno allo stadio banalmente per vedere una partita di calcio aspettandosi che la partita non sia una combine. A Bergamo purtroppo non c’è più questa certezza di trasparenza e pulizia da tempo. La passione rischia di passare di fronte a queste cose

  22. Scritto da Orobico

    Quindi?

  23. Scritto da Nontifoso

    Sarà, egregio Belotti, ma a me sembra che al di là delle esternazioni di uno sponsor non coerente (affermazioni in contrasto con investimenti) ci sia un problema: lei dice che l’Atalanta è una delle poche cose che riesce a unire tutti… mi perdoni, ma nemmeno l’Atalanta riesce a farmi sentire unito a lei. E aggiungo (sono bergamasco da generazioni, non si facciano strane illazioni…) l’Atalanta è solo una squadra di calcio, non una bandiera o un simbolo di unità, anzi, episodi come lo sfregio in volto al tifoso juventino che non voleva cedere la sua sciarpa all’ultras atalantino dovrebbero mettere a tacere i suoi ecumenismi da curva nord…