BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I Soliti Idioti, comicità liberatoria al Creberg Teatro

Comico-Psichedelico Tour di e con Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio al Creberg Teatro giovedì 17 maggio alle 21 tornano a teatro "I soliti idioti" di Mtv.

Più informazioni su

I Soliti Idioti in Comico-Psichedelico Tour, di e con Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio al Creberg Teatro giovedì 17 maggio alle 21.  

Dopo il grande successo del 2011,con la messa in onda su Mtv e il loro esordio al cinema con un film campione d’incassi, I Soliti Idioti sono pronti per il teatro.

Fino al 21 Maggio Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio torneranno a calcare il palcoscenico con lo show da loro diretto dando vita ad un live esilarante con sketch inediti, trasformismo e canzoni.

Ospiti d’onore delle serate saranno i personaggi più popolari della serie.

“I Soliti Idioti”, il programma in onda su Mtv scritto da Francesco Mandelli, Fabrizio Biggio e Martino Ferro, interpretato dagli stessi Mandelli e Biggio, è un’ironica rappresentazione della cultura italiana, con i pregi e i difetti che tanto ci fanno amare ed odiare il nostro Paese.

Le mitiche coppie ormai elette a rappresentanti della società, tornano dunque a teatro con gli sketch che alternano risate ad incredulità e ad una straordinaria abilità nell’indossare i panni di tanti personaggi, tutti interpretati dai due istrionici attori.

Mandelli e Biggio, riescono infatti abilmente a cambiare faccia e personalità creando protagonisti che traggono ispirazione dalla borgata romana alla Milano bene, dal tema della mafia a quello di genitori e figli, passando dal mondo della Chiesa a quello dell’omosessualità.

Tutti questi personaggi e argomenti vengono filtrati attraverso la bizzarra lente della comicità surreale e di situazione, che ci mostra i vari tic degli Italiani e smaschera molte volte la loro innocente idiozia.

“I Soliti Idioti” sono comicità liberatoria, specchio di un’Italia contemporanea di cui si ride proprio perché ci si riconosce e, in fondo, a cui non si può non volere bene.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.