BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Contestazione a Monti il 26 in piazza a Bergamo “Il nostro debito solo loro”

Il comitato "Adesso basta"che coinvolge partiti, associazioni, collettivi, sindacati si prepara a contestare il premier Mario Monti. Il capo del governo il 26 maggio sarà a Bergamo per partecipare al giuramento dei cadetti della Guardia di Finanza.

Più informazioni su

Il  comitato "Adesso basta"che coinvolge partiti, associazioni, collettivi, sindacati si prepara a contestare il premier Mario Monti. Il capo del governo il 26 maggio sarà a Bergamo per partecipare al giuramento dei cadetti della Guardia di Finanza. Una cerimonia significativa per Monti, che ha fatto della lotta all’evasione fiscale un pilastro della sua politica di risanamento dei conti dello Stato. I ragazzi del centro sociale scenderanno in strada dalle 9, il ritrovo è a piazzale Marconi. ”Monti è atteso a Bergamo per il giuramento della Guardia di Finanza, ospite d’onore insieme a evasori, speculatori, banchieri e potenti vari, ovvero coloro che questa crisi l’hanno provocata – si legge nel comunicato che annuncia la protesta – . Monti è il fedele attuatore delle politiche prescritte dalla BCE, che impongono sacrifici sempre alle stesse persone: tasse totalmente inique, attacchi all’articolo 18 e ai diritti del lavoro, allungamento dell’età pensionabile, tagli ai servizi sociali, all’istruzione, alla sanità e alla cultura. Il nostro debito sono loro, un debito che non vogliamo e non possiamo più pagare! Non siamo più disposti a sacrifici, rifiutiamo le politiche di austerità di un governo di "unità nazionale" che fa cadere sulle nostre spalle un debito che non abbiamo contratto noi. Il governo non sottrae un centesimo a tutto ciò di cui potremmo certamente fare a meno: spese militari, grandi patrimoni, capitali finanziari, opere speculative e dannose (come le autostrade Bergamo-Treviglio e Bre.Be.Mi o il TAV), i costi di una classe politica che ormai non gode più di alcun credito”. Ma non sono gli unici che avranno qualcosa da dire al capo del governo. Anche il sindaco Franco Tentorio approfitterà dell’occasione per manifestare vis a vis tutta la sua indignazione per l’accantonamento della sede della scuola di magistratura a Bergamo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mario59

    La democrazia in europa è finita..le banche decidono e i politici o i tecnici eseguono i loro ordini..ecco perchè continuano a tartassare i soliti noti..operai pensionati impiegati piccoli artigiani..queste sono le categorie più bastonate dal governo Monti, che di equo non ha proprio fatto nulla..in pratica ha eseguito quanto imposto dalle banche tedesche.
    L’unico modo per vendicarci, è non votare quei politici falsi e ipocriti che lo sostengono e dicono pure che sta facendo bene.
    Questi politici lasciano fare il lavoro sporco a Monti e tra un anno sperano di riappropriarsi della cadrega dei magnaromagna..poi naturalmente diranno..i sacrifici ci volevano, però Monti ha esagerato.

    1. Scritto da Ernesto

      Caro Mario è il popolo italiano che ha scelto che la democrazia fosse finita. Come ? Votando un governo che ci ha riempito di debiti finanziati da capitali esteri, dicendo che tutto andava bene. I primi responsabili sono gli elettori che hanno votato, che hanno bevuto buffonate , scudi e condoni, la mancanza totale di serietà e di una politica economica. Adesso i nostri creditori ci tengono per i … capelli. Se non abbiamo coscienza di questo aspetto non andiamo da nessuna parte.

  2. Scritto da stefanorossi

    Finalmente!!! una manifestazione vera contro uno stato che in questo momento e’ il vero problema dell’italia Partiti ed istituzioni continuano per la loro strada pericolosa e assolutamente incapace di capire i veri problemi del paese (o non vogliono capire)

    1. Scritto da Eugenio

      Il problema non è capirli, è risolverli . L’è diversa.

  3. Scritto da luigi

    vorrei avere una risposta da monti in merito ai 20 camminatori che assume la regione sicilia dopo le migliaia di dipendenti regolarizzati nelle scorse settimane, questi sarebbero i tagli alle spese???

    1. Scritto da Damiano

      Cosa vuole che siano 20 camminatori, in confronto ai già “attivi” 17000 dipendenti della Regione Sicilia? (La Lombardia ne ha 3 o 4 mila…) Persino le indennità per spalare la neve ad agosto, si sono inventati in Sicilia…

  4. Scritto da giulia

    si protesta contro monti perchè dopo anni di berlusconi in cui sono aumentate le disparità sociali e si sono fatte operazioni economiche pericolose ora sono ancora i più deboli a pagare. non si protesta contro monti perchè cerca di rimettere in ordine i conti ma perchè lo fa in modo ingiusto. io spero davvero che monti ce la faccia e che si rimanga in europa e che l’economia migliori ma non è giusto che a farne le spese siano sempre i più deboli. mentre chi ha prodotto la crisi sta bene e anzi si arricchisce. non mi importa chi organizza la manifestazione, mi basta che si alzi la testa e ci si faccia sentire, a prescindere dal colore politico degli organizzatori.

    1. Scritto da alessandro

      Quando le conseguenze delle leggi approvate da monti, come il fiscal compact che prevede 50 miliardi di tagli al welfare per i prossimi 20 anni, ricadranno direttamente su di voi, sappiate che rifondazione c’è da sempre dalla parte dei lavoratori e dei cittadini contro i poteri forti della finanza internazionale. E basta con questo qualunquismo, è un corteo con un colore politico ben preciso. Dalla crisi si esce solo con una svolta a sinistra, non certo con le stesse ricette che la crisi l’hanno creata. Quelle di monti sono manovre recessive e inique, non possono risanare i conti pubblici, la gente ha sempre meno soldi per pagare le tasse e per sostenere la domanda.

    2. Scritto da alessandro

      no perché cercare di rimettere apposto le cose vuole dire togliere l’articolo 18 in un paese dove per tutela del posto di lavoro siamo gia sgli ultimi posti europei(dati OCSE, consultabili on-line), tagliare le pensioni e portare l’età pensionabile alla più alta in europa, privatizzare gli ultimi beni comuni rimasti pubblici. continuare a obbedire a BCE e Merkel? Ma non vi rendete conto che queste sono le STESSE IDENTICHE politiche che hanno portato la Grecia al baratro? Le stesse sostenute da berlusconi-bossi nel loro governo? Monti sta aggravando le cose, non cercando di sistemarle.

    3. Scritto da Damiano

      Giusto! Sono totalmente d’accordo con lei.

  5. Scritto da daniela

    “il nostro debito sono loro”? Credevo che il nostro debito fossero gli evasori, i politici e soci che si sono pappati i soldi pubblici, quelli che hanno depenalizzato il falso in bilancio, quelli che non hanno voluto rivedere gli sprechi dei soldi pubblici, quelli delle tangenti, quelli che hanno mandato in pensione i nostri concittadini con 20 anni di contributi. Credevo che il nostro debito fossero tutti quegli italiani che hanno beatamente votato i vari governi che hanno pazientemente costruito tutto ciò!
    E invece la colpa è dei 4 mesi del governo Monti.
    Mi vien da piangere a leggere certe cose

    1. Scritto da alessandro

      Perché il governo monti non è sostenuto sempre in parlamento dalla stessa casta di politici (pd-pdl-udc) che ci governano da 20 anni? ritieni quindi giusta l’abolizione dell’articolo 18, l’approvazione del fiscal compact che prevede tagli per 50 miliardi all’anno per 20 anni, l’innalzamento dell’età pensionabile al livello più alto europeo? Sei consapevole del fatto che la crisi del debito esiste solo ed esclusivamente in europa perché la BCE è l’unica banca centrale nella storia mondiale che regala i soldi alle banche private e non li presta agli stati pubblici? e che monti è a favore di questa linea di pensiero economica?

    2. Scritto da tril@ter@le

      Monti/Merkel stanno applicando una politica neoliberista che ha conseguenze palesemente recessive. Come applicare un salasso ad una persona debilitata. Alla fin fine che ha fatto, aumento tasse, aumento accise, allungamento del periodo di lavoro x fare cassa, riforma del lavoro x consentire licenziamenti facili, pompaggio di soldi freschi a basso costo nei forzieri senza fondo della banche che questo sconquasso lo hanno causato. Il problema non è tanto l’indiscutibile incapacità del governo precedente quanto pensare che un finanziere, che ha preteso uno stipendio da senatore a vita prima ancora di iniziare il lavoro, voglia/possa risolvere il problema. Trilaterale Spectre finanziaria.

    3. Scritto da annalisa

      a me sembra che nemmeno monti stia rivedendo la spesa pubblica anzi in questi quattro mesi il debito pubblico è addirittura aumentato…

    4. Scritto da Damiano

      La colpa non è del governo Monti: il governo Monti, però, sta facendo pagare il disastro ai soliti noti (cittadini italiani, lavoratori, artigiani, imprenditori piccoli) e non ai precedenti politici governanti, responsabili, come giustamente dice lei, dell’attuale disastro. Continuano a presentarsi in tv col bel faccione bianco e rosso, dicendo che ce la faremo… Alla faccia… Con 20-30 mila euro al mese, ce la farebbero anche gli altri… Solo che gli altri cittadini, per avere 1000 euro al mese, devono render conto di fare bene il proprio lavoro, non come i politici e i dirigenti pubblici, mai chiamati a pagare per le loro decisioni e scelte sciagurate.

  6. Scritto da Luke

    Peccato che la contestazione verrà indetta dal Pacì Paciana e con le loro bandiere rosse, se no avrei partecipato molto volentieri. Speriamo l’associazione “liberi cittadini” si muova a nome di tutti gli altri senza colori politici.

    1. Scritto da alessandro

      non ti chiedi come mai tutte le lotte legittime per i diritti di cui anche tu usufruisci sono sempre portate avanti a Bergamo dal Paci Paciana e da Rifondazione? Forse perché sono le uniche realtà che a Bergamo si impegnano per provare a migliorare un po’ le cose? Non capisci che i liberi cittadini onesti e informati sono per forza di un certo colore plitico?

    2. Scritto da Bandiere rosse

      Fortunatamente non verrà indetta solo da loro ma anche da altri comitati e gruppi, quello che a me piace meno resta cmq Rifondazione Comunista.

      Io ci andrò confidando in una composizione variegata e rappresentativa dei cittadini.

  7. Scritto da Magari

    Da Vikipedia : “Mario Monti tra il 2005 e il 2011 è stato international advisor per Goldman Sachs”

    Da Vikipedia : “La The Goldman Sachs Group, Inc. è una delle più grandi banche d’affari del mondo, che si occupa principalmente di investimenti bancari e azionari, di risparmio gestito e di altri servizi finanziari, prevalentemente con investitori istituzionali (multinazionali, governi e privati).”

    Come sia possibile porre fiducia in un uomo che questa crisi non l ha solo creata ma l ha pure cavalcata per anni io non riesco a capirlo.

    Mi sembra ovvio che in questo momento noi abbiamo bisogno di politci non economisti che decidano che direzione dare al paese.

    1. Scritto da Giulio

      Un’esperto di tresette ti va bene ? Hai una qualche pallida idea di cosa accade se Monti fallisce ? Se sì raccontamela, se no, cerca di fartela.

      1. Scritto da Magari

        Ma che risposta è ?
        Guarda che in caso di fallimento chi ci perderà di + è esattamente quella classe politica che adesso dice che farà di tutto per salvarci (salvare noi ??? Ma chi ci crede!! ).
        Io (e come me molti altri ) sia che si fallisca o no dovrò continuare a lavorare 9 ore al giorno per 1000 € al mese per il resto della vita..

        Non mi venire a dire che monti sta lavorando per me (e per noi) perchè allora mi sa che sei tu che non hai la + pallida idea di come funziona l’italia e la banca centrale europea, o di come vengono gestiti i titoli di stato dagli istituti finanziari internazionali come appunto la Goldman Sacs

        1. Scritto da Ma Parìa

          Mi pareva che non avessi ben capito , se non ne veniamo fuori tu ti illudi di poter lavorare ancora per 1000 euro al mese , se saltano stato e banche salta buona parte dell’apparato produttivo, saltano le pensioni e i risparmi , gli stipendi del pubblico impiego. Auguri.

  8. Scritto da FOSNITOR

    TROPPI COMMENTI DA TECNOCRATI.
    ALBA DORATA ITALIANA…
    AH,NO..ABBIAMO GRILLO…CE LA SIAMO GIA’ GODUTA ABBASTANZA..

  9. Scritto da Fabio

    Sono un attivista di Rifondazione Comunista. Il partito in cui milito sarà in piazza il 26 maggio a contestare Mario Monti e le politiche di austerità. Fermiamolo prima di finire più poveri e precari. monti ci porta in recessione.

    1. Scritto da luca lazzaretti

      L’ex segretario di Rifondazione ha contribuito in modo massiccio alla vincita delle destre,all’affermazione di Lega e Berlusconi. Poi lo vedi sul lago alle giornate di studio Ambrosetti e la moglie con il domestico in una casa da sogno..credibilità:zero più zero uguale zero.

    2. Scritto da

      cochis cochis, ti vedrò con la tua immancabile bandierina di rifonda!
      sai ti dico una sola cosa…
      uniti si vince..
      ma forse ci piace il nostro individualismo… quanto ci siamo imborghesiti!
      sarebbe meglio essere presenti in tutte quelle fabbriche in cui il proletario perde il posto di lavoro…ma forse fare i comunisti è una parola che ormai non si conosce più…
      tanti saluti

      hazet 36☭

    3. Scritto da GP

      perchè il tuo amico BERTINOTTI scherza si è messo in parlamento e ora dobbiamo andare a chi l’ha visto per vederlo
      il PCI è morto quando Berlinguer se ne andò ma quello era PCI

      la lega quando Miglio idem.
      POERA ITALIA.cosa vuole contestare se tutto quello che ci troviamo è scritto a tavolino da destra e sinistra
      indipendentemente che oggi non esiste più NE DESTRA NE SINISTRA PURTROPPO BUONA SERATA.

    4. Scritto da Giorgio

      Ci tira fuori rifondazione comunista ? Mi racconti come ?

      1. Scritto da ivan

        sabato 12 maggio rifondazione ha fatto per l’ennesima volta una manifestazione per le politiche restrittive del governo tecnico attuate in questi primi 180 giorni di insediamento,le loro idee come sai sono quelle di tassare i grandi patrimoni superiori al milione di euro, creare posti di lavoro a tempo indeterminato smantellando il sistema del precariato, riducendo le spese militari,il problema è che la sinistra radicale è troppo divisa.

    5. Scritto da Joseph

      Perchè tu cosa faresti per evitare le politiche di recessione , andresti tu a convincere la Merkel ?

  10. Scritto da Ernesto

    Vedo che una buona parte degli intervenuti fa un po’ di fatica a percepire che tutta la partita (la partita della vita per noi ed i nostri figli) si gioca a livello europeo con Merkel&C , che tutto il resto va benissimo ma in questo momento sono fregnacce buone per il bar . Che facciamo ? Ci mandiamo Grillo ? Un rappresentante del Pacì Paciana ? Mio nonno in carrozza ?

    1. Scritto da stefano b.

      mandiamoci un vampiro al consesso di lupi mannari che deve decidere su quanto sangue chiederci ancora.
      lasciamo tutto così, ne!? ci pensano loro, come ci hanno pensato tutti quelli in precedenza, che hanno avuto sempre le mani libere, perchè nessuno protestava, perchè era fastidioso farsi vedere in piazza.
      TAV – CACCIABOMBARDIERI – AUTOSTRADE cosa ci costano?
      fermatele e investite quei soldi per salvare i lavoratori , perchè l’economia funziona se c’è gente che spende, non se tira la cinghia.

      1. Scritto da Efrem

        Potrei anche essere daccordo, era meglio investire in altro ma tanto per darti il concetto : quelli che fanno la Tav, e le autostrade e tutto il loro indotto , chi li salva ?

    2. Scritto da GP

      penso che non siamo noi a far fatica a percepire quello che lei scrive ma è il moderatore di bgnews che non passa nostri commenti ops scusi almeno il mio
      salve ernesto di nome e di fatto.

    3. Scritto da La verità fa male

      Dovremmo andare a elezioni anticipate e poi a trattare con la Merkel ci mandiamo il governo legittimato dal voto popolare, e se il popolo in maggioranza voterà Grillo, ci mandiamo Grillo: questa è la democrazia. Se poi il governo eletto dal popolo deciderà di uscire dall’euro o di fare un referendum si uscirà dall’euro o si farà il referendum. Se invece si ritiene che la situazione è di emergenza e che non si può correre il rischio che il popolo possa eleggere Grillo o altri che non piacciono alla Merkel, si chiede direttamente alla Merkel chi deve governarci, e a quel punto non si chiama più democrazia, ma sovranità limitata o dittatura. Lei quale dei due sistemi preferisce?

      1. Scritto da Ernesto

        Sono fortemente dispiaciuto per lei ma un parlamento democraticamente eletto ha ritenuto , in un sussulto di responsabilità (per altro insolito da parte del PDL) , che per motivi di gravità e assoluta urgenza era necessario procedere sostenendo un governo tecnico ed una figura credibile nei luoghi europei che hanno un’importanza determinante. L’impegno è di dargli il tempo di condurre in porto , oltre ai cosiddetti interventi urgenti per salvare cosucce del tipo pagamento delle pensioni, banche, risparmi, lavoro ecc, anche quello di trattare a livello europeo dove, con un cambiamento dopo 6 mesi faremmo l’ennesima figura dei buffoni e ci daremmo l’ennesima martellata sui …….

        1. Scritto da alessandro

          dipene per cosa si vuole trattare a livello europeo. monti sostiene le stesse politiche economiche di berlusconi, il neoliberismo sfrenato, la deregolamentazione della finanza, la BCE che presta i soldi alle banche private e non agli stati pubblici. Sono politiche oggettivamente di destra, le stesse adottate da berlusconi e le stesse che ci hanno condotto alla crisi economica e alla speculazione sul debito pubblico, se ti può interessare ti passo il link di una conferenza di un professore di economia politica dell’università di pavia, dove spiega benissimo in modo chiaro e capibile da tutti l’origine della crisi del debito pubblico…
          http://www.youtube.com/watch?v=ANGTiEjfLaI

        2. Scritto da La verità fa male

          Il “sussulto di responsabilità” del parlamento democraticamente eletto (lo stesso parlamento fino a qualche mese fa votava per Ruby nipote di Mubarak) è avvenuto nei giorni in cui la Merkel telefonava a Napolitano e Van Rompuy era a Roma per “suggerire” ad Alfano di appoggiare Monti: io non la definirei una scelta libera e spontanea ma un’imposizione calata dall’alto. Che le cose siano andate in quel modo lo riportano vari giornali italiani e stranieri e lo ha detto un l’europarlamentare inglese Farage in un discorso all’Europarlamento. E poi forse lei non lo sa, ma in nome dell’urgenza e dell’emergenza si approvano le leggi più liberticide e illiberali

  11. Scritto da richy

    ma sbaglio o l’articolo e’ cambiato???che ci sia la mano di qualche facinoroso sotto???

  12. Scritto da Pierluigi Toccagni

    Anche il minestrone richiede giusti dosaggi e appropriata cottura. Quello che propone la composizione e il manifesto del Comitato è indigesto. Ora ci sono due priorità: definire il progetto concreto per la nuova legislatura e, in funzione di questo, la tenuta di Monti per difendere ciò che abbiamo, opporci ai ricatti della finanza internazionale e avviare il cambiamento delle politiche neo liberiste della UE (sviluppo e Tobin Tax). Se si vuol veramente cambiare dovremmo evitare contestazioni a chi tenta di far pagare le tasse ai furbi (Monti-Guardia di Finanza), destinare i fondi pubblici alle ferrovie invece che alle autostrade e creare subito posti e gestione mercato del lavoro.

  13. Scritto da La verità fa male

    Dopo l’ultima esilarante battuta della maestrina Fornero, che consiglia agli uomini disoccupati di risolvere il loro problema esistenziale “facendo i mestieri di casa”, mi cadono le braccia e mi rassegno: questo governo le proteste se le va proprio a cercare. E ora lancio una provocazione ai cattosinistri che mi rispondono sempre: vogliamo verificare, dopo sei mesi, i risultati concreti di questo governo? Lo spread è a livelli berlusconiani, l’Europa intera va a rotoli, c’è una marea di tasse che ha contribuito a far crollare il PIL e tra una battuta e l’altra sui giovani sfigati e mammoni e sui mestieri da fare nel tempo libero, anche la (presunta) sobrietà è andata a rotoli

    1. Scritto da Arcimbaldo

      Proprio vero che il sense of humor è del tutto personale , dopo aver deliziato lo stomaco con le affermazioni di berlusconi, bossi, trota, cicchitto, capezzone , gasparri,minetti, verdini, cosentino , gelimini , garfagna ecc ecc lei trova esilarante ciò che dice la Fornero ? Il mondo è proprio vario !

    2. Scritto da Roger

      Hai votato berlusconi per una vita , adesso però per favore smettiamola ! Il problema è il punto a cui ci ha portati Berlusconi e la Lega, punto che nessuno può cancellare con un tratto di penna o un volteggio. Monti sta solo tentando di evitare il disastro totale muovendosi all’interno di vincoli dettati da chi ha il coltello dalla parte del manico (la germania , probabilmente stufa di dire in passato a certa gente che doveva rientrare dal debito) e dettati dai miserevoli personaggi che hai messo al governo e che ancora stanno tentando di affossare nuove leggi sulla corruzione , di tutelare i privilegi sulle tv , di tutto di più !!!

  14. Scritto da Luca

    Speriamo che la protesta contro il governo monti non sia solo quella del centro a-sociale Pacì Paciana. Che la piazza sia piena di cittadini che subiscono l’austerità delle politiche neoliberiste e di lavoratori i cui diritti sono sempre più in forse, di idee e colori e non solo di uno scialbo nero antagonista fine a se stesso.

    1. Scritto da La verità fa male

      Non c’è proprio nulla di “liberale” e di “liberista” nelle politiche di Monti e negli scempi della finanza internazionale. Si tratta di politiche di casta, protezioniste, che mirano alla conservazione dei privilegi dei “grandi” da conseguire spremendo come limoni la massa dei “piccoli” (artigiani, commercianti, professionisti, dipendenti, pensionati). Sono politiche che hanno una matrice di destra burocratica e iperconservatrice, che dovrebbero essere avversate non solo dalla sinistra (e qui in Italia abbiamo l’assurdo di un PD che sostiene Monti), ma anche dalla destra vera, quella popolare e ruspante

    2. Scritto da Gengis

      Già, perchè tu che hai la soluzione in tasca cosa faresti ?

      1. Scritto da alessandro

        queste sono le proposte di rifondazione, sono aperto ad ogni critica argomentata e costruttiva: banche pubbliche, reddito minimo di cittadinanza, difesa dell’articolo 18, sostituzione dell’imu sulla prima casa con una patrimoniale sulle grandi ricchezze , taglio delle grandi opere e finanziamento di piccole opere per il riassetto idrogeologico, contrattazione a livello europeo per un europa incentrata sui cittadini e sui bisogni e non sulle banche e poteri forti

      2. Scritto da ti sembr@ poco?

        La soluzione, ormai, è tutto quello che mi resta in tasca. x l’ennesima volta: nazionalizzazione delle banche (lo stato batte moneta, lo stato la gestisce). Eliminazione della carta moneta, pagamenti esclusivamente x via informatica, totalmente tracciabili e trasparenti, con conseguente eliminazione di corruzione, malavita organizzata, lavoro nero ed evasione fiscale.

  15. Scritto da Gerry

    Una quantità di pirlate e luoghi comuni totalmente privi di senso della realtà . Abbiamo un livello di debito che non avremmo dovuto mai raggiungere, la finanza internazionale è una massa di delinquenti ma la realtà NON cambia, non pagare significa distruggere DI SICURO le nostre vite , l’apparato produttivo, le pensioni , gli stipendi , i risparmi. Ma dire fesserie è gratis.

    1. Scritto da alessandro

      numerosissimi economisti di fama internazionale la pensano in modo contrario. mai sentito parlare del premio nobel Krugman, editorialista del New York time? informati un attimo sull’economia prima di sparare sentenze non argomentate…

  16. Scritto da WKA

    Ah divertente! “Il governo non sottrae un centesimo a tutto ciò di cui potremmo certamente fare a meno” parole che vengono da chi ha preso 650.000 euro di soldi pubblici, con che coraggio? Siete ridicoli.

  17. Scritto da gibba

    per una volta nella vita, non l’avrei mai detto… son d’accordo con il centro sociale! escludendo le spese bre.be.mi e tav che sono opere fondamentali, il resto lo condivido

    1. Scritto da è ora

      fondamentali ?????? per le nuove mafie sono fondamentali !!! in un periodo storico dove nn c’è lavoro invece che spendere per dare una mano alle classe sociali in difficoltà si costruiscono strade inutili , dannose e con appalti sempre più torbidi !! il simpatico progetto capitalistico del costruire nuove strade per arrivare prima al lavoro e per essere sfruttati meglio…facendo contenti grandi imprenditori , mafia e multinazionali petrolifere. OPERE UTILI SOLO AL CAPITALISMO E ALLA BORGHESIA…MENTRE NOI CI TROVEREMO SEMPRE PIU’ STROZZATI MA CON UNA BELLA STRADA NUOVA E QUANDO ARRIVIAMO A CASA UN BEL PANINO AL CEMENTO!!!