BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Palafrizzoni non paga Aziende in gravi difficoltà “Rischio gesti inconsulti”

La necessità di fare cassa è impellente per l’assessorato lavori pubblici, che ha 7 milioni di debiti nei confronti di moltissime imprese. Hanno lavorato negli scorsi mesi, alcune anche nel 2011, e attendono i soldi promessi dall’amministrazione. Saltarelli: "Ci minacciano".

Più informazioni su

Vendere le azioni A2A per pagare le imprese che vantano crediti nei confronti del Comune di Bergamo che a loro volta pagheranno i dipendenti in attesa dello stipendio. La necessità di fare cassa è impellente per l’assessorato lavori pubblici, che ha 7 milioni di debiti nei confronti di moltissime imprese. Hanno lavorato negli scorsi mesi, alcune anche nel 2011, e attendono i soldi promessi dall’amministrazione. Una situazione davvero difficile, da risolvere con la vendita di 10 milioni di azioni A2A. Quando? Per l’assessore Alessio Saltarelli andava fatto almeno due mesi fa. I consiglieri invece preferiscono affrontare il problema nel contesto del bilancio preventivo. “Domani o fra un mese cambia poco – commenta Saltarelli – il problema è che si è ritardato con l’approvazione del bilancio. Io ho chiesto almeno due mesi fa di vendere le azioni e si è arrivati a metà anno. E’ un periodo drammatico, non esagero. Ho la gente fuori dall’assessorato tutti i giorni, telefonano, chiedono di essere pagati. Molti mi vedono per strada e domandano, mi insultano, ci minacciano. Sono già arrivati i primi decreti ingiuntivi. Mi sento peggio di Equitalia. Non è un bel vivere, stiamo tamponando dal mese di febbraio e speravo che si arrivasse in fretta a una conclusione. Per fortuna nessuno, per ora, ha fatto gesti inconsulti, ma la situazione per molte imprese è grave. Si lamentano anche professionisti, studi di architettura e progettazione”.

La commissione, riunita per decidere la vendita delle azioni, decide di rinviare il tema contestualmente al bilancio preventivo. A livello pratico cambia poco o nulla, la vendita sarebbe stata comunque stabilita in quella discussione. In ogni caso le aziende sarebbero state costrette a pazientare ancora. “La richiesta di vedere la delibera nel quadro del bilancio preventivo non cambia nulla nei confronti delle imprese – spiega il capogruppo del Pd Elena Carnevali -. E’ giusto avere un quadro di approfondimento”. D’accordo anche la Lega Nord. “Non è una questione che riguarda il Comune – dice Alberto Ribolla -, se il bilancio non e stato approvato a marzo è perché le condizioni delle normative statali non ce l’hanno permesso. Abbiamo la garanzia che dopo il 18 giugno verranno vendute e i lavori potranno essere pagati”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da stefanorossi

    Come al solito ci chiedono sacrifici tasse su tasse ed i primi che non pagano e creano problemi sono le istituzioni pero’ se un cristiano qualsiasi ha problemi o paga o chiude oppure gli pignorano tutto!!!!! Incredibile il primo problema in italia sono le istituzioni che invece di dare il buon esempio creano problemi!!! con persone pagate profumatamente!!

  2. Scritto da uomo di destra

    fanno bene a minacciare, vorrei vedere io se fossero loro ad avere crediti per decine di migliaia di euro nn pagati.

  3. Scritto da il polemico

    ma tutti i soldi che il comune incassa,perchè è comunque scontato che ha introiti,dove finiscono poi?in costose consulenze esterne?e in superstipendi per alcuni dipendenti?tempo fa si parlava dell’avvocato comunale da 250mila euro al mese,con percentuale di cause vinte pari al 50%. e se si diminuisse per un pò di tempo i vari stipendi oltre i 2000 euro?

    1. Scritto da cittadino

      il comune ha 93 milioni in cassa ma non può pagare i fornitori a causa delle norme statali sul patto di stabilità…

      1. Scritto da Ma Par

        Questo il comune lo sa perfettamente per cui prima di decidere di fare dei lavori deve anche pensare se è in grado di pagarli. Come capita a tutti noi a casa nostra !

        1. Scritto da il gipeto

          perchè il mondo web è pieno di gente come te che non sa di cosa parla, non conosce le regole della finanza locale, e pronuncia soluzioni banali…informati prima e capirai che non è così sempliec…

          1. Scritto da Ma Par

            Mi stai dicendo che quando commissioni un lavoro non sai se potrai pagarlo ? dove siamo , nel Sudan ?

          2. Scritto da il gipeto

            ti stò dicendo che dopo che hai firmato un contratto sul presupposto di aver impegnato la spesa perchè ce l’hai in bilancio interviene una norma nella finanziaria che ti dice che comunque quest’anno non puoi pagare più di tot a prescindere dai contratti che hai già sottoscritto…non è la burocrazia comunale ma sono i governanti e legislatori incapaci ed inebriati dalle escort e dalle ballerine che il popolo italiano si scieglie inebriato dagli slogan del tipo MENO TASSE PER TUTTI…

      2. Scritto da darioflautista

        però il Comune si permette fior di DIrettore Generale (240 mila all’anno), Segretario Generale (190 mila) etc che incassano regolarmente al 27 di ogni mese, forse converrebbe pagare i fornitori prima dei superdirigenti

        1. Scritto da il gipeto

          tu credi forse che in una azienda privata con 1000 dipendenti ci sia qualche dirigente che guadagna meno del direttore generale del comune ? credi forse che sia più semplice gestire una azienda privata di 1000 dipendenti rispetto al comune di bergamo..informati prima e vedrai che non è così semplice…

    2. Scritto da Bla Bla Bla

      Finiscono nella ventina di biblioteche completamente gratuite esistenti sul territorio di Bergamo; negli asili comunali semigratuiti; nei 20 centri anziani gratuiti; nella miriade di parchi comunali ad ingresso gratuito; nella manutenzione di edifici, strade e monumenti comunali; nel trasporto pubblico locale semigratuito; nella teb che perde 5 milioni di euro all’anno; nelle mense per i bambini; nei libri di testo delle elementari gratuiti; nel trasporto scolastico gratuito; nell’assistenza ai disabili, ecc….

      1. Scritto da Zufolo

        Perchè, nei direttori genarali, nei dirigenti , nei premi obbiettivo, nel sovrannumero, nelle spese legali no ? Nei paesi nordici con un minore livello di tassazione hanno servizi infinitamente superiori.

        1. Scritto da Informarsi prego

          Direttori generali e dirigenti servono perchè sono molteplici le aree di attività del comune e dell’amministrazione pubblica. Se ci fosse meno stato e meno amministrazione pubblica, ci sarebbero meno dipendenti e meno enti. I dirigenti sono pagati in base a contratti collettivi nazionali e sono obbligatori per legge nei comuni con più di 15.000 dipendenti. Quelle sui paesi nordici sono solo dicerie.

          1. Scritto da Zufolo

            Capisco, preziosa l’informazione che siete pagati secondo i contratti , chi l’avrebbe mai immaginato …… sono proprio i contratti che non vanno bene e sono totalmente furi mercato. Non è immaginabile che mentre lo stato (vs datore di lavoro) va alla malora voi prendete premi obiettivo pieni a differenza del “privato” . Infine siete assolutamente troppi ! P.S. Quella sui paesi nordici la trovo molto divertente.

          2. Scritto da il gipeto

            con gente come te la pubblica amministrazione si che andrebbe meglio !!! prova solo per cominciare a superare un pubblico concorso vero ..prova se ci riesci a lavorare in comune e vedrai che non è affatto meno facile e rilassante che nel privato…studia e informati prima se non sai di che parli…

          3. Scritto da Bla Bla Bla

            Lo Stato va in malora perchè vuol fare troppe cose e perchè gli italiani vogliono tutto gratis senza nè pagare tariffe, nè tasse. Nei paesi nordici, innanzitutto, le tasse vengono pagate con diligenza.