BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ospedale: 24 domande per il direttore generale da parte delle minoranze

I gruppi consiliari del Partito democratico, Lista Bruni, Idv, Verdi e Udc di Palafrizzoni scrivono 24 domande al direttore generale degli Ospedali Riuniti di Bergamo.

Più informazioni su

I consiglieri comunali di minoranza del Comune di Bergamo hanno sollecitato un ulteriore incontro con il Direttore Generale degli Ospedali Riuniti di Bergamo, dopo i due precedenti richiesti ed avvenuti negli anni 2010 e 2011, per poter trasmettere ai cittadini, di cui sono rappresentanti istituzionali, le informazioni relative allo stato dei lavori del nuovo ospedale Beato Giovanni XXIII.

Le notizie di stampa hanno infatti creato una certa apprensione in merito alla qualità del manufatto ed ai tempi della sua reale e completa attivazione: i cittadini, di conseguenza, chiedono certezze sulla data di inaugurazione, sulla qualità dell’opera e soprattutto sulla data in cui tutte le nuove strutture di diagnosi e cura saranno fruibili e la vecchia struttura di Largo Barozzi chiusa.

Il ritardo di quattro anni, per ora, sulla data prevista di entrata in funzione necessita di giustificazioni puntuali, e il costo dell’opera comunque lievitato rispetto al preventivo necessita, trattandosi di denaro pubblico e non privato, di dettagliate spiegazioni. I consiglieri comunali di minoranza hanno ben presente che tutto il processo di costruzione del nuovo ospedale ha visto succedersi in oltre 10 anni ben cinque Direttori Generali e che l’ultimo, in ordine di tempo, il dottor Nicora, è stato incaricato di portare a compimento il manufatto e di renderlo funzionante e fruibile, ereditando solo nell’ultimo anno i procedimenti che si sono svolti nel passato e con altri protagonisti.

Essendo Nicora l’attuale Direttore Generale è quindi a lui che devono essere poste le domande che i consiglieri di minoranza hanno raccolto da più parti in questi mesi, riconoscendogli per altro tutti i meriti per il lavoro finora svolto ed il cui esito non è dipendente solo dal suo impegno, ma in gran parte da quanto ereditato dal passato.

Ecco le 24 domande per il direttore Nicor sottoposte dai gruppi consiliari del Partito democratico, Lista Bruni, Idv, Verdi e Udc

 

1) Il trasloco è previsto per la fine di ottobre del 2012. Ci può garantire con assoluta certezza che, salvo eventi eccezionali ed imprevedibili, questa data verrà rispettata?
2) Ci può garantire che nello spazio un mese tutte le attività amministrative e di diagnosi e cura verranno traslocate nel nuovo ospedale con chiusura definitiva del nosocomio di Largo Barozzi ? O sono possibili tempi diversi?
3) A che punto sono i lavori nella piastra centrale? Sono necessari in essa ulteriori lavori? E se si quali ?
4) La trincea drenante deve essere collaudata? Se si quando?
5) I materiali utilizzati per costruzione ed arredi sono conformi al capitolato?

6) Se sono conformi perchè un numero così alto di vetrate deve essere sostituito? Perchè molte rifiniture interne ( pavimenti in PVC, intonaci intumescenti,ecc) devono essere sostituite o riparate?
7) E’ stato contestato alla direzione lavori di aver utilizzato materiali non conformi al capitolato?
8) Ritiene che i difetti strutturali ( infiltrazioni d’acqua) ed a carico dei materiali utilizzati possano comportare in futuro un aumento dei costi di manutenzione e gestione del nuovo ospedale?

9) Nei prossimi sei mesi la vecchia struttura di Largo Barozzi sarà mantenuta in piena efficienza per non ridurre il livello qualitativo e quantitativo dell’assistenza e per non comportare un maggior onere di lavoro e di pericolo per il personale sanitario?

10) Il mantenimento dell’efficienza del vecchio ospedale nelle opere non trasferibile (impianti, servizi igienici ecc) comporterà costi aggiuntivi a fondo perduto?

11) Durante la fase del trasloco ci potrebbero essere potenziali pericoli di caduta del livello assistenziale che attualmente viene erogato a livelli unanimemente riconosciuti molto elevati?

12) Se dovesse esistere questo pericolo quali provvedimenti sono stati previsti per contrastarli?

13) Quale è in pratica il ruolo esercitato e le funzioni svolte da Infrastrutture lombarde e quali gli interventi nello specifico da essa eseguiti fino ad oggi ed in futuro? 14) Come interpreta la dichiarazione della commissione di collaudo che ritiene non completamente risolto il problema delle infiltrazioni d’acqua e che afferma che la committenza deve riconoscere che l’opera consegnata non corrisponde a quella progettata?

15) Ritiene che tutte le richieste avanzate dalla commissione collaudo potranno essere soddisfatte? E se si in che tempi?

16) Nel contratto stipulato con DEC era prevista una penale dello 0,3 °/°° per ogni giorno di ritardo. Verrà attivata ?

17) Ritiene che, fatte le debite proporzioni, il Beato Giovanni XXIII verrà a costare approssimativamente quanto l’ospedale sant’Anna di Como o il Manzoni di Lecco o molto di più?

18) Se il costo fosse maggiore quali sono le opere o le strumentazioni migliori del Beato Giovanni rispetto agli altri due?

19) Sono in corso due procedimenti legali di DEC contro i Riuniti, uno per 130 milioni di euro e l’altro per 20/30 milioni. Secondo DEC i maggiori costi di costruzione sono da attribuire ad errori di progettazione. Perchè alla prima udienza in Tribunale i Riuniti non hanno chiamato in causa subito i progettisti evitando così di correre il rischio di dover aprire un secondo procedimento risarcitorio in futuro contro di essi se la prima causa fosse avversa ai Riuniti?

20) Chi ha nominato i responsabili della Direzione Lavori e chi ha redatto il capitolato?

21) Alla luce della sua esperienza di un anno di lavoro a Bergamo dedicato a tempo pieno e con grandissimo impegno alla risoluzione dei problemi che hanno ritardato l’attivazione del nuovo ospedale probabilmente si sarà fatto un’idea dell’intera operazione. Ritiene quindi che la progettazione dell’ospedale sia stata corretta o che abbia avuto delle lacune ? che il calcolo sommario di spesa sia stato sostanzialmente corretto o clamorosamente sbagliato ? che la realizzazione dei lavori sia stata fatta a regola d’arte o che la ditta costruttrice abbia avuto qualche carenza? Che la direzione dei lavori abbia svolto adeguatamente il proprio lavoro? Che l’ufficio nuovo ospedale sia stato adeguatamente provvisto di uomini e mezzi per poter svolgere con puntualità e completezza il lavoro assegnatogli?

22) Se tutto è andato bene come si spiega il ritardo di quattro anni, la spesa lievitata da 340 milioni a 540 ( per ora) e la relazione negativa della commissione di collaudo?

23) Corrisponde al vero la notizia che è stato necessario un successivo intervento di rinforzo delle solette per sostenere le macchine di diagnostica per immagini in quanto quelle realizzate sono risultate insufficienti?

24) Corrisponde al vero che le pareti di cartongesso ed i pavimenti in PVC siano stati installati prima del completamento dei pluviali sulle coperture con conseguenti danni causati dalle precipitazioni piovose?

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MAURIZIO

    I soggetti che in Italia consentono l’enorme spreco di denaro pubblico sono stati legalizzati dalla politica ormai da lungo tempo. Uno di loro è il sistema degli appalti che nessun parito, Pd in testa, ha mai voluto rendere democratico. Quando fai emergere questa semplice verità le anime belle del Pd iniziano a svillaneggiare e ad accusarti di aver votato Pdl. Vogliono distogliere l’attenzione dal sistema di cui loro sono parte per far ricadere la colpa su di te che hai votato a destra. Sono terrorizzati dalla responsabilità di essere parte di un sistema ottocentesco che ci ha fatto fallire e da un futuro senza una mamma stato che gli garantisca almeno un piccolo 27 del mese.

  2. Scritto da cristiano

    l’unica cosa che è chiara è che l’ospedale non era da fare alla Trucca,zona che da ANNI è paludosa in quanto raccoglie per vie naturali l’acqua piovana che proviene dai colli sovrastanti….è pur vero che le paludi pontine sono state bonificate 90 anni fa e ora esistono città e paesi dove prima zanzare e malaria erano padrone incontrastate.!!!

  3. Scritto da amy

    24 domande, nessuna su come s’è svolto l’appalto ed il subappalto: nodo genetico di tutto quanto accaduto dopo.
    Perchè nessuno chiede che vengano messi a disposizione i contratti di appalto sub ecc. ? Perchè sono stati scelti certi contraenti? Manca la politica, ma anche il mondo dell’imprenditoria coinvolto non scherza (sempre a spese nostre)

  4. Scritto da MAURIZIO

    L’alternativa a questo sistema degli appalti non è il Pd perchè il Pd è parte del sistema degli appalti pubblici italiani. Il Pd ha bisogno della spesa pubblica come dell’ossigeno. Non avete ancora capito che il bilancio certificato o la piccola riduzione del debito pubblico durante il Governo Prodi non vi salveranno? Oggi il vostro Bersani propone di togliere le cure mediche a chi evade mettendo insieme l’evasore con la Porsche e l’artigiano che fatica a mantenere la famiglia e, sopratutto, dimenticando QUANTO LUI PRENDERA’ DI VITALIZIO. Chi ha un vitalizio illegittimo dopo 5 anni di legislatura non ha titolo per parlare. Anime belle.

    1. Scritto da Ginger

      Certo che sei un bel personaggio caro Maurizio . Abbiamo avuto per quasi 10 anni il governo più devastante della storia democratica della nazione (governo che ci ha svergognati e rovinati ) e il tuo pallino quotidiano è il PD. Maurizio, noi non ci possiamo fare niente se per anni li hai votati, non è che facendo così ridiventi vergine ……. : la responsabilità è di chi governa ed hanno governato PDL e LEGA. Ciao

  5. Scritto da Tiziano Trivella

    Domande interessanti che colgono nel segno.
    Vedremo se ci saranno risposte adeguate e soddisfacenti…
    Ma la domanda centrale (alla quale saranno sempre legati i problemi futuri del nuovo ospedale) sarà sempre una sola:
    progettisti, geologi ed ingegneri – a suo tempo – non hanno visto (anche ad occhio nudo) che quella era una palude?
    Se non fosse stata così, lì ci sarebbe un quartiere di ville e di palazzi da almeno qualche decennio…

  6. Scritto da alberico

    alla faccia di chi dice che il PD è stato tiepido sulla vicenda. Il PD c’è, senza demagogia e senza desiderio di manette.

    1. Scritto da Lele

      Caro Alberico ti conviene far silenzio visto che sei un funzionario dell’Ufficio Tecnico dell’Ospedale di Bergamo oltre a tesserato del PD

    2. Scritto da GP

      non penso sia questione di PD PDL PLO PFR PSC PIO PRO PLI O ALTRI PARTITI LA QUESTIONE E’ SERIA SIAMO SERI LA QUESTIONE STANNO BUTTANDO UNA QUANTITA DI SOLDI ASSURDA.
      Soldi miei suoi e di tutti noi questo è triste speriamo arrivino ad una soluzione.

  7. Scritto da gio

    e possibile tagliare gli stipendi ai dirigenti e politici in carico dell ospedale con data retroattiva visto il disastro combianto ???

    e poi siamo sempre in defitic ?????
    chi paga lega + pdl ????
    o chiediamo a renzino di rimborsare anche queste spese a umma umma

  8. Scritto da MAURIZIO

    25ma domanda : quando vi metteremo tutti sotto inchiesta, uno per uno, nessuno escluso, piangerete come bambini senza la mamma-politica che li protegge o vi comporterete da uomini resituendo i soldi che avete sprecato?

    1. Scritto da Ginger

      Maurizio hai sempre il solito vizietto di mettere insieme chi gestisce e decide con chi ha il ruolo di opposizione. Se non si passa attraverso il concetto di “responsabilità” di chi ha il diritto/dovere di prendere le decisioni, noi cittadini siamo sempre fregati . Avrebbe sempre ragione solo e soltanto Maurizio, ma la cosa aihmè non ci porta da nessuna parte.

      1. Scritto da MAURIZIO

        E’ lei che ha il vizietto di portare il Pd, o chissà quale opposizione a cui fa riferimento, fuori dal sistema dei partiti. Ci siete in mezzo e, infatti, dove governana il Pd o chiunque altro come voi le cose non sono affatto diverse. Anzi. Di quale ragione parla? Di cosa parla? Negli utlimi 20 anni avete proposto di buttare a mare le leggi sugli appalti e di costruire un nuovo patto con i costruttori, i cittadini e le pubbliche amministrazioni? No. Quando governava Bruni non si spreava denaro? Non si faceva debito? Si consultavano via internet i bergamaschi per chiedere loro se fare un inutile ospedale nuovo? Adesso per voi c’è il time out.

        1. Scritto da Ginger

          Non essendo un politico per me non c’è nessun time out ! Trovo curiosa questa sua ossessione nei confronti del PD anzichè di chi ha governato per un periodo lunghissimo . Per altro l’unico partito con una struttura interna democratica , dove il voto dell’elettore conta 1 , come tutti. Se poi uno non vi ha partecipato ed ha preferito stare con chi queste cose se le sogna, beh ….. che ci posso fare ?

          1. Scritto da MAURIZIO

            La sua struttura interna democratica ha infatti impedito al Pd di 1. essere toccato dalla corruzione 2. di ricevere un finanziamento pubblico non voluto dagli italiani, dunque illecito 3. di organizzare gli appalti, dove governa, all’italiana 4. di partecipare alla spartizione delle poltrone delle istituzioni sanitarie e nelle amministrazioni pubbliche 5. di partecipare alla spartizione dei posti nei consorsi pubblici. E’ proprio così, innocente elettore puro del Pd.

    2. Scritto da poeret

      ci diranno che non ne sapevano nulla..che era tutto a loro insaputa..