BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo contro l’omofobia Consiglio unanime per il sì Consiglieri Pdl “scappano”

Adesione alla giornata mondiale contro l’omofobia, Bergamo dice sì. E’ stato approvato all’unanimità l’ordine del giorno presentato con l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini sulla prevenzione di fenomeni di discriminazione.

Più informazioni su

Adesione alla giornata mondiale contro l’omofobia, Bergamo dice sì. E’ stato approvato all’unanimità l’ordine del giorno sottoscritto da tutti i gruppi consiliari presentato con l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini sulla prevenzione di fenomeni di discriminazione in ragione dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere. Una posizione condivisa anche da partiti come la Lega Nord non certo alfiere della lotta all’omofobia. Fino a pochi anni fa una condivisione di questo ordine del giorno con il centrosinistra sarebbe stata impossibile. Con questo documento l’assessore alle Pari opportunità Leonio Callioni è incaricato di prevedere all’interno dell’ufficio di accesso e informazione all’orientamento e ai servizi sociali un’adeguata e idonea cartellonistica con l’indicazione che le persone che hanno subìto una discriminazione, una violenza fisica o psicologica sulla base del loro orientamento sessuale, possono trovare nell’ufficio stesso le informazioni utili per la difesa dei loro diritti. Anche il personale dell’ufficio dovrà saper indirizzare le persone che si rivolgono a loro per segnalare episodi di violenza. Oltre alla Lega Nord, anche Lista Tentorio e Popolo della Libertà si sono schierati a favore dell’ordine del giorno. Due consiglieri hanno però deciso di “fuggire” poco prima del voto. Anzi, non si sono nemmeno allontanati dall’aula: si tratta di Maurizio Bonassi e Carlo Di Gregorio, che qualche secondo prima del voto hanno tolto la scheda dal sistema elettronico. In questo modo non hanno condiviso l’ordine del giorno pur non votando contro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Onore al merito

    Grandi ed ammirevoli sono coloro che non si piegano al conformismo. Intolleranti sono invece coloro, ovvero PD e sinistrame vario, che deprecano le eroiche posizioni prese da questi coraggiosi solitari del pdl.

    1. Scritto da Laura

      Che cosa ci sarebbe di coraggioso nel dichiarare la propria omofobia? Mi sembra più che altro un’onta non da poco.

  2. Scritto da fosnitor

    i consiglieri avrebbero dovuto votare contro…essere onesti e coerenti con il consiglio e con se stessi…non vedo nulla di male nell’affermare che l’omossessualita’ e’ un disordine affettivo che nuoce all’ordine sociale.La nostra Tradizione non dovrebbe essere tradita su cose cosi’ ovvie,sopratutto da persone che davanti agli elettori si presentano come difensori della famiglia e del buon ordine.Vilta’ mi sembra la parola piu’ appropriata.

    1. Scritto da Laura

      Non ci sono fondamenti scientifici a quanto dici, solo tanto odio. Gli omosessuali dichiarati costituiscono ormai il 12% della popolazione italiana, che ti piaccia o meno. Forse è ora di iniziare a dialogare con queste persone invece che ricoprirle di insulti a priori perchè non si hanno altri argomenti validi al di fuori di una profonda insicurezza personale e di una violenza verbale che non lascia spazio ad altro.

  3. Scritto da La verità fa male

    Il razzismo, l’omofobia e le discriminazioni si combattono con i comportamenti individuali, nella dura e silenziosa realtà quotidiana che non finisce sui giornali e sulle TV. Quelli che si ergono a paladini del “politically correct” in molti casi, nella vita di tutti i giorni, si rivelano ipocriti che davanti alla telecamera fanno il proclama solenne e poi una volta che si spegne la telecamera hanno affermazioni e comportamenti al confronto dei quali quelli del “Capo Supremo di Hardcore” erano innocue serate. L’Italia da troppi anni è la Patria della raccolta di firme, degli appelli accorati, dei proclami e delle trombonate (a cui non seguono quasi mai i fatti concreti)

  4. Scritto da la dura e amara verita

    DI GREGORIOOOOOOOOOOOOOOOO?!?!
    Mi sbaglio o sei un avvocato?
    MI sbaglio o conosci bene la costituzione?
    Cosa fai non voti una proposta che vieta il discrimine?
    Ho capito che comunione e liberazione non avrebbe gradito tutto ciò, ma l’unica volta in cui c’ è una mozione BIPARTISAN, tu te la squagli in questo modo?
    Non ho assolutamente parole…
    è grazie a persone come te che non desiderano condannare le disparita che, nel terzo millenio, ci sono ancora persone poco elasitche di mente…
    MATURA: non solo fisicamente, ma anche moralmente!
    Che delusione

    1. Scritto da Non capisco

      Scusa ma gli altri che si sono assentati insieme a lui? Perchè te la prendi solo con lui?

      1. Scritto da è evidente

        E’ chiaro che siano tutti responsabili singolarmente…

        Certo che su tre persone, c’è un ragazzo, quindi uno in teoria di mentalità più aperta e piu vicino ai giovani e meno intollerante, è più scandaloso.

        A maggior ragione che sia esperto di legge e di diritti.
        Il fatto che faccia poi parte di una corrente, per così dire, MORALISTA, è ancora più evidente,….

        Riflettiamo un po’!

  5. Scritto da per la precisione

    Per le precisione ci sono anche altri tre consiglieri del centrodestra che si sono allontanati dall’aula appena è iniziato il dibatitto su questo odg. Avevano tutti e tre un impegno alle 10 di sera o anche loro non volevano votarlo ?

  6. Scritto da Aldo

    nulla da stupirsi se il loro capo supremo da Hardcore una volta affermo’ “meglio tante ragazze che essere gay”…

    1. Scritto da mahhh

      meglio tante ragazze che essere gay…..c’è qualcosa di sbagliato in questa frase?o per far piacere a lei devo dire che sono gay anche se non lo sono?si scandalizza perchè uno dice la verità e vorrebbe invece che compiacesse la gente,poi però si dice che ogni individuo è libero di esprimere proprie opinioni….mahhh

      1. Scritto da Aldo

        l’affermazione di Berlusconi non e’ la verita’ ma una sua opinione, non confondiamo, e lo e’ anche l’opinione contraria, tanto piu’ che entrambe le affermazioni sono giudizi di merito soggettivi, e’ come se SB avesse detto ” e’ meglio votare PDL che PD”, il 50% degli italiani gli da ragione, l’altro 50% no, dove sta la verita’ ?

    2. Scritto da GP

      beh ognuno il suo se il PUFFO ‘ARCORE è etero non ha sbagliato con quella affermazione discriminare i gay penso sia altro

      IERI COME OGGI si discriminano tantissimo i disabili diversamente abili ma non vedo nessuno in piazza a difedere queste persone e ritengo siano VERAMENTE SVANTAGGIATE eppure stanno tagliando ancora già è rimasto poco ora toccano ancora la sanita ancora disabili VERI
      MA una persona affetta da malattia degenerativa rara percepisce
      esenzione da medicinali e visite che ha bisogno. poi magari dopo 30 anni di lavoro arriva la malattia percepisci 250€ INVALIDITA’

      DISCRIMINATO IL GAY BONTEMPONE O L’INVALIDO SFIGATO.
      MEGLIO LUXURIA O HARDCORE?
      ENTRAMBI I CASI PAGHIAMO NOI

      1. Scritto da Laura

        Non capisco a cosa mira il tuo discorso, purtroppo. Accettare all’unanimità di combattere l’omofobia e la discrmininazione non può che essere un pregio per la nostra città. Il lavoro di sensibilizzazione poi è trasversale, tutelare le persone omosessuali non significa che quelle disabili vengano ignorate, anzi, il lavoro, almeno da parte delle associazioni, è sempre stato svolto in sinergia. Tutte le attività proposte nell’ordine del giorno, quelle già fatte in collaborazione con il Comune e quelle in programma, tra l’altro, sono tutte a costo zero, quindi non comprendo la polemica. Razzismo, omofobia, discirminazione in base al genere o alla disabilità per me sono tutte sullo stesso piano.