BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La granfondo Gimondi con la mitica “Graziella”

Tre appassionati delle due ruote hanno percorso 102 chilometri della Granfondo Felice Gimondi a Bergamo in sella alla mitica Graziella.

Più informazioni su

Ebbene sì, l’hanno fatto, Micaela, Angelino e Guido l’avevano promesso e domenica 13 maggio l’hanno fatto; nonostante le pessime condizioni meteo si sono presentati con tre Grazielle alla partenza della “17° Gran Fondo Gimondi” e hanno completato il percorso corto (102 chilometri) in 5 ore e 45 minuti, 15 minuti entro il tempo massimo delle 6 ore.
L’impresa, portata a termine con tre vecchie Grazielle con ruote da 20″, non modificate e perfettamente recuperate da vecchi rottami dalla “Ciclofficina dei Colli” di Ponteranica e dalla “Ciclostazione 42” di Bergamo, è stata compiuta per promuovere la 4° edizione del Grazielliadi che, organizzate dall’associazione Pedalopolis, si svolgeranno a Bergamo il 7 luglio e che vedranno sfidarsi Graziellisti, professionisti e non, provenienti da tutta Italia nelle varie prove che il Comitato Scientifico organizzatore delle Grazielliadi sta finendo di approntare.
Il commento più sentito lungo il tragitto è stato “ma quelle non sono bici adatte” e invece.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da irenella

    come sarebbe bello fare una gara nella quale tutti partecipano con la Graziella… e poi ho sentito che la bottecchia sta per lanciare il nuovo modello Graziella… chissà come sarà!

    1. Scritto da Graziello

      http://grazielliadi.blogspot.it/

  2. Scritto da Montserrat

    Complimenti a questo originale gruppo di amici e alla sua testimonianza da veri cicloappassionati. Non era neanche facile il percorso in Graziella.

  3. Scritto da Pier

    Condivido il commento di Francesco, ma mi chiedo chi le paga le forze dell’ordine impegnate (Carabinieri, Polizzia , ecc.) non penso il Grande Gimondi, ma penso i soliti cittadini.
    Questo è uno spreco, in questo momento di crisi.
    Chi organizza dovrebbe pagare tutto.
    Sicuramente diranno che è cosi ma ho dei fortissimi dubbi.

    1. Scritto da Daniele

      Il punto di vista di Pier è terribilmente soggettivo. A lui non interessa il ciclismo (neppure a me a dir la verità) e quindi in queste manifestazioni vede solo uno spreco di denaro pubblico. A me non va giù il calcio, di cui lui magari è un grande appassionato, per cui potrei voler vedere abolito il campionato considerati i costi del mantenimento della sicurezza da parte delle forze dell’ordine. E’ facile intuire quale vita grama vivremmo se tutti quanti la pensassero così…

      1. Scritto da Pier

        Il mio punto di vista non è terribilmente soggettivo, e del calcio non me ne interessa proprio, io ho espresso solo la mia opinione, potrai anche non condividerla, ma rispettarla penso sia giusto.
        Non penso di aver detto nulla ne contro Daniele, ne contro nesuno ho solo ribadito il mio pensiero.
        Comunque rispetto quanto scritto da Daniele.
        Ognuno dovrebbe pagare quello che impegna (come le forze dell’ordine).

        1. Scritto da Tarnie

          Le forze dell’ordine le paghiamo tutti noi pagando le tasse, fa parte del loro servizio, sai quante volte le forze dell’ordine sono state impegnate in servizi a te utili e a me indifferenti. comunque lo Stato ha preso anche soldi dagli organizzatori della manifestazione attraverso le tasse, l’iva quando aquistiamo biciclette e acessori vari e la città ha guadagnato migliaia di turisti che son venuti da tutte le parti per l’evento. I soldi per le forze dell’ordine lo stato gli ha visti e come. Poi le forze dell’ordine impegnate non erano tante, per lo piu lungo il percorso la maggior parte erano volontari.

          1. Scritto da Pier

            Che discorso è l’iva quando compriamo la bici?
            Allora anche quando si compra il pane, l’acqua, ecc.

            Comunque non voglio fare una questione, rispetto la tua idea anche se non la condivido.

  4. Scritto da Millo

    Grandissimi!!

  5. Scritto da binda

    lo diceva il grande Binda: per andare in bicicletta , prima di tutto, ci vogliono “i garroni”…

  6. Scritto da Francesco

    Molto meglio loro di tanti partecipanti in regolare bici di corsa pronto gara da mogliaia di euro che come spesso accade se ne fregano ampiamente di ogni regola della strada, uno su tutti rispettare il semaforo rosso

    1. Scritto da attanaz

      massimo rispetto per il semaforo rosso!