BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rischio anni di piombo? Chi li ha vissuti: “No oggi è tutto differente”

I Gap rivendicano l'attentato al manager Ansaldo e si scopre che nel 2010 lì, come a Bergamo, spuntarono volantini pro Br. Ma Zaverio Pagani che visse gli anni di piombo da sindacalista non vede similitudini. Per Uliano, leadaer Fim, però la crisi porta qualcuno ad auspicare la violenza.

Più informazioni su

Mentre i Gap (Gruppi armati proletari) rivendicano l’attentato al manager dell’Ansaldo nucleare Roberto Adinolfi, ecco che si scopre che nello stabilimento genovese nel 2010 erano stati trovati dei volantini con il simbolo della Brigate Rose, la stella a cinque punte.

Questo simbolo, lo ricordiamo, era comparso, sempre nel 2010 anche in Bergamasca, precisamente nell’autunno di due anni fa alla M&M International di Grassobbio: lì su un comunicato della Fim Cisl era stato scritto un invito a tornare agli anni di piombo. Un anno prima, nel 2009, alla Brembo di Curno erano stati trovati invece due volantini dei metalmeccanici della Cgil con la famigerata stella.

Allora, nel giorno dell’anniversario della morte di Aldo Moro, la domanda che in tanti si fanno: c’è il pericolo di un ritorno al terrorismo anni Settanta?

Per quanto riguarda Bergamo e la sua provincia abbiamo provato a porre la questione a un ex sindacalista che in tale ruolo visse quel momento, Zaverio Pagani che fu anche segretario della Cisl.

Lui è rassicurante: “No, non vedo assolutamente un terreno simile a quello di allora. E’ vero che il paese Italia vive un periodo di bailamme, di timori, d paura, ma non mi sembra proprio che ci sia qualcuno che intenda ripercorrere in modo organizzato quel cammino disastroso”.

Zaverio Pagani va oltre. “Devo dire che allora cera un movimento che aveva degli ideali, certo degenerati e certo completamente sbagliati, oggi c’è un individualismo esasperato che non porta a costruire gruppi eversivi dalle basi solide. Meno male, in questo senso”. E poi: “Negli ani settanta c’era anche chi era disposto al sacrificio personale per portare avanti determinate idee, oggi la vedo dura”.

Però dal fronte sindacale ancora attivo Ferdinando Uliano, neo segretario nazionale della Fim Cisl, sottolinea come negli ultimi mesi, complice la crisi, alle assemblee qualcuno, molto isolato, auspichi un intervento violento: “Frasi così, cominciano a sentirsi: sono rare e sono subito messe a tacere da una rivolta di tutti gli altri convenuti alle assemblee. Perciò ritengo si tratti di solitari arrabbiati tendenti alla violenza, almeno a parole. Vero è – conclude Uliano – che negli anni Settanta il terrorismo si nutriva anche di questo pseudo consenso, che era però molto più largo”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Fabio

    Olga D’Antona la moglie di Massimo D’Antona ucciso dalle brigate rosse nel 1999 ha detto che le BR sono solo in una fase di ritirata strategica e che potrebbero ritornare, la stessa pistola che ha ucciso marco biagi e d’antona non è mai stata trovata e che Cinzia Banelli pentita a parte i soliti nomi che erano già al vaglio degli inquirenti, non ha fatto altri nomi

    questo lo ha detto Olga D’Antona in un video in un’intervista

  2. Scritto da nino cortesi

    A me personalmente ha fatto specie l’arresto di Viscardi, un giovane ragazzo che non mi sembrava tanto centrato. Arresto fatto passare per l’azione antiterrorismo della vita. I terroristi sono altri che non finiscono mai in galera e sono i “Cirio”, i “Parmalat”, i “Don Verzè”, i “grandi managers”.
    Ma siamo abituati a far risaltare i ladri di polli che rubano per fame.

  3. Scritto da Gaetano Bresci

    Armi di Distrazione di Massa.
    Se è un attentato terrorista è opera di folli isolati, penso più alla pista “commerciale” mafiosa e comunque…
    basta con ‘sta fobia della stella a 5 punte che compare dappertutto a segnare la presenza di simpatizzanti BR; il pentacolo è uno dei simboli più diffusi in tutte le culture e usato da cani e porci.

  4. Scritto da lamagraz

    Quando rapirono Aldo Moro, ricordo l’altoparlante interno della scuola annunciarci che ci avrebbero fatto uscire immediatamente dall’edificio causa un grave fatto accaduto e di recarci ognuno alle proprie abitazioni nella maniera più veloce possibile.
    E’ vero, erano altri tempi….non abbiamo più voglia di partecipazione e il nostro unico interesse è racchiuso tra le mura di casa nostra.
    Io qualche anno dopo da giovane AA.CC in quel di Milano circondato da qualcosa che faticavo a capire se non che i boni erano altri, una mattina seppi che un brigadiere che prestava servizio con me a San Vittore era stato ucciso sui marciapiedi della città.Molte volte quella strada l’avevamo fatta insieme