BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Banche: la resa dei conti non è ancora arrivata Piazza Affari perde -1,18%

Se si prende la Borsa di Milano quale indice anticipatore delle tendenze in corso, è palese la constatazione che la resa dei conti non sia ancora arrivata, quantomeno per il comparto bancario.

Più informazioni su

di J.T.

Nuovo tonfo per la borsa italiana e per quella Spagnola. Il fine corsa iberico, o meglio un primo ostacolo a nuove discese, potrebbe essere sulle quotazioni del 2002, distanti ancora circa il 20%.

L’indice Italiano è sotto le quotazioni del 2002 già dall’autunno del 2008, mentre l’indice tedesco è il triplo, a dire 3300 contro 1100.

Per chi non volesse giocare al casinò, sembrerebbe sensato alleggerire i propri investimenti borsistici quando arriverà il primo rimbalzo tecnico.

Sotto quota 12.000, e siamo ad un soffio vista la volatilità di questi giorni, potrebbe esserci un calo sino a quota 6000/6500 dell’indice Ftse Mib.

Non piacerà sapere che a marzo i prestiti e i titoli dello Stato in pancia alle banche sono cresciuti di circa 35 miliardi rispetto al mese precedente e raggiungono la consistenza di 747 miliardi di euro.

Sono più del doppio del capitale tangibile del sistema bancario e circa il 35% del totale debito pubblico; a fronte di queste cifre abnormi, appare abbastanza improbabile che l’Italia possa uscire dalla crisi in meno di 5 anni e senza interventi molto forti sulla spreco pubblico, sempre che vada tutto bene.

Se si prende la Borsa di Milano quale indice anticipatore delle tendenze in corso, è palese la constatazione che la resa dei conti non sia ancora arrivata, quantomeno per il comparto bancario. Del resto il sistema bancario italiano ha perso molte delle sue possibilità di movimento e può tenere solo se l’anello che lo lega al debito pubblico non si spezza. Fuori da questa premessa, che incorpora la necessità di molti altri sacrifici da parte della collettività, non c’è altra via di fuga né salvezza a minor costo sociale.

Debito pubblico, Banche e risparmi delle famiglie corrono insieme verso la salvezza.
Piazza Affari chiude negativa: il Ftse Mib segna -1,18% a 13.771 punti, l’All Share -1,09% a 14.810 e lo Star -0,98% a 10.079.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gio

    speculazione , ???
    avete avuto un megalomane che spendeva tutto con le tro…

    ha lasciato solo debiti e vi riempiva di bugie

    speculazione ????? beh cari nordisti la realta e che la germania e l olanda non vi vogliono mantenere
    siete solo un bancomat impazzito

  2. Scritto da Gino

    Non serve svegliarsi, tanto questi speculatori implodono da soli per il troppo egoismo. Il sistema finanziario speculativo ė in default, non le nazioni dalla quali mungono. Ritorniamo alle sovranità nazionali, usciamo dall’euro, azzeriamo i debiti, e col tempo usciremo dalla crisi. Lasciamo gli speculatori con un palmo di naso: avete giocato, avete perso i vostri soldoni, ora a cuccia.

    1. Scritto da gio

      e tu pensi si fare un buco da 2 trilioni e passarla liscia???

      studia la storia e capirai perche scoppiano le guerre

      certo io i debiti li farei pagare a chi li ha fatti e se la spassava con le minorenni ( visto che diceva una massa di bugie non siamo in crisi ??)

      1. Scritto da il polemico

        ma,se alla grecia è stato condonato il 75%del suo debito al solo scopo di non farla fallire,perchè deve onorare dei contratti di qualche miliardo di euro con germania e francia per delle forniture di armi,nonchè per il fatto che le banche più esposte verso grecia sono di germania e francia,il cerchio si chiude.non potremmo obbligare ue a farci condonare pure noi una bella fetta di debito?

  3. Scritto da Carlo Pezzotta

    Un evviva a questo capitalismo!! Questo capitalismo che anche tramite le borse come ai casinò, si gioca e si specula!!! Questo capitalismo che imperversa guidato dai terroristi dell’alta finanza,
    Lo sapete che sono circa 500 soggetti i terroristi che governano l’alta finanaza come vogliono loro? 500 delinquenti che tengono in scacco 7 miliardi di abitanti del pianeta!! Lo sapete che ci vogliono portare ad una sorta di neo medioevo? Ora che però i cagnolini di compagnia di questa gentaglia stanno per essere eliminati e mi riferisco ai berlusca prima ai sarkozì, ai brown (elez. parz. in GB), alle merkel (elez. parz. in D), poi, cercano di darci il colpo di grazia. SVEGLIAMOCI!!!!!!

    1. Scritto da il polemico

      io ho sempre pensato che al contrario,berlusconi fosse stato cacciato perchè non voleva farsi imporre da europa quello che poi hanno imposto a monti…non per nulla,con monti la merkel è stracontenta

    2. Scritto da La verità fa male

      Berluska è sempre stato inviso a questa marmaglia per il semplice fatto che è sempre stato un “cane sciolto”, anarcoide e secondo loro un po’ matto, amico di Putin e di Gheddafi (orrore, per certi salotti pieni di benpensanti), con l’aggravante che si portava dietro come ministro Tremonti il quale non poteva soffrire i banchieri. Per il resto la sua analisi è impeccabile e io stesso, destroide confesso con qualche piccola conoscenza economica, la penso anche peggio di lei sulla necessità di limitare la speculazione con drastiche misure e se per fermare costoro servirà la patrimoniale o la Tobin Tax o l’uscita dall’euro, si agisca senza spennare ulteriormente i poveracci