BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I deferimenti di Palazzi slittano a mercoledì Chiamati in causa 22 club

Doveva essere la giornata dei deferimenti quella di martedì 8 maggio, ma tutto è stato rinviato a mercoledì causa di problemi legati alle notifiche dei provvedimenti. Saranno chiamati in causa 22 club. Tra i deferiti anche 4 dirigenti.

Più informazioni su

Doveva essere la giornata dei deferimenti quella di martedì 8 maggio, ma tutto è stato rinviato a mercoledì causa di problemi legati alle notifiche dei provvedimenti. L’attesa della tante società e, soprattutto, dei numerosi giocatori che dovrebbero essere coinvolti in questa prima trance di deferimenti, dunque, sarà prolungata di almeno 24 ore.

Nella lunga lista dei citati a giudizio ci sarà quasi certamente anche l’Atalanta, una delle prime tre società della massima serie (assieme a Siena e Novara) che saranno tirate in ballo già da questa prima trance di Palazzi. Il grosso dei club di Serie A (Lecce, Bari, Siena, Genoa, Chievo e Lazio) dovrebbe invece slittare nel secondo troncone dell’inchiesta sul calcioscommesse. I vertici federali vogliono infatti aspettare il termine del campionato e, più avanti, si vuole evitare che il processo che tanto farà discuteresi sovrapponga mediaticamente agli Europei di calcio in programma in Ucraina e Polonia tra giugno e luglio.

I deferimenti si riferiscono alla prima parte dell’inchiesta giudiziaria della Procura della Repubblica di Cremona per il Calcioscommesse. Nella giornata di mercoledì saranno effettuate le notifiche alle parti e la Figc renderà noto il contenuto del provvedimento frutto dell’attività inquirente del gruppo di lavoro della Procura Federale, formato da vice procuratori e sostituti e coordinato da Palazzi. I deferimenti riguarderanno in particolare 33 partite (29 del Campionato di Serie B di varie stagioni sportive; 2 di due differenti edizioni di Tim Cup; 2 di Coppa Italia della Lega PRO nella stagione sportiva 2010/2011); 22 società; 61 persone fisiche tra cui 52 calciatori in attività al momento delle rispettive contestazioni, 2 calciatori non in attività al momento delle rispettive contestazioni, 4 dirigenti o collaboratori di società e 3 iscritti all’Albo dei tecnici, di cui 2 in attività al momento delle rispettive contestazioni.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ahi ahi!

    prevedo grosse mazzate…altro che città neroazzurra. avremo gran poco da festeggiare da domani!

    1. Scritto da Giacomo Testa

      Speriamo che una volta per tutte venga fatta completa luce sulla vicenda e chi ha sbagliato, giustamente, paghi.
      Lìimportante è che questa volta la legge sia uguale per tutti, poi…..mal comune, mezzo gaudio!
      Comunque,sempre forza Atalanta.

    2. Scritto da giuseppe

      l’ATALANTA ,mi sembra abbia gia pagato oltre le sue effettive colpe.Se usano lo stesso metodo anche con le altre…penso che avranno molti punti da recuperare il prossimo campionato.