BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo si prepara all’assemblea nazionale di confcooperative

Ci sarà anche la delegazione di Bergamo all’assemblea annuale di Confcooperative in programma a Roma il 9 e 10 maggio, presso l’Auditorium della Conciliazione

Più informazioni su

Ci sarà anche la delegazione di Bergamo all’assemblea annuale di Confcooperative in programma a Roma il 9 e 10 maggio, presso l’Auditorium della Conciliazione. Sarà l’occasione per confrontarsi, anche con le istituzioni e con le forze politico parlamentari e di governo, sui temi della salvaguardia dell’occupazione e del ruolo dell’impresa cooperativa in questa difficile fase economica.

Di seguito vi riportiamo il comunicato emesso da Confcooperative Bergamo.

Roma chiama Bergamo risponde.

Il sistema Confcooperative in assemblea nazionale La salvaguardia dell’occupazione e il ruolo dell’impresa cooperativa in questa difficile fase economica del paese saranno al centro dell’assemblea nazionale di mercoledì 9 e giovedì 10 maggio presso l’Auditorium della Conciliazione di Roma. Migliaia i delegati che raggiungeranno la capitale, compresa la rappresentanza bergamasca. L’assise sarà l’occasione per fare il punto sullo stato della cooperazione italiana. «Nonostante il difficile andamento economico il sistema Confcooperative tiene e anzi dà un segnale positivo che fa sperare per il futuro: l’occupazione» sottolinea il presidente di Confcooperative Bergamo, Giuseppe Guerini -. La tutela del lavoro è al centro anche dell’azione della centrale cooperativa più rappresentativa del territorio bergamasco: Confcooperative conta infatti una base sociale composta da 332 imprese che raggruppano oltre 67 mila soci e dove sono impiegati più di 7.600 lavoratori dipendenti per un fatturato di oltre 751 milioni di euro.

La delegazione di cooperatori bergamaschi è pronta a partire per Roma dove il 9 e 10 maggio si svolgerà l’assemblea annuale di Confcooperative presso l’Auditorium della Conciliazione. Una due giorni nella quale saranno impegnati oltre 3.500 tra soci e amministratori di cooperative e alla quale interverranno numerosi ministri del governo Monti. L’importante appuntamento dell’assise nazionale costituirà infatti l’occasione per fare il punto sullo stato e sulla condizione della cooperazione italiana nel contesto socio-economico attuale, confrontandosi con le istituzioni e con le forze politico parlamentari e di governo che interverranno ai lavori che saranno aperti dalla relazione del presidente Luigi Marino.

«Nonostante il difficile andamento economico – sottolinea Giuseppe Guerini, presidente di Confcooperative Bergamo – il sistema Confcooperative tiene e anzi dà un segnale positivo che fa sperare per il futuro: l’occupazione». La tutela del lavoro rimane al centro dell’azione anche di Confcooperative Bergamo, oggi la centrale cooperativa più rappresentativa del territorio bergamasco con una base sociale composta da 332 imprese che raggruppano oltre 67 mila soci e dove sono impiegati più di 7.600 lavoratori dipendenti per un fatturato di oltre 751 milioni di euro. «In questi 4 anni di crisi le nostre imprese cooperative hanno sofferto una riduzione degli utili ma anche consolidato i fatturati e incrementato il numero dei propri soci lavoratori e dipendenti – conferma Guerini -. La scelta di salvaguardare l’occupazione e il perseguimento degli utili conferma la mission delle cooperative, come società solidali e di persone».

Dall’agroalimentare all’insegna dei prodotti del «made in Italy» al credito erogato a famiglie e imprese, passando per le reti di welfare e dei servizi alle persone e alla logistica, terziario, consumo, dettaglio è un sistema di 20.500 imprese distribuite sull’intero territorio nazionale che danno lavoro a oltre mezzo milione di persone e realizzano oltre 61 miliardi di euro di fatturato: circa la metà dei numeri prodotti dal movimento cooperativo italiano. Importante anche l’apporto di Confcooperative Lombardia che contribuisce con 3.000 cooperative aderenti che associano 545.000 persone, ne occupano 80.200 e fatturano 7 miliardi di euro. L’assemblea di Confcooperative cade infine in un anno particolare: il 2012, infatti, è stato proclamato dall’Onu Anno internazionale delle cooperative: un segnale importante che dimostra come la cooperativa sia un modello d’impresa sempre più meritevole di attenzione nel mondo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.