BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fiera del Marocco Gli organizzatori “Bilancio positivo”

Si è conclusa domenica 6 maggio la prima edizione della "Fiera del Marocco in Italia". Il bilancio, secondo l'associazione Prosettembre Chiudunese, è stato positivo.

Più informazioni su

Si è conclusa domenica 6 maggio la prima edizione della “Fiera del Marocco in Italia”, svoltasi al Palasettembre di Chiuduno. Aperta tutti i giorni dalle 11 alle 21, la Fiera aveva i suoi momenti clou alle ore 14, con il corso di cucina marocchina, e alle 17, quando veniva messo in scena il caratteristico “spettacolo marocchino di fantasia con 45 cavalli”.

Vi proponiamo il comunicato stampa emesso dalla Prosettembre Chiudunese, una delle promotrici dell’evento, che stila un bilancio della quattro giorni di fiera.

“DA BERGAMO A CASABLANCA PER VINCERE LA CRISI” : LA TESTIMONIANZA DI UN POOL DI IMPRENDITORI ALLA FIERA DEL MAROCCO DI CHIUDUNO

Sei imprenditori (quattro bergamaschi e due milanesi) con il pallino dell’edilizia hanno unito le loro forze per contrastare la crisi e da sei mesi hanno aperto a Casablanca la società Berghem Group, attiva nella costruzione di case, negozi, uffici e alberghi e nell’arredamento. “Vogliamo portare la qualità dei prodotti bergamaschi in Marocco e lì non c’è crisi, il settore edile è in pieno sviluppo – spiega Alberto Caldara, 27enne di Castelli Calepio, della Berghem Group -. Il nostro progetto è stato studiato accuratamente e lo abbiamo elaborato in un anno e mezzo. Sei mesi fa si è concretizzato. A Casablanca abbiamo aperto solamente un ufficio di vendita, che per noi è una vetrina. Tra due mesi apriremo anche un magazzino. Siamo molto soddisfatti: finora abbiamo acquisito un centinaio di contatti commerciali in Marocco”.

La società Berghem Group era presente durante la prima edizione della fiera del Marocco, allestita al Palasettembre di Chiuduno dal 3 al 6 maggio. “Grazie a questa fiera – ammette Caldara – abbiamo avuto diversi contatti di imprenditori sia marocchini che bergamaschi che vogliono investire in Marocco. Mostreremo loro le opportunità che il mercato marocchino può offrire in un momento in cui la crisi, a Bergamo, si fa sentire ancora pesantemente”. La testimonianza di Alberto Caldara conferma che la kermesse non è stata solamente un’iniziativa di folclore ma soprattutto un’occasione di scambio tra le aziende.

La fiera del Marocco ha unito quasi 30 mila persone, arrivate da tutta Europa per l’occasione. Lo ha detto il presidente dell’associazione Prosettembre Chiudunese Giampietro Berzi: “Il bilancio della manifestazione è senz’altro stato positivo: le iniziative culturali e le esibizioni hanno attirato moltissimo pubblico. Questo, purtroppo, ha creato disagi alla viabilità nella zona. Ma la manifestazione si è svolta in modo pacifico, non ci sono stati problemi di ordine pubblico, grazie alla presenza dei carabinieri, della polizia di stato e della polizia locale”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da chiudunese

    Il Signor Giampietro Berzi in qualità di presidente onorario dell’associazione Prosettembre Chiudunese, nel comunicato avrebbe dovuto anche chiedere scusa a tutti i suoi concittadini per i gravi disagi generati dalla fiera. O non tutti i mali vengono per nuocere…?!?

  2. Scritto da GFI MOROCCO

    come d’accordo le invio articolo
    saluti remigio

  3. Scritto da Marcop

    Invito i lettori di BG news alla lettura di questo articolo e relativi commenti:
    http://bladibella.com/modules/news/article.php?storyid=2972

  4. Scritto da Marco

    Ho visitato il vostro sito ma e’ scritto in francese. Non avete un recapito in Italia? Quali sono le aziende coinvolte? Vi segnalo che il sito non riporta la vostra partita IVA come previsto dalla legge.