BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Villongo, il programma di Marco Consoli per “Cittadini in Comune”

Ecco il programma elettorale della lista "Cittadini in...Comune" che presenta Marco Consoli come candidato sindaco

Più informazioni su

Ecco il programma elettorale della lista "Cittadini in…Comune" che presenta Marco Consoli come candidato sindaco.

Premessa – La proposta della lista, Cittadini in … Comune, nasce dalla fusione di tre concetti ideali: essere al servizio della Comunità, la trasparenza e la Bellezza.

Essere al servizio della Comunità, per noi ha una sola valenza, siamo eletti per servire tutti i Cittadini, concetto semplice ed evidente, ma non sempre seguito. Un buon amministratore fa nascere i processi decisionali dal basso per portarli verso l’alto, rendendoli operativi e non viceversa; l’essenziale è saper ascoltare, fonte primaria del ben servire. Gli interessi della Comunità vengono prima di tutto, senza dimenticare il benessere del singolo, se non in contrasto con quello generale.

Trasparenza, come unico modo di concepire l’arte di governare, tutto deve esser fatto alla luce del sole, pubblicando tutti gli atti e le decisioni degli amministratori. Tutti i Cittadini dovranno conoscere quello che succede nella stanza della Giunta e poter controllare i propri eletti.

La Bellezza è una inesauribile fonte d‘ispirazione ed il fine ultimo da perseguire. Sicuramente, un individuo cresciuto in un luogo dove la bellezza trionfa, sarà portatore di valori positivi e propositivi, volti al miglioramento della qualità della vita di tutti, per lui non vi sarà altro modo di concepire il mondo che lo circonda. Per noi la bellezza si esalta nel verde e la natura, nelle armoniose linee di costruzioni ben progettate, nelle piazze costruite per aggregare e non dividere, nella pulizia e decoro degli ambienti, nella gentilezza nei modi, nell’elaborazione di un pensiero scevro dall’ interesse particulare, nel sentirsi bene nel luogo dove si vive. Obiettivo della proposta della lista civica “Cittadini in… Comune” è, quindi, quello di dare una risposta concreta ed innovativa alle esigenze di cambiamento, predisponendo e realizzando politiche economiche, sociali e culturali volte a rinsaldare, anche grazie a processi solidali, il tessuto cittadino.

Il programma di seguito presentato avrà quali capisaldi la trasparenza, la partecipazione dei Cittadini ai processi decisionali ed i servizi alla persona. In un momento di crisi economica, ci parrebbe di cattivo gusto, presentare un programma faraonico, con interventi da effetti speciali. Ci sembra più giusto concentrarsi sui problemi quotidiani delle persone, cercando di intervenire negli stati di bisogno, con servizi focalizzati sulle persone. Molti degli interventi da realizzare, grazie, anche, alla solidarietà ed il volontariato, saranno a basso costo o a costo zero, quindi non di grande impatto sulle casse comunali.

Etica amministrativa: rapporti con il cittadino, trasparenza e controllo. Saranno messi in campo nuovi strumenti di partecipazione con la più ampia disponibilità del Sindaco e degli assessori ad incontrare la gente.

• Ci impegniamo a migliorare il sito Internet del Comune, ora ampiamente incompleto e con scarse informazioni, per trasformarlo in una “piazza virtuale” dove si discuta delle problematiche di Villongo, ospitando forum di confronto, proposte ed iniziative da parte dei Cittadini. La disponibilità, sul sito, di informazioni in tempo reale su quanto succede in Municipio, come elemento, forte, di trasparenza. Pubblicazione sullo stesso di tutti gli atti dell’amministrazione in modo completo e corredati da allegati e giudizi di merito da parte degli organi deputati. Inserimento, all’interno del sito, dei filmati di tutti i consigli comunali, così da poter monitorare, da parte del Cittadino, il lavoro dell’organo deliberante.

• Pubblicheremo un notiziario a stampa periodico, per un’informazione di servizio ed istituzionale, con le voci di tutti gli attori presenti sul territorio (partiti, associazioni etc.).

• Assemblee Popolari sui temi più importanti del fare amministrativo e dell’organizzazione del comune (PGT – raccolta porta a porta, etc.).

• Organizzeremo dei Consigli Comunali aperti, che possano essere tenuti anche nelle frazioni per trattare specifici problemi.

• Istituiremo, con inserimento nello statuto, i Comitati di Quartiere, che facciano da interfaccia tra le esigenze dei Cittadini della zona e gli organi amministrativi, con possibilità d’intervento sulle decisioni e di avviare sia referendum consultivi sia propositivi.

• Nascerà il Difensore Civico a tutela dei diritti del Cittadino, con inserimento della figura nello statuto; avrà come funzione quella di controllare gli atti della pubblica amministrazione e di verificare, anche su iniziativa del singolo Cittadino, i processi amministrativi, oltre che le pendenze tra Cittadino e comune; questa persona verrà scelta dal consiglio comunale, a maggioranza qualificata, per coinvolgere così le opposizioni, tra persone capaci e di specchiata moralità.

• Gli assessori con delega ai servizi sociali ed alle problematiche giovanili, si impegneranno ad incontrare le associazioni e le organizzazioni sul territorio con cadenza periodica, per conoscere le esigenze delle stesse e portarle all’attenzione del Consiglio Comunale.

Servizi alla persona ed alla cittadinanza

Viste le condizioni socio-economiche, non così rosee, di vari strati della popolazione, questo è il settore che vedrà riversare il nostro maggiore impegno sia concettuale sia finanziario, non solo con interventi socio-assistenziali, per tamponare situazioni acute (es. separazioni, madri, abbandoni, mancato sostentamento dei figli minori, etc.), ma con interventi strutturali che possano potenziare il sistema di protezione-sociale del comune.

L’Assessorato ai Servizi Sociali dovrà svolgere un’intensa attività, volta a migliorare la vita delle persone più deboli e a rischio di emarginazione. La sussidiarietà è un principio importante, basilare nelle attività di contrasto all’emarginazione ed alla povertà; potenzieremo la preziosa collaborazione con la Parrocchia e le numerose associazioni di volontariato presenti nel nostro paese.

• Valuteremo il potenziamento degli asili (asili in rete, asilo nido), con maggiori servizi ed attenzione alle famiglie ed alle donne che lavorano; coinvolgere maggiormente i genitori, attraverso l’ascolto delle loro rappresentanze.

• Guarderemo di attivare un servizio di Assistenza Sociale per l’ascolto e la soluzione ai problemi delle famiglie, da quelli economici, ai disagi giovanili, alla cura e l’assistenza degli anziani e dei disabili.

• Cercheremo di valorizzare l’assistenza domiciliare, per aiutare sia nella cura personale sia nelle faccende domestiche gli anziani o le persone con patologie invalidanti, in collaborazione con l’Asl di zona.

• Saranno valutati interventi attraverso contributi assistenziali alle persone in grave difficoltà.

• Adotteremo un servizio di trasporto e distribuzione dei pasti, a prezzi modici, per persone anziane non autosufficiente, diversamente abili o con problemi fisici.

• Realizzeremo una struttura di riabilitazione fisioterapica e sollievo, nei locali, occupati attualmente dal centro medico Sant’Anna, presso il centro polifunzionale del comune, in collaborazione con cooperative assistenziali.

• Verrà rivista l’impostazione del centro anziani, che non dovrà svolgere esclusivamente la funzione di bar, a costi ridotti, bensì essere un vero e proprio centro di aggregazione e sviluppo di idee ed iniziative a favore della terza età.

• Faremo nascere, attraverso una società interamente detenuta dal comune, una farmacia comunale, che permetta l’abbattimento dei costi dei farmaci e dei prodotti per bambini e possa erogare servizi a basso costo o gratuiti quali controllo glicemia, pressione arteriosa, prenotazione visite mediche, etc.

• Medico no stop 7 giorni su 7, in collaborazione con i medici di base, un medico, sarà reperibile, per tutto l’arco della giornata, sette giorni su sette, anche on line; coordinamento del servizio con il medico di guardia.

• Proporremo il progetto ecopannolino lavabile, tale proposta permetterà alle famiglie di abbattere notevolmente i costi per il bebè; oltre ad un notevole risparmio sul fronte dei costi dello smaltimento rifiuti. Questo pannolino risulterà più economico (abbattimento del 70% dei costi per il primo figlio, del 100% per i successivi), ecologico (meno rifiuti) e sano (i pannolini usa e getta hanno sostanze irritanti). Il Comune si impegnerà ad offrire alle famiglie interessate e che si impegneranno all’uso, il primo kit da 10 pannolini.

• Proporremo, l’attivazione e sviluppo, in collaborazione con l’Asl provinciale, di progetti volti alla prevenzione socio-sanitaria in fatto di stili di vita, malattie e di contrasto all’abuso di alcool e stupefacenti.

•Verrà istituito, in collaborazione con le organizzazioni a difesa del consumatore, lo sportello “Io Consumatore”, per tutelare i Cittadini consumatori. Saranno favoriti i gruppi di consumo solidale.

• Maggiore attenzione alle aree periferiche di Seranica, i Videtti, Roncaglia, Cedrone, Sedrina e zone confinanti con i comuni limitrofi, andando incontro alle esigenze di servizi che i Cittadini stessi porteranno all’attenzione dell’amministrazione.

Casa, giovani, lavoro ed internet

La casa, dovrebbe essere, un diritto di tutti i Cittadini, ma vi sono nuclei familiari che non vi possono accedere, soprattutto giovani famiglie, che, a causa di lavori precari, non possono accendere mutui, molte volte gravosi ed ultraventennali

• Ci impegneremo a realizzare piani per l’edilizia economica abitativa e nell’immediato ad aumentare la disponibilità di appartamenti a canoni sostenibili, con interventi per incentivare i proprietari ad affittare gli appartamenti vuoti.

• Concessione, a persone in particolari condizioni di disagio, di case protette temporanee; unità già presenti nel centro polifunzionale comunale.

Giovani; verranno riviste le politiche rivolte agli stessi; verranno visti quale risorsa fondamentale, ai quale dare possibilità di sviluppo, delle proprie capacità e aspettative. Piena attuazione dell’articolo dell’art. 3 della costituzione, “…rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che,… impediscono il pieno sviluppo della persona umana…”

• Istituiremo un tavolo di coordinamento permanente fra le agenzie educative che lavorino nei settori: famiglia, Scuola, Comune, Oratorio, Gruppi Giovanili; per la prevenzione e soluzione dei problemi degli adolescenti e dei giovani. Presso il centro polifunzionale del comune si dovranno realizzare attività pratiche o di laboratorio rivolte agli adolescenti.

• Le organizzazioni di giovani, che vorranno dialogare con il comune ed avere fondi, dovranno accreditarsi, esprimendo i loro valori democratici e contro il razzismo, oltre ad avere uno o più responsabili del gruppo.

• Saranno trovati spazi da concedere in autogestione ad associazioni di giovani, che si accrediteranno presso il comune, senza distinzione di appartenenza politica o fede religiosa.

• Verranno messi a disposizione fondi, sempre alle organizzazioni di giovani accreditate, per iniziative e feste (es. 1° maggio), nel rispetto delle diversità di idee.

• Si cercherà una collaborazione con la Regione Lombardia per attivare un fondo destinato a erogare “prestiti d’onore” per aiutare i giovani e le famiglie ad affrontare economicamente gli studi universitari o momenti difficili. L’amministrazione comunale deve garantire, per la propria parte, infrastrutture e servizi più efficienti finalizzati a stimolare i giovani ad aprire piccole imprese artigianali, agricole, commerciali nel nostro territorio.

Il lavoro è un diritto, ed essendo tale, obbliga gli enti dello stato a promuovere politiche per il lavoro.

• Il comune si dovrà impegnare, anche grazie alla formazione della consulta sul lavoro, formata dalle varie componenti (imprese, associazioni, comune, etc.), a far incontrare la domanda di lavoro con l’offerta.

• Il Comune darà possibilità di lavoro, nel rispetto dell’equilibrio economico e dell’organizzazione degli uffici, per progetti mirati al miglioramento dei servizi ai Cittadini.

• Con le agenzie specializzate e le imprese, verranno attivati corsi di formazione al lavoro.

• Incentivare i giovani ad intraprendere, grazie a tutoraggi ed aiuti economici.

• Far conoscere ai disoccupati, senza protezioni sociali, la “Dote lavoro- Ammortizzatori Sociali” della regione Lombardia, che prevede percorsi formativi e di riqualificazione; aiuto nella compilazione della modulistica e verifica dei requisiti d’accesso.

Internet è la finestra sul mondo e, come amministrazione, dovremmo dare la possibilità a tutti di accedervi.

• Il comune dovrà, in collaborazione con le società del settore, realizzare una rete comunale wi-fi di accesso web, da offrire gratuitamente sul territorio comunale. Agli studenti meritevoli e meno abbienti verranno concessi dei buoni per l’acquisto di computer per collegarsi alla rete.

Banca del tempo

Si creerà a Villongo la Banca del Tempo. Istituzione no profit, che regoli, faciliti ed organizzi lo scambio di capacità lavorative, manuali ed intellettive, tra gli associati. Chiunque potrà iscriversi mettendo a disposizione le proprie attitudini professionali a chi, all’interno dei soci, ne abbia la necessità, ricevendo in cambio la possibilità di usufruire delle prestazioni lavorative degli altri soci. Il comune si impegnerà ad avviare una capillare informazione, su tutto il territorio comunale, per far comprendere l’importanza dell’iniziativa.

La risorsa Donna

Il nostro impegno è promuovere ed agevolare la partecipazione e la collaborazione a tutti i livelli delle Donne, quale risorsa essenziale per lo sviluppo armonico del paese. Per tutelarle ci impegniamo ad aprire un centro di primo ascolto, per aiutarle in caso di maltrattamenti, discriminazione e stalking, anche in collaborazione con i comuni limitrofi.

Cultura e spettacolo

Organizzeremo, come amministrazione comunale, incontri informativi e di dibattito sui temi generali del nostro tempo, iniziative di divulgazione e miglior conoscenza della storia e del patrimonio artistico, ambientale e monumentale di Villongo. Verrà confermata e potenziata la manifestazione letteraria, premio per la poesia, “Il Gelso” che dovrà avere maggiore visibilità. Saranno sostenute le iniziative di festa e promozione culturale in collaborazione con i commercianti, gli artigiani del paese e le imprese. Si valorizzerà la collaborazione con le associazioni, la Comunità Montana e le agenzie che operino in ambito culturale nel nostro territorio e si favorirà un coordinamento delle iniziative sul nostro territorio per ottimizzare le risorse umane ed economiche. Si attiveranno progetti per promuovere la trasmissione di saperi, invitando persone appartenenti a generazioni diverse a scambiarsi reciproche conoscenze ed esperienze, e favorendo gli scambi culturali tra persone di diversa provenienza etnica e religiosa. Si avvierà una più stretta collaborazione con i comuni limitrofi, per l’organizzazione di eventi culturali, mostre e spettacoli.

Biblioteca-Centro Culturale

Centro e motore delle attività culturali sarà la Biblioteca, che dovrà divenire un Centro di Cultura, non sarà, quindi, solo un contenitore di libri, ma un centro di animazione culturale per tutte le fasce d’età. Nel Centro Culturale i Cittadini abbracceranno l’Europa ed il mondo. La nuova biblioteca sarà il centro propulsore di progetti, laboratori educativi ideati e portati avanti con i ragazzi e con la collaborazione di genitori, insegnanti, artisti. Le iniziative proposte tenderanno a valorizzare le potenzialità e i talenti dei ragazzi, creando momenti di incontro, di lavoro, di esperienze condivise, in cui essi siano protagonisti in prima persona e non semplici spettatori. Le attività culturali non si svolgeranno soltanto all’interno della Biblioteca ma avranno una continuità sul territorio, con uscite e visite guidate per conoscere la storia, l’arte, l’ambiente e la natura in cui viviamo. Per i giovani saranno messi a disposizione locali attrezzati per l’ascolto di musica, per la visione di film e con supporti informatici per lo studio e il tempo libero, accesso ad internet gratuito per tutti. Questi locali saranno inoltre punti di incontro per gruppi o associazioni giovanili e non, e in generale per tutti i cittadini che abbiano voglia di incontrarsi e scambiarsi idee, aspirazioni, pensieri.

Istruzione e Scuola

Sarà nostra premura far incontrare le esigenze delle Famiglie con quelle della Scuola. Affinché si realizzi, questa sintonia, la Commissione dedicata alla Scuola e Cultura svolgerà il ruolo di tramite e porterà all’attenzione del Consiglio Comunale eventuali esigenze. Crediamo che, il piano del diritto allo studio, debba essere l’investimento più importante, che possa fare una buona amministrazione per le generazioni future.

•A tal fine, si attiveranno nuove borse di studio per gli alunni meritevoli.

• Con i risparmi provenienti dai tagli alle indennità dei consiglieri comunali e del Sindaco, si istituirà un fondo universitario per permettere ad uno o più studenti universitari di Villongo, di frequentare master all’estero, così da preparare la nuova classe dirigente del paese.

• In collaborazione con il dirigente scolastico potenzieremo il materiale didattico ed informatico a disposizione delle scuole sul territorio.

• Attraverso la Biblioteca e la Banca del Tempo faremo si, che si incontrino la domanda di ore suppletive di insegnamento (ripetizioni) e l’offerta (da parte di: studenti universitari, professori, etc.), con l’obiettivo del contenimento dei costi delle stesse.

• Vigileremo sul mantenimento del decoro all’interno dei plessi scolastici.

• Incentivazione del servizio piedibus e valutazione di soluzioni diverse per la gestione del trasporto alunni, con abbattimento costi per le famiglie.

Sport e tempo libero

Gli impianti sportivi, di proprietà del Comune di Villongo, sono di tutti i Cittadini. Tutti i cittadini hanno il diritto di goderne. Restando fermo il presupposto che il Comune incentiva lo sport, quale momento di aggregazione, socializzazione ed insegnamento di vita, non si verrà meno al principio di una gestione economica oculata, affinché gli impianti vengano gestiti in modo da avere il minor impatto possibile sul bilancio comunale. L’amministrazione dovrà impegnarsi affinché gli impianti sportivi vengano gestiti al meglio e siano fruibili da tutte le associazioni sportive presenti sul territorio, senza esclusività ad alcuna società sportiva od organizzazione dilettantistica od a scopo di lucro.

• Creazione di società polisportiva, che inglobi e gestisca tutte le realtà nel mondo dello sport, di Villongo, per gestire al meglio le risorse e gli impianti, che a tale realtà verranno attribuiti.

• Sostegno alle società sportive ed associazioni presenti sul territorio.

• Miglior gestione degli impianti sportivi, presenti sul territorio.

• Si cercherà di individuare percorso per gli allenamenti, degli atleti delle associazioni ciclistiche, che tanto lustro danno al paese. Per rendere più vivo e vivibile il nostro paese, sosterremo e finanzieremo feste, sagre, eventi sportivi, etc.

Immigrazione ed integrazione

Nascita dello Sportello Amico che lavori, con una costante presenza, per la prima accoglienza dei cittadini stranieri, per l’aiuto nella gestione delle pratiche dei permessi di soggiorno e per i ricongiungimenti familiari, anche al fine di ridurre al minimo la presenza di stranieri irregolari sul nostro territorio ed un effettivo controllo delle dinamiche migratorie. Corsi di italiano per immigrati, adulti e bambini, per permettere una reale ed effettiva integrazione. Collaborazione con le istituzioni scolastiche per la realizzazione di corsi all’inserimento, di bambini extracomunitari con problemi di lingua, nelle scuole; questo permetterebbe un più fluido svolgimento delle lezioni con vantaggi anche per i bambini italiani e stranieri che conoscono l’idioma italiano. Lotta all’immigrazione irregolare, coinvolgendo i cittadini stranieri come prime sentinelle ed i Comitati di Quartiere; controllo delle abitazioni con verifica dell’effettiva occupazione.

Piano di Governo del territorio, opere pubbliche ed ambiente

“La bellezza è la migliore lettera di raccomandazione.” (Aristotele)

Chi entrerà in Villongo dovrà sentirsi in un luogo bello ed accogliente, per questo la nostra idea di base è: basta cementificazione selvaggia si al verde pubblico e al decoro. Bisognerà rivedere la filosofia di sviluppo, con le varianti al Pgt dovremo contrastare lo sviluppo disarmonico, incontrollato e la speculazione edilizia.

Le linee guida sono:

• valorizzazione e recupero del patrimonio edilizio esistente;

• sviluppo urbanistico sostenibile, adeguato alle esigenze del nostro Comune e attento al tema della riduzione dell’impatto ambientale e energetico;

• attenzione alla necessità di infrastrutture, servizi ed alle aree verdi che ogni espansione richiede, per garantire una equilibrata crescita urbanistica;

• opposizione a processi di pura speculazione edilizia soprattutto nelle aree a vocazione agricola, agrituristica e industriale;

• forte coordinamento in termini di principi e servizi con i comuni confinanti.

Quindi la parola d’ordine è qualità nello sviluppo urbano, che porti ad un miglioramento della qualità della vita.

• Valorizzazione, potenziamento e completamento dei giardini pubblici con la realizzazione di un piccolo parco attrezzato in zona Seranica (dietro a parcheggio di via Andreoletti), il parco Uria, stoppando eventuali speculazioni e il parco “Guerna”

• Punteremo ad individuare per ogni parco e giardino pubblico, seppur piccolo, un gruppo o associazione di riferimento per la gestione e conservazione dello stesso.

• Siamo intenzionati a valorizzare i sentieri collinari con la riqualificazione degli esistenti e l’apertura di nuovi, in stretta collaborazione con i comuni limitrofi, anche per l’organizzazione di gare podistiche e ciclistiche (maratone, ciclocross, triathlon, etc.).

• Realizzazione di piste ciclopedonali, all’interno del paese, con collegamento alla direttrice Bergamo-Lago d’Iseo.

•Soluzione al problema dell’attraversamento pedonale delle provinciali, con la relativa facilitazione dell’iniziativa piedibus per gli scolari.

• Rivedere la viabilità, in modo particolare i percorsi protetti per i pedoni (es. marciapiedi in via S. Pellico, Via Sant’Anna, etc.); così da rendere più sicuro il passaggio dei pedoni, scolari in primo luogo.

• Essenziale è il rifacimento del decadente Palazzo Comunale; il palazzo di tutti i Cittadini, anche per destinarne i locali rinnovati e non utilizzati per compiti amministrativi, ad utilità di tutti ed alle associazioni di volontariato del paese.

• Verranno eliminate tutte le barriere architettoniche negli edifici di competenza comunale e le strade, per permettere una migliore fruibilità del paese ai diversamente abili.

• Decoro degli edifici, con regolamentazione per l’istallazione di parabole, impianti di condizionamento e riscaldamento.

• Prosecuzione dei piani annuali di adeguamento dell’illuminazione e degli asfalti. Relativamente all’affidamento della gestione della rete d’illuminazione pubblica, da parte del Comune, si potrebbe valutare la gestione diretta della stessa, attraverso società ad hoc in alleanza con partner tecnologico, così da poter sfruttare il rifacimento delle linee per la cablatura del paese con fibre ottiche o l’utilizzo del cavo elettrico stesso, come l’ultima tecnologia permette, per la banda larga (ultimo chilometro). Vista la situazione finanziaria e le priorità, il comune, più che ad opere faraoniche dovrà pensare, alla manutenzione ed al decoro di quello che gli compete, tagliando gli sprechi. Si attiveranno maggiori controlli per valutare la qualità dell’aria e delle acque del paese. Salvaguardia del verde esistente e nuove iniziative di messa a dimora di piante.

Efficienza, risparmio energetico e gestione idrica

Verrà posta particolare attenzione al tema del risparmio energetico, all’efficienza delle costruzioni ed al recupero dell’acqua. Verranno valutate forme di incentivazione (economiche o volumetriche) per nuovi interventi edilizi o ristrutturazioni finalizzati all’efficienza e al risparmio energetico. Il Comune si farà parte attiva per promuovere il risparmio energetico per le strutture di cui è gestore. Ad esempio illuminazione pubblica con lampade ad alto rendimento, miglioramento della coibentazione ed efficienza nel riscaldamento degli edifici pubblici, installazione di pannelli fotovoltaici su strutture pubbliche (edifici, cimiteri, etc.). Grande attenzione dovrà essere rivolta a politiche di risparmio delle risorse naturali, in particolare l’acqua che sta diventando un bene prezioso. Si intende promuovere la diffusione di strumenti e comportamenti che permettano di ridurre i consumi di acqua potabile, in collaborazione con associazioni presenti sul territorio ed attraverso informazione alla cittadinanza. Punteremo alla valorizzazione delle risorse idriche del paese.

Si spingerà la società gestrice dell’acquedotto comunale, UNIACQUE Spa a svolgere, oltreché le opere di ordinaria manutenzione, anche quelle di straordinaria manutenzione delle condutture idriche, per impedire la dispersione e ridurre i costi per la cittadinanza. Sarà nostro primo atto chiedere agli amministratori di UNIACQUE Spa, il perchè della loro condotta, relativamente al mancato ricorso al Tar sulle vicende Cogeide e Hidrogest che non hanno conferito le reti a UNIACQUE Spa come da accordi ed il perché abbiano pagato, la somma di 23 milioni di euro, a Bas Sii operante nel comune di Bergamo, contrariante agli accordi, con un aggravio di costi per tutti i cittadini consumatori. A tal fine monitoreremo se, gli accordi fatti con UNIACQUE Spa, portino benefici od aggravi di costi ai Cittadini e valuteremo le azioni da intraprendere.

Gestione dei rifiuti e pulizia del paese

L’impostazione di fondo è migliorare la raccolta differenziata, aumentando il recupero dei materiali riciclabili, per abbattere, finalmente, i costi dello smaltimento a carico dei cittadini. Rivedere con la concessionaria dei servizi “Servizi comunali spa”, le modalità della gestione dell’isola ecologica, del ritiro della spazzatura porta a porta, dello smaltimento di metalli nobili (alluminio, rame, etc.), carta, plastica, per meglio valorizzare i materiali raccolti, che in molti casi sono fonte di reddito più che di spese; i consorzi di recupero per il ritiro di materiale definibile “puro” pagano degli ottimi prezzi. Nuova metodologia nella divisione dei rifiuti da parte dei cittadini, con la divisione della frazione umida dal resto. Tutti gli interventi saranno rivolti al controllo ed alla diminuzione della frazione di rifiuto da conferire in discarica, con evidenti ricadute sia dal punto di vista ambientale sia di risparmio per i Cittadini. Per attuare la politica di cui sopra si terranno riunioni pubbliche informative per rendere edotti i cittadini sul come debbano essere divisi i rifiuti e dove riporli per la raccolta; si invierà ad ogni cittadino residente un foglio informativo su come si debba fare la raccolta differenziata, in quali giorni avverrà il prelievo della stessa; tale informativa verrà redatta in varie lingue: italiano, francese, inglese ed arabo. Per ogni condominio dovrà essere individuato un responsabile per lo smaltimento dei rifiuti.

Rimodulazione delle tariffe, prevedendo come base di calcolo non solo la superficie, ma anche il numero dei componenti occupanti l’immobile. Sconti ai Cittadini virtuosi che conferiscano in discarica materiale riciclabile, con controllo attraverso la tesserina del codice fiscale; tale modalità permetterà anche di evitare abusi nell’utilizzo dell’isola ecologica, da parte di Cittadini non residenti in Villongo od imprese. Fondamentale, per mantenere il paese bello e pulito è fare affidamento al senso civico dei Cittadini. Da qui nasce l’importanza dell’educazione civica, coinvolgendo le scuole, il centro anziani ed i comitati di quartiere. Dovrà essere debellato, anche attraverso sanzioni amministrative, il cattivo vezzo di far defecare i propri animali sulla pubblica via, senza pulire le deiezioni, ed il gettare carte e bottigliette.

Impresa, commercio e artigianato

Essenziale sarà mantenere un dialogo costante con le categorie produttive, cercando di dare impulso ad iniziative di sviluppo al settore artigianale e turistico con la valorizzazione del territorio, anche con iniziative promosse con la Comunità Montana. Creare un momento di confronto istituzionalizzato, con le imprese ed il mondo produttivo in genere, cosi da far incontrare domanda ed offerta di lavoro sul territorio. Si cercherà di agevolare l’accesso al credito, per le piccole realtà produttive. Cercheremo di mantenere, favorire ed attrarre investimenti di natura industriale, nelle aree a tal fine predisposte, nel rispetto dell’ambiente e della qualità della vita dei cittadini. Per favorire il commercio, ci impegniamo al recupero delle attività nei centri storici attraverso incentivi volti all’ammodernamento dei negozi, all’ampliamento e coordinamento dei servizi. Promozione dei distretti del commercio, con partecipazione a futuri bandi della Regione Lombardia, basati su accordi di distretto tra comune e privati. No burocrazia, agevolare start-up aziendali, attraverso uno sveltimento degli iter burocratici e sportello dedicato all’impresa e nuove iniziative. Mettere al corrente le piccole realtà produttive ed il cittadino sul panorama delle incentivazioni messe a disposizione dalle istituzioni quali: Ue, Stato, Regione, Provincia, Comune ed enti dediti allo sviluppo, quali Invitalia Spa. Nell’aggiudicazione degli appalti, nel rispetto delle norme vigenti ed a parità di condizioni, il Comune dovrà avvantaggiare l’impresa locale. Sarà nostra premura modulare le aliquote IMU, sui beni strumentali, in modo da non far gravare eccessivamente il peso delle stesse, sulle imprese presenti sul territorio.

Sicurezza del territorio

La sicurezza è un diritto fondamentale per il Cittadino. L’amministrazione comunale dovrà mettere in campo tutte quelle iniziative volte al miglioramento della stessa. Maggiori controlli sul territorio, da parte dei vigili urbani. Coordinamento degli interventi di controllo, con le forze di polizia (Carabinieri, Polizia di Stato, etc.). Valutare la bontà del servizio di controllo attraverso telecamere. Migliore illuminazione delle strade e delle piazze. Lotta all’immigrazione irregolare, con controlli nelle abitazioni ed istituzione dello “Sportello Amico”. Creare e responsabilizzare i Comitati di Quartiere, che portino all’attenzione degli organi comunali e forze dell’ordine le sacche di degrado e delinquenza. Per combattere il degrado bisogna integrare e non escludere, quindi portare avanti politiche volte ad integrare i cittadini stranieri che vogliano realmente far parte della comunità di Villongo, attraverso il mediatore culturale ed i rappresentanti delle varie comunità; eventuale elezione di rappresentanti dei cittadini stranieri all’interno di una consulta cittadina mista oppure nei Comitati di Quartiere; rappresentati del comune e cittadini stranieri. Mano ferma con chi non vuole integrarsi. Maggiori informazioni agli anziani per tutelarli dalle truffe e raggiri oltre all’istituzione di un centro di primo ascolto per il maltrattamento e discriminazione della donna.

Controllo della spesa ed entrate fiscali Il denaro pubblico dovrà essere gestito con la saggezza del buon padre di famiglia. Uno dei nostri primi atti sarà quello di verificare l’esistente, gli impegni di spesa in essere, quelli programmati per il futuro, i contratti stipulati, ed ancora in vigore, dalla passata giunta comunale.

• Rescindere i contratti, che non siano stati rispettati e non rinnovare quelli che verranno ritenuti troppo onerosi per il Comune, con un evidente squilibrio dalla parte dell’azienda appaltatrice.

• Stop alle esternalizzazioni, senza evidenti benefici per le casse comunali; assunzione diretta di personale per le piccole manutenzioni (che non richiedano macchinario o professionalità particolari) dei cimiteri, giardini, etc..

• Sul fronte delle spese ci impegniamo a tagliare gli sprechi, diminuire gli appannaggi agli amministratori comunali ed ai dirigenti comunali e delle imprese partecipate; segretario comunale part-time e non più a tempo pieno, condiviso con altre amministrazioni; stop alle consulenze esterne, valorizzazione delle capacità dei dipendenti comunali e riorganizzazione degli uffici; dove possibile cambio dei vertici degli uffici comunali con valorizzazione dei membri meritevoli degli uffici stessi.

• Appalti trasparenti, lotta ai cartelli di imprese che si spartiscono precedentemente gli appalti e non partecipano alle gare; turnover delle aziende appaltatrici; invito al maggior numero di aziende a far parte dell’albo fornitori di servizi al comune.

• Riorganizzazione degli uffici comunali, partendo dall’ufficio tributi e tasse; dovranno avere orari più flessibili e maggiore accessibilità da parte del pubblico; più informazioni ai Cittadini, non dovranno essere obbligati a rivolgersi a professionisti o caf per informazioni. La riorganizzazione dovrà renderli più efficienti ed operativi, nella lotta all’evasione.

• Sul fronte delle entrate avvieremo la lotta all’evasione dell’imposta sugli immobili (IMU ex ICI), tassa smaltimento rifiuti ed altre tasse comunali; se tutti pagassero, tutti pagherebbero meno; più risorse più servizi.

• Compatibilmente alle esigenze di bilancio, che ci troveremo a fronteggiare, essendo imprescindibile l’equilibrio di bilancio, siamo intenzionati a modulare le aliquote Imu (ex ICI) in modo da pesare il meno possibile sulle tasche dei cittadini, in primo luogo su chi usufruisce di un immobile come prima casa.

• Non siamo intenzionati ad agire sull’addizionale comunale irpef, che ci impegniamo a mantenere inalterata alla zero per mille.

Strutture in ambito sovracomunale

La nostra impostazione generale è di attuare la più ampia collaborazione con i comuni limitrofi non solo nel campo della sicurezza, ma, anche, nell’organizzazione di eventi sportivi, mostre, manifestazioni culturali e servizi alla persona. In particolar modo, valuteremo, la riapertura di una scuola arti e mestieri, in collaborazione con i comuni limitrofi e le imprese, che sulla base delle loro proiezioni, sul fabbisogno di una particolare tipologia di personale specializzato, potranno indirizzare i corsi stessi. A livello sovracomunale si potrebbe valutare lo sfruttamento della risorsa boschiva, attraverso la costruzione di un impianto a biomassa per la produzione di energia elettrica (accesso alle incentivazioni statali), che sfrutti le ramaglie provenienti dalla cura del bosco e legname apportato da possessori di boschi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.