BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Calderoli: “Ma quali primarie, rischiamo la sindrome Tafazzi”

L’ex ministro Roberto Calderoli boccia la proposta delle primarie lanciata dal quotidiano La Padania, che ha promosso un sondaggio con l’invio di coupon per scegliere il nuovo segretario federale del Carroccio.

Più informazioni su

L’ex ministro Roberto Calderoli boccia la proposta delle primarie lanciata dal quotidiano La Padania, che ha promosso un sondaggio con l’invio di coupon per scegliere il nuovo segretario federale del Carroccio.

"Le primarie rappresentano un insostituibile strumento di democrazia di un movimento e infatti la Lega Nord già le fa internamente e con serietà attraverso vere ed ufficiali convocazioni, una reale verifica dell’identità dei votanti, della loro qualifica di Soci Ordinari Militanti e attraverso votazioni a scrutinio segreto che coinvolgono decine di migliaia di tesserati. Iniziative diverse che coinvolgano gli elettori veri o presunti tali non sono possibili, visto che l’articolo 48 della Costituzione prevede che il voto debba essere “libero e segreto”. L’iniziativa de “La Padania” di individuare i candidati alla carica di Segretario Federale attraverso l’invio di un coupon pubblicato sul quotidiano presuppone la presenza di più candidati, cosa che contrasterebbe con lo spirito di un congresso unitario da tutti auspicato. Il segretario federale viene eletto dai militanti delegati al Congresso attraverso le primarie, i congressi provinciali, i congressi nazionali e non attraverso sondaggi dove la preferenza viene espressa su un coupon da chicchessia, fosse anche da un nemico giurato della Lega e della Padania, come peraltro ha già invitato a fare Gad Lerner, correndo così il rischio, paradossale ma serio, che il candidato possa essere ‘Cetto La Qualunque’. Non parlo mai, per spirito di disciplina, fuori dal coro, ma oggi è necessario farlo per il bene del movimento e per prevenire le “sindrome-Tafazzi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ex elettore

    Le primarie ve le fanno gli elettori ai seggi…….Certo di bufali con l’elmo e le corna ce ne sono in giro ancora tanti….