BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sette libri per pensare A maggio all’Articolo21

Manifestare Il Pensiero. Libri per essere liberi di pensare, 7 incontri alla libreria Articolo 21 di largo Rezzara a Bergamo. Il primo incontro si terrà mercoledì 2 maggio con Giorgio Vallortigara e Ugo Morelli.

Più informazioni su

Manifestare Il Pensiero. Libri per essere liberi di pensare, 7 incontri alle 18.30 alla libreria Articolo 21 di largo Rezzara a Bergamo.

A maggio parte un intenso programma di incontri dedicati alla filosofia, la scienza, l’etica.

Il titolo della rassegna è ‘Manifestare il pensiero’. Il titolo della rassegna è un richiamo dall’articolo 21 della Costituzione.

Il primo incontro si terrà mercoledì 2 maggio alle 18.30 con Giorgio Vallortigara e Ugo Morelli.

Alcuni importanti studiosi presentano le loro più recenti pubblicazioni, che in comune hanno il fatto di essere ‘letture trasversali’ di argomenti di grande attualità, dove la politica, la filosofia, le scienze, l’etica, la letteratura che vengono messi sotto la lente di ingrandimento di antropologi, scienziati, filosofi, medici e psicologi. Sconfinamenti il cui senso è quello di offrire delle chiavi per pensare il presente. Libri per essere liberi di pensare.

Programma:

Mercoledì 2 maggio ore 18,30 La mente che scodinzola. Storie di animali e cervelli, ed. Mondadori Intervengono Giorgio Vallortigara e Ugo Morelli

Mercoledì 9 maggio ore 18,30 Verdi tribù del Nord. La Lega vista da un antropologo, ed. Laterza Interviene Marco Aime

Mercoledì 16 maggio ore 18,30 Perché amiamo scrivere. Filosofia e miti di una passione, ed. Raffaello Cortina. Interviene Duccio Demetrio

Sabato 19 maggio ore 18,30 Geni a nudo. Ripensare l’uomo nel XXI secolo, ed. Codice Intervengono Giuseppe Testa e Telmo Pievani

Mercoledì 23 maggio ore 18,30 Un fisico delle origini. Heidegger, la scienza e il rapporto con la natura, ed. Donzelli. Interviene Enrico Giannetto

Mercoledì 30 maggio ore 18,30 Il coraggio dell’etica. Per una nuova immaginazione morale, ed. Raffaello Cortina. Interviene Laura Boella

Mercoledì 6 giugno ore 18,30 Eugenetica: un tabù contemporaneo. Storia di un’idea controversa, ed. Codice. Intervengono Carlo Alberto Defanti e Virginio Bonito

I protagonisti:

Giorgio Vallortigara è Professore ordinario di Neuroscienze e Direttore Vicario del Center for Mind/Brain Sciences dell’Università di Trento. E’ anche Adjunct Professor presso la School of of Biological, Biomedical and Molecular Sciences dell’Università del New England, in Australia. E’ autore di più di 170 articoli scientifici su riviste internazionali (con oltre 3000 citazioni) e di alcuni libri a carattere divulgativo.

Ugo Morelli insegna Psicologia del lavoro e delle organizzazioni all’Università di Bergamo e presiede il Comitato scientifico della Scuola per il governo del territorio e del paesaggio, presso la Trentino School of Management di Trento. Tra i suoi saggi: Affetti e cognizione. Nell’apprendimento e nella formazione (con Carla Weber, 2005). Conflitto. Identità, interessi, culture (2006), Incertezza e organizzazione. Scienze cognitive e crisi della retorica manageriale (2009), Mente e bellezza. Arte, creatività e innovazione (2010).

Marco Aime antropologo e scrittore, insegna Antropologia culturale presso l’Università di Genova e ha condotto ricerche in Africa occidentale (Benin, Burkina Faso, Camerun, Mali, Togo) e sulle Alpi. Ha partecipato alle edizioni 2007 e 2008 del Festival della Mente di Sarzana e alle edizioni 2004, 2007 e 2009 del Festivaletteratura di Mantova. Autore di opere scientifiche, testi di narrativa e favole per ragazzi.

Giuseppe Testa dirige a Milano il laboratorio di epigenetica delle cellule staminali presso l’Istituto Europeo di Oncologia (ieo) dove è anche cofondatore del dottorato in fondamenti ed etica delle scienze della vita. Si è formato in biologia all’embl di Heidelberg e in bioetica e sociologia della scienza alle Università di Manchester e Harvard. Ha pubblicato sulle principali riviste in ambito sia biomolecolare sia bioetico e sociologico.

Telmo Pievani insegna Filosofia della Scienza all’Università degli Studi di Milano Bicocca. È segretario del Consiglio Scientifico del Festival della Scienza di Genova, direttore di Pikaia– Il portale italiano dell’evoluzione, e ha pubblicato con Meltemi, Laterza, il Mulino, Einaudi, Bompiani e ChiareLettere.

Enrico Giannetto è professore ordinario di Storia del pensiero scientifico, coordinatore della Scuola di Dottorato in Antropologia ed Epistemologia della Complessità e del Centro di Ricerca sulla Complessità presso l’Università di Bergamo. È presidente della Società Italiana degli Storici della Fisica e dell’Astronomia. È autore di numerosi lavori, soprattutto sulla storia della fisica del Novecento, tra cui Saggi di storie del pensiero scientifico (Sestante-Bergamo University Press, 2005).

Laura Boella insegna Filosofia Morale presso l’università Statale di Milano. Ha dedicato gran parte delle proprie ricerche allo studio del pensiero femminile del ‘900, divenendo un punto di riferimento per l’approfondimento delle riflessioni di studiose come Hannah Arendt, Simone Weil, Maria Zambrano e Edith Stein. Ha dedicato particolare attenzione al tema della relazione intersoggettiva e di sentimenti come simpatia, empatia, compassione, nonché a temi vicini alla bioetica.

Carlo Alberto Defanti già primario di neurologia all’ospedale Niguarda di Milano che ha avuto in cura Eluana Englaro, è uno dei fondatori della Consulta di Bioetica. È autore di oltre un centinaio di pubblicazioni scientifiche e di due saggi di argomento bioetico: Vivo o morto? (Zadig, 1999) e Soglie. Medicina e fine della vita (Bollati Boringhieri, 2007).

Virginio Bonito è neurologo presso gli Ospedali Riuniti di Bergamo ed esperto di bioetica.

Libreria Fassi s.r.l. Largo Rezzara 4-6 Bergamo tel. 035-220371 info@articolo-21.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.