BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mario Ratti lascia la giunta camerale

L'ex presidente di Confindustria Bergamo si è dimesso dalla giunta camerale, sulla scelta pesa il caso Sacbo dove dovette cedere la presidenza a Miro Radici

Più informazioni su

Mario Ratti lascia l’incarico di membro di Giunta della Camera di commercio. La lettera di dimissioni è stata consegnata nei giorni scorsi al presidente dell’ente camerale, Paolo Malvestiti.

Una scelta che non ha stupito i membri della giunta, da tempo infatti Ratti non partecipava più. L’ex presidente di Confidustria Bergamo e di Sacbo si era allontanato dalle decisioni di Largo Belotti da circa un anno, da quanto dopo aver conseguito brillanti risultati per lo sviluppo dell’aeroporto di Orio al Serio dovette cedere il posto di presidente della Sacbo, la società di gestione aeroportuale, a Miro Radici.

Un passaggio che Ratti non ha mai accettato perché voluto e deciso dalla politica.

Miro Radici, infatti era sostenuto da lla parte pubblica del patto di sindacato dei soci bergamaschi della Sacbo: Provincia e Comune di Bergamo (a guida Lega e Pdl), detentori, insieme alla Sea, la società di gestione degli scali milanesi, della maggioranza della Sacbo. A sostenere Ratti erano invece i soci privati del patto di sindacato, a cominciare da Confindustria Bergamo e dalla Camera di commercio. Come andò si sa: vinse Radici.

Ratti si defilò, rallentò la sua presenza anche il Camera di Commercio fino alla lettera di dimissioni. Entro la fine del mese di maggio il consiglio camerale provvederà alla sostituzione di Ratti. Favorita ad entrare in Giunta dovrebbe essere ancora un esponente di Confindustria, nel toto-nomine spicca il nome di Rita Melocchi

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.