BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lions di nuovo ko Ma da Bologna si torna a testa alta

I Leoni bergamaschi escono sconfitti dal campo della grande potenza emiliana ma possono guardare avanti con ottimismo per via delle belle cose fatte vedere nell'ultimo match. E, anche se i playoff restano lontani, il periodo più buio sembra alle spalle.

Più informazioni su

I Lions Bergamo escono sconfitti dal campo di Bologna ma a testa alta. La grandissima esultanza dei bolognesi a fine partita la dice lunga su quanto abbia sofferto la squadra capolista dei “Guerrieri”, che per la prima volta nella loro storia riescono nell’impresa di battere i Lioni orobici.

In una cornice di grande pubblico, come sempre a Bologna, e con gli irriducibili tifosi giunti da Bergamo che hanno fatto sentire la loro voce, si è giocata una splendida partita di grandissima correttezza sia in campo che sugli spalti, a dimostrazione dell’enorme rispetto tra le due squadre. Partono subito forte i Warriors e dopo un drive offensivo perfetto segnano con la corsa finale di Jordan Scott, trasf. no good (6-0). Ma i Lions replicano immediatamente e al secondo gioco Daryl Forte pareggia i conti con una devastante corsa laterale fino in endzone + trasf. di Ezio Marone (6-7).

Non c’è un attimo di tregua in questo primo quarto e i bolognesi si riportano avanti dopo un drive molto lungo che divora il tempo sul cronometro, fino alla breve corsa in end-zone del QB Eric Watt, trasf. no good (12-7) e fine quarto. Dopo la sfuriata iniziale le difese prendono la misura ai rispettivi attacchi che giocano abbastanza bene ma nel momento decisivo vengono regolarmente bloccati. Batti e ribatti continuo fino alla fine del primo tempo che si chiude per la prima volta dall’inizio del campionato con i bergamaschi in svantaggio. Dopo la pausa i Warriors partono caricati a molla e allungano sui rivali tornando a segnare con un breve passaggio di Eric Watt su Scott che poi corre fino a varcare la goal-line, ancora trasf. no good (18-7).

I Lions a questo punto finalmente si sbloccano e l’attacco comincia a macinare gioco. Ottimo drive e td-pass finale Blanchard/Thompson + trasf. di Marone per il (18-14). Partita di grande intensità ed equilibrio. Ma in questa ripresa non c’è pausa e i bolognesi alla prima azione di attacco successiva ristabiliscono le distanze con una grandissima corsa centrale di Scott, 50 yards di fuga fino in touchdown + trasformazione da 2 punti (26-14).

E’ serata da “Guerrieri della Notte” e i Leoni bergamaschi ribattono colpo su colpo, td pass Blanchard/Podavitte + trasf. di Marone (26-21). Siamo all’ultimo decisivo quarto e il pubblico ha la sensazione che può accadere di tutto. In effetti è proprio così, iniziano i bolognesi in attacco e il drive è di quelli studiati per fare passare più tempo possibile nella speranza di segnare e chiudere la partita. I tifosi bergamaschi capiscono che questo è il momento cruciale del match e si sgolano per sostenere la squadra. I Warriors sono molto bravi e l’attacco decisivo si conclude con il td/pass Watt/Panzani + trasf. da 2 punti (34-21). Mancano solo due minuti alla fine dell’incontro e per i Lions sembra finita. Ma la reazione è da grande squadra. Sul calcio dei Warriors, Thompson prende palla e corre per 70 yards direttamente in touchdown + trasf. di Marone (34-28) e sono passati solo 10 secondi dalla segnatura avversaria. Manca un minuto e 50 secondi, i Lions tentano l’onside-kick, calcio corto per tornare in possesso della palla in attacco e cercare subito la segnatura del sorpasso e della vittoria. L’azione viene giocata benissimo e i bergamaschi ricoprono il pallone, ma da sotto l’enorme mischia che si forma in questi casi il pallone risulta nelle mani di un bolognese, in realtà per stessa ammissione degli avversari, il pallone viene sottratto ai bergamaschi a gioco fermo ma gli arbitri non vedono e danno il possesso ai Warriors innescando la grande contestazione di giocatori e panchina.

Non c’è nulla da fare, palla a Bologna che amministra gli ultimi secondi e vince. In conclusione possiamo affermare di avere assistito ad una grande partita, i Lions hanno perso ma hanno giocato alla pari contro la squadra capolista e hanno avuto la possibilità persino di vincere l’incontro. Inoltre la tendenza che vedeva il crollo dei bergamaschi nel secondo tempo è stata interrotta, 21 punti segnati quasi quanti quelli realizzati complessivamente nelle prime 6 partite.

Grande lavoro del coaching staff, di Davide Donnini come head coach e del ritorno di Angeli “cecco” Busi come offense coordinator, la sua mano si è vista solo dopo una settimana di lavoro e i tifosi alla fine si sono chiesti: se fosse arrivato due settimane prima? Con i “se” e con i “ma” non si fa la storia ma siamo certi che questa è la strada giusta per il proseguo del campionato. A tal proposito ricordiamo agli appassionati che il prossimo weekend il campionato osserverà una pausa, quindi domenica 13 maggio i Lions saranno nuovamente ad Azzano contro i Seamen Milano. Nel frattempo i tifosi stanno organizzando importanti iniziative proprio per la prossima partita casalinga di cui verrà dato comunicato nei prossimi giorni.

Servizio di Nicola Fardello

Foto di Andrea Gilardi

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.