BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Santoro si candida a direttore Rai: provocazione? Di’ la tua

Santoro dg Rai e con lui Freccero, Fazio, Saviano, Celentano. E' solo provocazione per dare una sterzata alla Rai e ai partiti o potrebbe essere davvero un segnale forte di rinnovamento se la scelta del governo Monti cadesse su di lui?

Più informazioni su

Da Lucia Annunziata e poi in serata al Festival del Giornalismo di Perugia, Michele Santoro lancia la propria candidatura a direttore generale della Rai in tandem con Carlo Freccero (presidente).

E lo fa inviando pubblicamente il proprio curriculum al premier  Mario Monti: "Monti dovrà prestare attenzione a questa richiesta perché se la fase due non comincia dalla Rai vuol dire che non comincerà mai. Questa non è una questione soldi, ma di credibilità del governo". E la tv di Santoro prevede tra i protagonisti Fazio, Saviano, Calentano (senza teleprediche ma come talent scout) e Floris.

"Manderemo i curricula a Monti e a Napolitano, ha dichiarato – vedremo come li analizzeranno. Quando ci sono cariche pubbliche in ballo devono dirlo in maniera trasparente, non andando a parlarne con Bisignani e Letta. Vorrei che Monti ci dicesse qual è il percorso di questi curricula? Quali sono le scadenze. Vorremmo vederli prima delle nomine, non dopo. Io Io voglio vedere quelli che fanno parte delle cricche e delle camarille che presentano i loro curricula…".

Secondo Santoro oggi si sente meno il peso di Berlusconi sul sistema televisivo eppure "il conflitto di interessi non è una malattia solo di Berlusconi, coinvolge tutti, anche la sinistra, che ha la sua diramazione di conflitti in Rai".

E sul Pd il giornalista che conduce con successo la sua novità al di fuori del sistema televisivo "Servizio pubblico" ha dichirato: "Se è positivo il fatto che il partito di Bersani abbia detto no alla spartizione delle poltrone in viale Mazzini, ancora però i democratici non si rendono conto che la Rai è un punto nevralgico per la crescita. I tempi sono stretti e il Pd non può stare sull’Aventino. Bisogna costringere Monti a non aspettare le decisioni dei partiti, ma ad anticiparle. Monti deve dire: io indico questi nomi e questa qualità di persone, svincolate dai partiti. Al quel punto i partiti non possono far altro che seguirlo, se non vogliono precipitare ancora di più nell’opinione pubblica. Io però vedo poche sferzate in faccia ai partiti da Monti, vedo più pugni in faccia agli operai".

Come vedi la discesa in campo di Santoro? E’ solo provocazione  per dare una sterzata alla Rai e ai partiti o potrebbe essere davvero un segnale forte di rinnovamento se la scelta del governo Monti cadesse su di lui?

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da battista

    Mandatelo a lavorare in una miniera di sale

  2. Scritto da Edwy

    Grande Michele!

  3. Scritto da alex

    come direttorte della Rai vedrei Marcello Sorgi – molto equilibrato ed obiettivo

  4. Scritto da alex

    non esiste un giornalista più fazioso, di parte e pieno di se come Santoro.
    E’ un giornalista che crede assieme al suo carissimo amico Travaglio di essere il solo ad avere la verità in tasca

  5. Scritto da MarinoB.

    Grande giornalista non piegato a novanta gradi nè davanti nè dietro a nessuno che fosse politico o quant’altro.Al potere ,vedi Berlusconi ,ha sempre dato fastidio perchè da voce alla gente comune della strada.
    I vari Vespa & company tutti servili al potere vadano pure in pensione non sentiremo la loro mancanza.Forza Santoro.

  6. Scritto da Tiziano Trivella

    La provocazione non è la candidatura di Santoro: la vera provocazione è sempre stata quella di candidare e nominare persone incompetenti o… parzialmente competenti, solo perché appoggiate (o spinte) dai politici al potere.
    Santoro può piacere o non piacere, ma occorre dargli atto che di RAI e di TV se ne intende sicuramente.

  7. Scritto da Giordano

    Non vedo quale sia il problema se Santoro propone la sua candidatura per la presidenza in Rai. In realtà è un serio professionnista che svolge con passione il suo lavoro.
    Sicuramente questa notizia darà fastidio a molte persone perché Santoro è uno che si sforza di far emergere la verità, e purtroppo l’Italia non è un Paese che miri alla qualità, poiché per anni è rimasto ipnotizzato dalla volgarità e dallo scarso valore dei programmi Rai. Comunque al di là di tutto, credo che una riforma sia necessaria, i partiti devono uscirne fuori: il governo saprà essere all’altezza del compito? La coerenza e la trasparenza saranno di rigore? Staremo a vedere!

  8. Scritto da luigi tarzia

    Se volete una tivu faziosa e di regime allora Santoro e quel codazzo di peronaggi sinistri e piagnoni sono l’ideale.
    L’unico modo per liberarsi di questi patetici paladini della sinistra è mettergli il bavaglio una volta per tutte.

    1. Scritto da Pippo

      Grande Giggi! Un luminoso commento da parte di un difensore del pensiero liberale tanto caro a B. Bravo, continua così.

  9. Scritto da castellant

    senza berlusconi non c’e’ bisogno di santor;.senza partiti un manager interno .per .es. Mineo.

  10. Scritto da lamagraz

    Propongo Topo Gigio !

  11. Scritto da daniela

    Uno dei grandi pregi di Santoro è dare la parola direttamente alla gente comune e ai suoi problemi, senza filtri, senza censure. Se questa non è democrazia!
    E’ un giornalista intelligente, coraggioso e libero dai poteri forti e meno forti. Sganciato da partiti e dai suoi leader.
    E’ uno dei giornalisti che hanno fatto fare più incassi alla TV pubblica.
    Sarei felice di vederlo Presidente RAI e, diversamente da quei commentatori intrasigenti che mi precedono e affermano che non pagherebbero il canone, io il canone continuo a pagarlo, con il mal di pancia, nonostante Ferrara, Vespa, tette al vento ecc. ecc.. Nonostante, oramai, guardi molto più spesso e volentieri La 7

  12. Scritto da Jimmy

    Sicuramente è uno dei pochi giornalisti senza inginocchiatoio, poi può piacere o meno.

    1. Scritto da fiorina

      l’inginocchiatoi ce l’ha e come quello della sinistra!!!

      1. Scritto da Ugo

        A dir la verità è l’unico che smerluzza tutti e che porta idee contrapposte nelle proprie trasmissioni. Non l’ho mai visto genuflesso o omissivo nè davanti a berlusconi nè davanti a Bersani o qualunque altro. Dopo di che mi è poco simpatico e spesso non sono d’accordo con lui, ma è un altro discorso.

  13. Scritto da Giosuè

    Santoro non mi è simpatico ma una cosa è certa, da Santoro sono sempre presenti i massimi rappresentanti del pensiero contrario. Non ha mai imboscato informazioni. Sfido chiunque a dire altrettanto degli indecenti santuari televisivi della destra.

  14. Scritto da cittadino libero

    Tra lui e la democrazia c’è incompatibilità ! Decidano pure demolitori della democrazia italiana da destra a sinistra. Dopo di chè il canone rai lo deciderò io se pagarlo o no. Democraticamente.

  15. Scritto da doge

    benvenga Santoro……..senza partiti e senza canone

  16. Scritto da Giovanni 61

    Io li manderei a casa tutti, hanno per anni sperperato soldi pubblici, siamo tutti capaci a dirigere aziende quando ci sono i soldi nelle casse, che provino a fare come le vere società che prima investono con soldi magari prestati dalle banche per poi trarne profitto, questi signori fallirebbero nel giro di 6 mesi
    bye

  17. Scritto da cives

    …provocazione per provocazione…la vera democrazia sarebbe la elezione diretta del direttore della rai…

  18. Scritto da beppe

    ma ci ricordiamo quanti milioni di euro ha preso come buona uscita dalla rai? e adesso lo vorremmo fare direttore generale? a quanti milioni di euro???

    1. Scritto da Gengis

      Uguale a tutti i direttori generali di destra . Beppe , le banconote hanno il lato sinistro e quello destro ma non in senso politico. e’ strana questa cosa di scandalizzarsi a senso unico. Se anche gli avessero dato dei soldi per “cacciarlo” , il problema è Santoro o chi glieli ha dati ?

  19. Scritto da Noblesse oblige

    Il aura terminé son argent de poche, poor fellow!

    1. Scritto da Ugo

      Con tutti quelli che gli ha dato la destra (prelevandoli dalle ns tasche) per farlo stare zitto ne dubito. Semplicemente QUESTA destra si è autospatasciata per eccesso di schifo e lui si fa avanti. Pas de probleme .

  20. Scritto da fulvio pellegrini

    Ben vengano dei giornalisti capaci e non asserviti al potere come è invece successo in questi anni.
    La Rai deve riprendere la sua funzione pubblica e non essere un appendice di Mediaset.

  21. Scritto da ermes

    La prima qualità di un direttore della rai dovrebbe essere l’imparzialità. Vogliamo mettere la rai nelle mani di un fazioso comunista e della sua cricca? Come provocazione posso anche accettarla, ma prenderla sul serio, come molti commentatori hanno fatto, è il massimo della cretinaggine!!!

    1. Scritto da Zufolo

      Se l’imparzialità vale più di tutto allora è necessario rimettere al suo posto Minzolini. Caro Ermes , credo che una cosa indegna come quella degli ultimi 15 anni difficilmente avrà eguali : questo è stato il vero massimo della cretinaggine ! Santoro non mi piace e lui personalmente è connotato, ma è infinitamente meglio di ciò che ci è stato rifilato dal passato governo, almeno alle sue trasmissioni erano SEMPRE democraticamente presenti rappresentanti autorevoli (si fa per dire) della destra. Dalle sue trasmissioni si avevano notizie che altri imboscavano.

    2. Scritto da lilli

      è stata per anni in mano alla destra perchè non provare con la sinistra? non mi sembra che ad oggi in rai ci sia stata imparzialità, abbiamo visto anche direttori che con un microfono hanno rotto il naso a giornalisti……questa è l’imparzialità che vorrebbe Lei? mi sa proprio di sì perchè solo chi dà dei cretini a chi dice una propria opinione può non avere larghe vedute.

      1. Scritto da ermes

        Tu dici che è stata in mano alla destra? con i vari Santoro, Ballarò di Floris, Fazio, Dandini ecc. ecc. e mi fermo qui perchè la lista sarebbe lunga.

        1. Scritto da lilli

          rai 1 di sicuro non era di sx e rai 3 a cui tu fai riferimento ti ricordo che le persone che hai menzionato hanno lavorato con rimproveri continui, denunce e via dicendo proprio perchè gli era impossibile lavorare con la trasparenza di cui gli italiani avrebbero diritto.

  22. Scritto da Gino

    Meno male che non pago da due anni il canone. Ho chiesto di suggellare il televisore così non finanzio questo personaggio.

  23. Scritto da AB1

    Niente in contrario a Santoro presidente RAI. Ma a patto che prima studi per vent’anni educazione e imparzialità

    1. Scritto da Certo

      Lo mandiamo a scuola da Minzolini e Masi. Va bene ? Rispetto a ciò che ha passato il convento negli ultimi tanti anni Santoro è un gioiello di imparzialità . Le sue idee sono note ma almeno nelle sue trasmissioni erano sempre presenti anche le altre !!! Il bavaglio non lo ha mai usato, puoi dire altrettanto di altri ?

      1. Scritto da ab1

        Da Minzolini c’è poco da imparare. Da Masi molto. Riconfermo che Santoro dovrebbe imparare ad ascoltare (ripeto: ascoltare) quanto dicono gli akltri: questione di educazione e correttezza. Perchè in Anno Zero mentre mentre uno parlava, Santoro rileggeva i suoi nappunti, preparandosi alla domanda successiva. Comunque uno può candidarsi a qualsiasi carica: l’ansia della poltrona più alta ha contaggiato anche lui.

  24. Scritto da Tommi

    Provocazione? Quella dell’euro era una (quasi) provocazione questa no! Come si fa a definirla provocazione? Io non vedo alcuna provocazione

  25. Scritto da GIANNI

    sono per metterlo alla prova! il suo “ingaggio” deve essere legato alla produttivita’, sperando che la rai abbia veramente voglia di competere non a furia di notiziole partitiche, ma attenzione alla vera informazione! non considero santoro solo un provocatore, anche se puo’ permetterselo, visti i lauti guadagni procurati alla rai, anche se alla fine l’hanno cacciato.alle sue trasmissioni era ospite fissa per dire, la santache’,che non e’ certo sinistrosa, che di politica non ha nulla, se non lo zerbino da esibire a silvio(peraltro a fasi alterne), forse per farle fare brutta figura, facendoci cosi’ conoscere il livello Q.I. dei parlamentari italiani. forza diamogli l’opportunita’ e vediamo!

  26. Scritto da nino cortesi

    La Rai è in mano alla feccia e si salva ancora solo per capacità di alcuni vecchi dipendenti, un esempio Augias. Santoro e Freccero sono il massimo per intelligenza, capacità, onestà. Sarebbe fin troppa grazia.

  27. Scritto da Felix

    Io spero che riesca, solo per vedere come si comporterà con gli arroganti come lui.

  28. Scritto da rosy

    ci mancherebbe solo questo… addio pluralità dell’informazione…spero proprio di no

  29. Scritto da fabiano

    Mandatelo a zappare x 1000€ al mese e vediamo cosa dice, comodo fare il gradasso coi soldi altrui.

  30. Scritto da Emidio.B.

    Come la pensa lo ha gia dimostrato precedentemente, benvenga.
    Però la rai ha bisogno anche di una bella cura dimagrante, sarà l’uomo adatto? Ho qualche dubbio su questo…

  31. Scritto da lilli

    devo dire che mi piacerebbe vederlo all’opera. Vorrei proprio vedere se saprebbe davvero rinnovare la televisione cioè farla diventare più spontanea di quanto lo sia ora. dare la possibilità di poter esprimere le proprie idee senza censura.