BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cena eritrea a base d’amicizia e zignì

Al Patronato San Vincenzo, sabato 28 aprile cena è a base di zignì per richiamare l’attenzione sui problemi dell’Eritrea.

Più informazioni su

Cena a base d’amicizia e zignì. Per richiamare l’attenzione sui problemi dell’Eritrea l’Associazione di giovani per il cambiamento e la democrazia in Eritrea ha promosso una cena a base di prodotti tipici del loro paese.

L’evento avrà luogo presso il Patronato San Vincenzo, sabato 28 aprile alle 19.30. La cena è a base di zignì (tipico nonché delizioso piatto Eritreo).

L’invito è rivolto esclusivamente a coloro ai quali stanno ancora a cuore i diritti umani , la democrazia e la pace. Vi aspettano sabato 28 aprile alle ore 19:30 a Bergamo in via Gavazzeni 3 (al Patronato).

Costo? Portarsi appresso i valori della fraternità e condivisione … il resto a vostro buon cuore!

È gradita la prenotazione (per regolarsi col numero di piatti da preparare) al numero /3401688344 – 3203536562 o anche alla mail: mussie1989@yahoo.com. Naturalmente sarete benaccetti anche senza prenotazione, ma rischiate di restare a digiuno.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da SANTO 47

    Auguri ai giovani Eritrei,che i vecchi politici siano meno ostili Libertà arriva anche con la pace con i vostri fratelli Etiopi,la gente comune non cerca la guerra, ma una vita decente,la carestia viene dai politici non dalla terra UNA VELOCE LIBERTA

  2. Scritto da Marco

    Importamnte iniziativa. Spero proprio di riuscire a partecipare, certo per lo zignì, ma soprattutto per celebrare la festa del risveglio della democrazia e della lotta per il rispetto del popolo eritreo costretto a una dittatura insopportabile e sanguinaria.

  3. Scritto da Walter

    Per correttezza, si chiama zighini’. Se,poi, per “democrazia” intendete quella europea o, piu’ specificatamente, quella italiana, credo proprio che i “conti” non tornino. Tutto cio’ ha l’aria di una guerra preventiva…Non sarebbe meglio sensibilizzare le masse contro le multinazionali e le religioni che stanno disfacendo il mondo?

  4. Scritto da Lillo

    complimenti! è una bellissima iniziativa, ho mangiato tante volte lo zichinì , è un piatto delizioso che consiglio sempre a tutti i miei amici, mi dispiace non poter essere presente sopratutto per la mia totale solidarietà al problema dei diritti umanitari che da quello che so,sono continuamente calpestati.
    un caro saluto e un grande” in bocca al lupo ”
    Lillo