BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Nuovo ospedale, di “beato” c’è solo il nome”

“Nuovi dati allarmanti sull'ospedale della Trucca: viste così, snocciolate una dietro l'altra, fanno davvero impressione le prescrizioni tecniche, con le ovvie ipotesi di deprezzamento dell’opera che si accompagnano alla lievitazione dei costi".

Più informazioni su

“Nuovi dati allarmanti sull’ospedale della Trucca: viste così, snocciolate una dietro l’altra, fanno davvero impressione le prescrizioni tecniche, con le ovvie ipotesi di deprezzamento dell’opera che si accompagnano alla lievitazione dei costi per il monitoraggio e la manutenzione”. Questo il primo commento del consigliere regionale dell’Italia dei Valori, Gabriele Sola, alla lettura della relazione tecnica di collaudo sui lavori di realizzazione del ‘Beato Giovanni XXIII’. “Di ‘Beato’ – commenta Sola – resta solo il nome… In realtà quest’opera sembra fare ancora acqua da tutte le parti, in ogni senso. Credo che molto difficilmente potranno essere rispettati i tempi per l’inaugurazione (già rinviata più volte) preannunciati dall’assessorato alla Sanità e dallo stesso direttore ospedaliero". La relazione tecnica, di cui il gruppo regionale IdV aveva richiesto copia, si articola in 22 fitte pagine di segnalazioni, alcune delle quali molto consistenti. "Sono ben 9 le aree specifiche di prescrizione – dichiara il consigliere regionale dell’Italia dei Valori – per un totale di una quarantina di interventi, tra sostituzioni, varianti integrative e monitoraggi. Gli ambiti di lavoro spaziano dall’annoso problema delle infiltrazioni d’acqua ancora persistenti ai mancati collaudi degli impianti tecnici, al progressivo degrado delle protezioni antincendio. Questo quadro ci ha suggerito di depositare un’ulteriore interrogazione. Vogliamo sapere, nel merito, quali provvedimenti (e con quali tempistiche) sono stati assunti dalla stazione appaltante alla luce delle prescrizioni indicate nella relazione dell’organo di collaudo. E ancora: l’ospedale, al di là delle generiche rassicurazioni ad uso e consumo dei media, ha comunicato alla Commissione date certe sull’ultimazione dei lavori? Infine, a quanto ammontano il deprezzamento dell’opera e l’aumento dei costi di monitoraggio e manutenzione?" "Sono mesi che indaghiamo sui punti critici della vicenda – ricorda Sola -. La relazione tecnica di collaudo conferma un quadro, a dir poco inquietante, che sembra consolidarsi giorno dopo giorno”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovanni 61

    Mio Nonno mi diceva quando ero piccolo, andiamo a prendere le rane alla trucca?
    questo non vuol dire che era impossibile costruire se cerano le rane, oggi costruiscono anche in mezzo all’acqua senza problemi, basta applicare le norme esatte di costruzione sull’acqua, pertanto il problema non è la zona ma il costruttore, chiediamo i danni al costruttore, che almeno paghiamo i danni che la società a fianco(parcheggi) ci ha chiesto.
    Non la vedo cosi difficile, il problema che ci sono persone che dirigono non sono all’altezza del caso, mandiamole a casa, con una denuncia di mancato controllo, e danni che il paese ha subito io non posso ma chi può per favore lo faccia!!!!!!!!!!
    by

  2. Scritto da acqua

    …mi ricordo quando nel riolo giù alla Trucca si andava a pescare i pesci, Quando c’era tanto di quell’umido che il muschio era in mezzo ai campi e sulla scarpata della ferrovia, e le marcite davano un’erba fantastica. Ma proprio in quel posto, che era un acquitrino, dovevano fare un opspedale? Con cantine che vanno giù metri e metri, e magari pagare dei tecnici? Ma non bastava domandare ai contadini, che risparmiavamo anche un bel po’ di soldi?

  3. Scritto da Nemo

    Non mi sembra che in questo caso la politica abbia colpe (forse mi sbaglio)…ci saranno state perizi tecniche, ch hanno dato l’ok, ci sarà stato un progetto di qualche studio, e una ditta che ha costruito secondo parametri noti…èchiaro che se qualcuno ha fatto male il proprio lavoro deve pagare..ma non vedo cosa c’entrino i politici.

    1. Scritto da Zufolo

      La politica ha colpe solo per la “salerno-reggio calabria” o altre migliaia di amenità simili ? Sù per favore !!!! Con il delta di costo ci fai quasi il finanziamento pubblico dei partiti di un anno per cui tanto ci scandalizziamo e il costo totale alla fine varrà di più della social card di un anno per tutti i poveri d’italia. Di chi sono le scelte ad es del terreno , di chi la responsabilità di seguire costi e lavori ? ecc ecc. Per la miseria , Nemo, che stai a dì ?

    2. Scritto da MAURIZIO

      Il Cav. del Lavoro Pirovano, preesidente dell’ente burocratico denominato Provincia di Bergamo, credo fosse preside di scuola. Bene, come presidente è responsabile e governa numerose Spa di proprietà della provincia che persono milioni di euro. Mi sa dire lei come può un preside, che non ha mai investito 10 euro in vita sua in un attività imprenditoriale, a governare Società per Azioni? Con i consulenti e i dirigenti strapagati di cui si circonda, di cui lui sarebbe il capo, il super visore, il titolare della ditta? Ah ah ah. Molto divertente.

      1. Scritto da Mouse

        Maurizio, non esagerare , non è laureato .

        1. Scritto da E' geometra

          e faceva il caporeparto o qualcosa del genere in cantieri in Africa.
          …Poi ce lo hanno rimandato in Italia.
          Dove ha pescato il biglietto giusto del superenalotto nella forma di incontro col senatùr.
          Saranno quelli i motivi per cui non ama tanto gli immigrati e ama tanto costruire dappertutto?

    3. Scritto da MAURIZIO

      In Italia la realizzazione delle opere pubbliche è controllata al 101% dai politici, nazionali e locali. Il direttore sanitario dell’Ospedale è di nomina politica. Le leggi farraginose che regolano gli appalti sono fatte dai politici. I controlli spettano ai politici. I sub appalti sono regolate da leggi scritte dai politici. La burocrazia locale che ostacola in tutti i modi la trasparenza, il libero mercato, il merito e la qualità è governata e difesa dai politici locali. I soldi pubblici sono amministrati dai politici. Tutti i politici regionali e comunali interessati all’opera guadagnano migliaia di euro al mese più benefici fuori busta paga. Le basta? Ecco cosa c’entrano.

  4. Scritto da lamagraz

    Si è solo sbagliato progetto, li andavafatto un bel centro sportivo con molte attività acquatiche, vista l’abbondanza di materia prima !

  5. Scritto da cittadino

    Ma l’On. Formigoni non aveva detto di non parlare male della sanità lombarda? Forse che l’ospedale di Bergamo non rientra nelle strutture sanitarie (anche se in costruzione) della Lombardia?

  6. Scritto da luc

    Adesso siamo noi i terroni, quelli che le opere pubbliche non le sanno fare, che ci mangiano sopra e che non le finiscono mai. Ma la c’è la mafia, qui di cosa si tratta?

    1. Scritto da 081

      …ops…ndragheta?

    2. Scritto da MAURIZIO

      Le opere pubbliche al sud sono ancora peggio di quelle al nord. Non le conviene fare una graduatoria. Perderebbe alla grande. Naturalmente, anche al nord non ci facciamo mancare nulla. Il costruttore dell’ospedale è di Bari. Inquisito di recente. E’ in affari anche con imprenditori e con burocrati del nord. Un bel’incontro. La mafia l’avete portata a nord, purtroppo. Tuttavia, la causa degli sprechi qui si chiama : burocrazia pubblica, procedure d’appalto ottocentesce e disoneste, lotta di potere tra i politici, amministratori anche capaci, ma succubi alle logiche di potere, appalti regolati da leggi confuse e eccessiva delega a consulenti con le scarpette di prada.

  7. Scritto da MAURIZIO

    Vorrei chiedere a Monti, a Napolitano e a tutti i capetti dei partiti : perchè chiamate noi populisti e qualunquisti quando non siete stati in grado di offrire alla comunità un’amministrazione pubblica onesta, sobria e utile alla collettività in decenni di governo? Continuate a voler mantenere la posizione perchè siete stati eletti. Ma gli elettori non votano le vostre leggi sugli appalti o i vostri giochi di potere che rovinano il paese. Gli elettori votano un cartello, un marchio. Ma voi pretendete che questo voto sia la legittimazione di ogni cosa. Siete voi l’antipolitica, non noi.

    1. Scritto da Ovvietà

      Ti chiamano populista e qualunquista perchè quella classe politica l’hai eletta TU. Hai eletto tu i berlusconi i borghezio i bossi (padre e figlio) le minetti le santanchè i capezzone i gasparri le rosy mauro ecc ecc ecc ecc ecc ecc ecc. e adesso sei pronto a continuare a fare altrettanto con qualche altro ameno personaggio. Non dare la colpa agli altri, l’elettore sei TU e non dirmi che non puoi scegliere perchè è stata quella corte dei miracoli che TU hai eletto a impedirtelo .

      1. Scritto da MAURIZIO

        No, le dico un’altra cosa. Chi io ho votato lei non lo sa, dunque taccia. Se le capita di avere qualche idea la scriva.

        1. Scritto da Ovvietà

          Lo so ….. lo so …. DOPO dicono tutti così , ma questo governo decennale lega-pdl qualcuno lo avrà pure eletto ! Si riconoscono subito , sono quelli del “tutti uguali”, ovviamente.

  8. Scritto da 081

    sarebbe mio desiderio sentire questa notizia ai TG nazionali, al pari di medesime vicende accadute negli anni……….

    1. Scritto da avv Angulemi

      Sono d’accordo. Basta contattare Striscia la notizia. Poi ci pensano loro!!

      1. Scritto da Jimmy

        Mmmhhh, ne dubito

      2. Scritto da arpaleni

        ed invitarli a chiedere ad un certo ex-sindaco Veneziani e/o ai componenti del Consiglio Comunale dallo stesso presieduto all’epoca, per quale “strano” motivo la scelta del terreno cadde sulla Trucca (anzichè sulla Martinella, come indicato dai tecnici; vedi Veneziani-Wikipedia al riguardo).

  9. Scritto da nino cortesi

    Si torna ai villaggi sulle palafitte?

  10. Scritto da MAURIZIO

    Vorrei chiedere ai Monti, Napolitano e a tutti i capetti dei partiti : perchè chiamate noi populisti e qualunquisti quando il sistema che vi ostinate a NON modificare o a mantenere in vita uccide le nostre poche preziose risorse? Noi siamo qualli dell’anti politica oppure siete voi quelli che avete e continuate ad uccidere lo Stato democratico? Siete voi l’unica, vera antipolitica.