BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Il brutto anatroccolo” presto ai privati A Dalmine è polemica

L'asilo nido della frazione di Sabbio potrebbe presto passare in gestione ai privati. a Dalmine insorgono le opposizioni: "Le famiglie vanno tutelate, così non va".

Più informazioni su

“Le famiglie possono stare tranquille. Sulla questione deciderà il Consiglio Comunale, in ogni caso il progetto non è quello di chiudere l’asilo nido bensì di valutare una differente gestione dello stesso”. Le parole sono di Alessandro Cividini, assessore ai Servizi Sociali di Dalmine. La spinosa questione, invece, riguarda l’asilo nido “Il brutto anatroccolo” della frazione di Sabbio, lo stesso finito al centro delle polemiche per via del possibile cambio di gestione che, in vista del prossimo anno scolastico, potrebbe farlo diventare “privato”.

Ad alzare la polemica in quel di Dalmine è stata l’opposizione, capitana dall’ex sindaco Francesca Bruschi: “Ci sono in ballo tante famiglie che non meritano un trattamento simile – è il commento di Bruschi -, per questo siamo a dire che l’Amministrazione di Dalmine ha sbagliato le sue mosse. Cosa si poteva fare? Magari avere un dialogo più aperto con i diretti interessati che, invece, sono stati trattati come l’ultima ruota del carro, loro che l’asilo nido, com’è giusto che sia, lo vedono come un’esigenza primaria per portare avanti le rispettive famiglie. Non c’è stata tutela, così non va bene”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roberta

    Scusate, ma dove starebbe il problema?
    Lega Nord e PDL DA ANNI in Regione Lombardia sostengono i finanziamenti e la priorità delle scuole private a discapito di quelle pubbliche. Nel 2009 i cittadini dalminesi hanno votato in maggioranza questi due partiti; perciò ora i dalminesi STANNO RICEVENDO CIO’ CHE SI SONO SCELTI. Non ci vedo nulla di strano.

    1. Scritto da parolesacrosante

      Come non sottoscrivere… specie dopo le “esperienze” fallimentari delle precedenti giunte leghiste… tuttavia le decisioni le paghiamo tutti, anche quelli che non li hanno votati. Comunque chi sperava di migliorare la situazione votanto pdl-lega si è subito reso conto dell’errore fatto visto cosa sta combinando questa giunta. Penso che ora tanti cittadini saprebbero cosa fare dell’antenna in centro per la quale cercano sponsor….

  2. Scritto da Aldo

    Toglietemi una curiosità, perchè con una gestione privata dovrebbe costare meno che con una gestione comunale ?

  3. Scritto da Diego Parimbelli

    E purtroppo questa è l’ultima di una serie di tagli al welfare comunale faticosamente costruito. Cancellato in soli due anni, il centro giovanile, l’Informagiovani, Il punto Eurodesk di orientamento per le esperienze europee, la ludoteca dei più piccoli, il progetto del centro Infanzia, l’ufficio Immmigrati che in collaborazione con la questura evitava lunghe code per comuni pratiche. Nel frattempo la Lega e Pdl decino di spendere 90.000 euro per telecamere in grado di leggere le targhe in tutti gli ingressi/uscite del comune.

    Oltre ai tagli, niente!

  4. Scritto da giulio

    La vendità a privati è il risultato di una gestione miope del servizio della giunta precedente,l’asilo per famiglie di 3° fascia (isee superiore ai 16 mila euro ) costa quanto un asilo privato visto che con la retta di terza fascia si sopperisce al deficit delle precedenti 2 .
    Fintanto che bambini di extracomunitari usufruiscono SEMPRE del servizio a fasce ridotte ,una famiglia media (non benestante) deve pagare per loro.
    Era forse meglio valutare attentamente le richieste per fasce basse o perlomeno trovare un giusto punto d’equilibrio tra le diverse fasce.

    1. Scritto da semprecolpadeglialtri

      Chiaramente, la colpa è sempre di chi c’era prima a parte Monti.. e per quanto concerne giunte “leghiste” paghiamo ancor oggi pegno delle scelte leghiste “scellerate” del passato (leggi inceneritore e edilizia a tutto spiano!). Allora perche’ questa giunta invece di essere “miope” come la precedente ed iniziare a gestire “con gli occhi aperti” l’asilo nido lo vuole chiudere? E’ le ricordo che non e’ il primo servizio sociale che chiude questa giunta (come altre leghiste. Sembra quasi che per far dispiacere agli extracomunitari taglino servizi a tutti.E i privati che lo gestiranno dove sono? Si stanno forse organizzando quelli della scuola bosina?!? Intanto priorita’ all’autostrada bg-trei!

  5. Scritto da Mammadalmine

    Finalmente qualcuno che si fa sentire! Davvero una cosa scandalosa quello che sta facendo la giunta al riguardo dell’asilo nido. Noi genitori non sappiam piu’ che pesci pigliare e l’assessorato non e’ per niente di aiuto: iscrizioni non le prendono (quindi la decisione di mollare la gestione appare definitiva) e su eventuale gestione alternativa non sanno nulla: siamo ormai a maggio e parlano di “valutare gestione alternativa!!” Ma grazie e noi genitori nel frattempo che lorsignori “valutano” cosa dovremmo fare?!? Si vede che loro non hanno bimbi piccoli o fortuna loro, tra lingotti diamanti e auto di lusso e scuole private, si posso permettere pure la baby sitter a tempo pieno!