BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La corsa felice del Cola: “Più veloce della pioggia” video

Al termine dell'importante vittoria sul Chievo, il tecnico dell'Atalanta esulta con uno scatto a pugni tesi in stile Superman: "Oltre che per l'immensa felicità, ho corso così per non prendere troppo acqua".

Più informazioni su

Quel violento e fastidioso temporale che si è abbattuto sul Comunale nel secondo tempo della sfida-salvezza contro il Chievo, sembrava essere l’ennesimo ostacolo di questa -a dir poco- travagliata stagione. L’Atalanta di Stefano Colantuono, oltre agli avversari, ha saputo superare anche quello. Con una prova tutta grinta e determinazione, la stessa mostrata dal suo allenatore per quasi tutti i novanta minuti. Soprattutto nei secondi finali della gara, culminata con il triplice fischio liberatorio che ha fatto esplodere anche l’esultanza del Cola.

Una corsa inarrestabile a pugni tesi in stile Superman, verso la Curva Nord e poi via nel tunnel gli spogliatoi: “Non c’è nulla di particolare in quel gesto –la spiegazione del tecnico nerazzurro, ancora raggiante in sala stampa- era uno scatto liberatorio dovuto, oltre che alla felicità per l’importante risultato ottenuto dai miei ragazzi, alla copiosa pioggia che stava scendendo. Per uno come me che non ha una copertura di capelli in testa –continua sorridendo Colantuono- non è una cosa molto piacevole prendere tutta quell’acqua”.

Il tecnico romano passa poi all’analisi del match contro la formazione di Di Carlo: "Sapevamo che il Chievo era una squadra tosta, che ci avrebbe chiuso ogni spazio e che avrebbe cercato di punirci in contropiede, ma noi abbiamo fatto una grandissima prestazione. Anzi, devo congratularmi con tutti miei ragazzi, dal primo all’ultimo, per questi tre punti conquistati". Su Maxi Moralez: "E’ un grande talento e sono felice che stia vivendo questo bel periodo. La sua invenzione ci porta questi tre preziosissimi punti, ma la corsa verso la salvezza, purtroppo, non è ancora finita: stando ai miei calcoli, ci mancano ancora un paio di punti per poterci dire davvero tranquilli. Del resto, il calcio è strano e, soprattutto in questa stagione, abbiamo visto quanto non si possa mai dare nulla per scontato".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.