BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Francesco Galli rieletto all’unanimità presidente AIOP

Francesco Galli è stato rieletto all'unanimità per il triennio 2012-2014, il terzo consecutivo, Presidente dell'AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata) della Provincia di Bergamo, associazione che raggruppa sette tra le più importanti strutture private accreditate bergamasche.

Più informazioni su

Francesco Galli è stato rieletto all’unanimità per il triennio 2012-2014, il terzo consecutivo, Presidente dell’AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata) della Provincia di Bergamo, associazione che raggruppa sette tra le più importanti strutture private accreditate bergamasche.

«Questa riconferma è certamente motivo di soddisfazione ma soprattutto rappresenta un ulteriore stimolo per fare ancora meglio» commenta il neorieletto Presidente. «Le sfide che ci aspettano nel prossimo futuro infatti sono molte e impegnative. E si tratta di sfide in cui l’ospedalità privata sarà chiamata a svolgere un ruolo sempre più importante all’interno della ″rete″ su cui oggi più che mai il mondo della sanità deve puntare per garantire cure sempre più efficaci ma allo stesso tempo ″sostenibili″ economicamente».

«Proprio per far fronte a queste nuove sfide e alla crescente complessità del sistema sanitario, per questo mandato ho chiesto la possibilità di avvalermi della collaborazione di un vice-presidente, che con grande piacere posso annunciare sarà la dottoressa Michèle Quarenghi» continua il dottor Galli. «Sempre nella stessa ottica è stata poi creata un’apposita Commissione per la Formazione e le Politiche del lavoro, per la quale ho chiesto al dottor Giorgio Ferrari la fatica del coordinamento».

La rielezione è anche l’occasione per tracciare un bilancio dello scorso mandato. E fare il punto sulla strada intrapresa. «Il triennio appena concluso ha visto una fattiva collaborazione tra tutte le strutture associate e il rinsaldamento di rapporti costruttivi in particolare con l’ASL che governa la rete del territorio e di questo non posso che ringraziare tutti» sottolinea il dottor Galli. «Particolarmente soddisfacente poi è stato l’impegno di alcuni nostri associati che, nonostante il periodo di crisi che stiamo vivendo, hanno deciso o hanno in progetto di investire in ampliamenti, ristrutturazioni e rimodernamenti tecnologici delle loro strutture. Un bel segno che dimostra come le strutture private accreditate, che già giocano un ruolo importante nel sistema sanitario, vogliano ulteriormente rafforzare la loro presenza per poter offrire servizi sempre più efficienti e di qualità al cittadino».

L’AIOP di Bergamo inoltre, insieme all’ARIS (Casa di Cura Beato Luigi Palazzolo e Casa di Cura San Francesco), ha costituito da tempo un gruppo di coordinamento, segnale della volontà di fare ″rete″. «Il concetto di ″rete″ è sempre stato fondamentale per l’AIOP e sarà una delle parole chiave anche per questo triennio» continua il Presidente. «L’obiettivo infatti sarà continuare a lavorare in questa direzione, diventando sempre più partecipi e rafforzando ulteriormente la collaborazione con i diversi player del sistema sanitario della Provincia. Di primaria importanza poi sarà affrontare, insieme all’ASL, quella che si prospetta la sfida del futuro, in cui la nostra Provincia è chiamata a svolgere un ruolo in prima linea, e cioè la cronicità».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gilberto

    39 MESI SENZA CONTRATTO:ECCO A VOI LA SANITA’ PRIVATA …..

  2. Scritto da max

    Rinnovate i contratti scaduti nel 2006,fatti non parole