BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Tv rubato all’oratorio, le telecamere sono inutili”

Le telecamere ci sono, ma non vedono. E i ladri ne approfittano rubando il nuovo mega schermo dell’oratorio. Negli anni scorsi Spirano, come moltissimi altri Comuni della Bergamasca, ha installato occhi elettronici per controllare il territorio. Peccato che servano a poco.

Le telecamere ci sono, ma non vedono. E i ladri ne approfittano rubando il nuovo mega schermo dell’oratorio. Negli anni scorsi Spirano, come moltissimi altri Comuni della Bergamasca, ha installato occhi elettronici per controllare il territorio. Peccato che servano a poco: non riconoscono modelli di auto né tanto meno i volti. I filmati sono quasi inutilizzabili, per questo motivo necessitano di una manutenzione straordinaria. Nel frattempo i malviventi agiscono sotto l’occhio poco vigile. Nel paese della Bassa è stato rubato il mega schermo regalato l’anno scorso dai Giovani padani all’oratorio. Sul gruppo Facebook Info – spirà, seguitissima piazza virtuale del Comune, si è aperto un acceso dibattito tra cittadini e amministratori. Scrive Annalisa Cavagna: “Nessuno ne parla del televisore praticamente nuovissimo che era stato regalato al bar dell’oratorio e che la notte scorsa è stato rubato? Non mi erano girate troppo le scatole quando mi avevano rubato la bicicletta ma questa volta sì. Non si può davvero fare nulla?”. Il responsabile della polizia locale ammette i problemi riguardo alla videosorveglianza, obsoleta. “Le telecamere presenti sul territorio sono state installate negli anni 2005/2006 e pertanto si é reso necessario un investimento finalizzato ad aumentare le aree soggette a videosorveglianza e migliorare la qualità del servizio (oggi obsoleto). Per fornire un esempio: con l’impianto preesistente si trovavano non poche difficoltà a riconoscere il modello di alcuni veicoli in transito, pregiudicando (o comunque rendendo più difficoltosa) l’attività degli operatori. Per risolvere i problemi di cui sopra è stato redatto un progetto di fattibilità a cui é seguito un piano di intervento triennale, con conseguente stanziamento di fondi pari a circa € 200.000. Sul territorio di Spirano non sono mai esistite telecamere prive di collegamento, ma é innegabile sia capitato che per le stesse si dovesse provvedere a manutenzione straordinaria. In questi giorni é stata installata la nuova centrale operativa e gli apparecchi presenti per le nostre vie stanno riprendendo la corretta funzionalità. Ultima nota, il Comune di Spirano ha optato per delle telecamere che anche in assenza di segnale registrano le immagini in memoria "locale". Il primo cittadino Giovanni Malanchini se la prende invece con la giustizia troppo clemente nei confronti dei malfattori. “Il problema, mi permetto di dire, per questo genere di reati, per atti vandalici e quelli che sono considerati reati minori non è nella video-sorveglianza. Molti arresti per furto eseguiti in flagranza di reato si sono rivelati inutili: nella quasi totalità dei casi ci troviamo di fronte a giudici clementi (se il soggetto ha problemi sociali poi…) che risolvono tutto a vino e tarallucci. Bisogna essere seri: vogliamo sicurezza e giustizia sociale? Bisogna riformare il sistema nella direzione della tolleranza zero ed essere meno "buonisti". Anzichè il decreto svuota-carceri bisogna costruire carceri e riempirli. I reati minori andrebbero puniti con forza e senza clemenza. Il problema non sono solo le telecamere, ma la mancanza della certezza della pena. L’anno scorso su 16 arresti della nostra Polizia, è rimasta in carcere una sola persona: e parliamo di spaccio di droga e reati gravi. Noi non ci fermiamo e cerchiamo di applicare il principio della tolleranza zero in ogni azione di polizia, investiamo nelle pattuglie notturne e nella video-sorveglianza ma, dopo di noi, qualcosa non funziona. Per cui avanti con le telecamere, utilissime ora per sventare azioni di criminalità e per prevenirle passando in rassegna zone strategiche del territorio. I reati, sempre e comunque, si combattono con forti azioni deterrenti. Il Comune arriva fino all’arresto della persona, dopo, spiace dirlo, spesso arrivano musica, ricchi premi e cotillon”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sacrista

    avevano pagato almeno il canone rai o gli oratori sono esenti???

  2. Scritto da Giovanni Malanchini

    Mi permetto, da sindaco di Spirano, di fare una puntualizzazione. Alcune telecamere, installate 8/10 anni fa, sono vecchie e andrebbero sostituite per la loro inefficienza (dovuta anche alla tecnologia utilizzata ai tempi). All’epoca non ero sindaco, ma spero che siano state scelte con criterio tra i modelli allora in commercio, quindi non posso accusare chi mi ha preceduto senza cognizione di causa. Ora si sta facendo un lavoro di sostituzione graduale delle telecamere vecchie e di installazione di nuovi punti in zone scoperte, seguendo una serie di priorità concordate con le forze dell’ordine (per uno stanziamento di 200 mila eur).

  3. Scritto da calma

    scusate … ma ogni volta commenti non cattivi, penso anche sinceri, ma bisogna informarsi prima … verificare … e parlare con cognizione … candidatevi, cacciate gli “sghei” (soldi) … e poi potrete protestare … invece si vogliono fare i matrimoni con i fichi secchi … blablablablabla

  4. Scritto da boss

    E questi sarebbero i comuni virtuosi???? Sindaco, assessori e responsabili del servizio risarciscano di tasca propria il Comune visto che le telecamere non servono a nulla.

  5. Scritto da PIO

    ma funzionano come quelle a CASTEL ROZZONE che non vedono nemmeno se sei parcheggiato in zona vietata se fosse cosi sarebbe deprimente perchè in questi paesi governa la LEGA
    mistero??

  6. Scritto da mario59

    Cari cittadini di Spirano, chi nel 2005 ha fatto istallare le telecamere inutili è il responsabile dei vostri soldi buttati al vento..chiunque prima di far istallare delle telecamere, vuole capire quale sia la qualità delle immagini, oltre che esigere delle garanzie da chi le istalla…per fortuna è sparito solo un maxischermo, se fosse accaduto un fatto grave, a quest’ora tutti avrebbero voluto delle spiegazioni, sul perchè sono state istallate telecamere che registrano immagini inutilizzabili.
    meditate gente meditate…

  7. Scritto da edoardo

    ah…se ci fossero le ronde padane! ps:ma cosa ci fa un’oratorio con un maxischermo?

    1. Scritto da Sére

      Il maxischermo all’oratorio, viene installato per favorire ad un pubblico numeroso, la visione di eventi pubblici a grande richiamo.
      Può essere la “via crucis” del Papa, piuttosto che una partita di calcio ovvero la gita alla Basilica del Santo, organizzata dalle pie donne spiranesi.
      Dài Edoardo, se ci pensi di occasioni ne trovi anche tu!

      1. Scritto da edoardo

        hai proprio ragione…chissà come faranno ora!

        1. Scritto da mario59

          semplice…fanno colletta e ne comprano un altro…..sta volta però non fatevelo fregare.

  8. Scritto da simone bertoncini

    chi ha fatto installare le telecamere. che paghi il megaschermo!