BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gandolfi presenta il programma: “Non accettiamo pressioni”

Pubblichiamo il programma elettorale della lista “Angelo Gandolfi sindaco”, che cerca la riconferma dopo aver governato a Curno negli ultimi cinque anni.

Pubblichiamo il programma elettorale della lista “Angelo Gandolfi sindaco”, che cerca la riconferma dopo aver governato a Curno negli ultimi cinque anni.

Siamo consapevoli del fatto che i partiti scrivono solitamente il programma di governo con il metodo del copia-e-incolla e che formulare promesse elettorali contando sulla smemoratezza dei cittadini costituisce un’offesa alla loro intelligenza. Tali promesse, infatti, sono il più delle volte generiche, velleitarie e – se cir- costanziate – mancano dell’indicazione di una modalità non cervellotica di reperimento delle risorse.. Parte riformatrice (pars destruens) Tale parte è essenzialmente di ordine etico e morale, perché l’applicazione delle norme, per essere giusta, dev’essere conseguenza di comportamenti naturalmente sentiti e apprezzati dalla comunità. Non saranno tollerate pressioni di alcun tipo indirizzate a distorcere l’attività amministrativa a favore di chicchessia. Chi intende far pressioni sappia che le sue esigenze, se legittime, saranno prese nella massima considerazione, anche quelle, nonostante le pressioni. Non sarà tollerata l’imposizione di scambi, da parte di chicchessia, in forma di consulenza, o di favori incrociati, al fine di accelerare l’iter di procedure amministrative. Non saranno tollerate iniziative assessorili di stampo egotistico, promosse a nome del Comune, ma con ritorno d’immagine, o d’altro tipo, squisitamente personale. Per l’attuazione di questa parte ci si varrà, nel caso, della partecipazione dei cittadini, che disporranno di sistemi di comunicazione diretta (Web), estensibili alla consultazione referendaria e alla richiesta di docu-mentazione al Comune. Le spese correnti saranno coperte da entrate correnti, come si è fatto nell’uscente amministrazione Gandolfi, con il pareggio del bilancio, senza riporto di debito pubblico da un anno all’altro. La realizzazione di opere straordinarie (tipicamente, opere pubbliche) sarà finanziata soltanto da entrate straordinarie, se ci saranno, e non da mutui e debiti. Rispetto del patto di stabilità e crescita, come nell’amministrazione Gandolfi uscente, per evitare nuove tasse ai cittadini e consentire al Comune d’intraprendere le opere per le quali esista reale necessità e copertura finanziaria. Adozione, discussione e approvazione del PGT ambientalista presentato al Consiglio comunale di Curno il 17 marzo (caduto in itinere a seguito di imboscata in strana alleanza partitica fra presunti tradizio-nali rivali). Detto PGT, reso possibile dall’avvenuto risanamento del conto economico operato nel perio-do 2007-12, fornirà gl’indirizzi di riqualificazione ecologica: per esempio, piantumazione diffusa di alberi, anche con il concorso dei cittadini. Parimenti troveranno attuazione immediata le linee pro-grammatiche del PGT per quanto attiene al sistema di scambi virtuosi tra operatori economici e comu-nità dei cittadini. Attuazione del Parco del Brembo, qualora si trovi la copertura finanziaria. Tale copertura era stata deliberata in relazione all’attuazione del progetto Bodega, pretestuosamente respinto da una maggio-ranza raccogliticcia. Completamento e armonizzazione delle piste ciclabili e dei percorsi pedonali protetti, con particolare riguardo alle esigenze dei bambini, dei giovani e degli anziani. Completamento delle opere pubbliche avviate (scuola elementare di via Carlinga, rotatoria alla Marigolda sulla Briantea – pure bocciata dai partiti –, sistemazione via Abruzzi ecc.). Messa in funzio-ne della nuova Biblioteca, di gestione onerosissima, compatibilmente con il quadro economico; sua uti-lizzazione per iniziative sovraccomunali (Bergamo e aree limitrofe). Impegno sociale (assistenza agli anziani, ai cittadini disabili e alle loro famiglie ecc.) attraverso inizia-tive di collaborazione con i Comuni limitrofi e istituzioni parimenti operanti nel sociale e sul territorio (Caritas, Centro di primo ascolto, Trasporto amico, Protezione civile ecc.). Impegno a favore della famiglia, primo interlocutore delle politiche sociali, per una visione umanistico- cristiana e non aziendale dei rapporti interpersonali. Istituzione di un centro di orientamento (in ambito scolastico e lavorativo) per i ragazzi e i giovani adulti. Impegno assiduo e concreto, non retorico, per il pieno rispetto dei Diritti dell’Uomo, in un’ottica di scambio sociale e tutela del bene comune. Impegno assiduo e concreto, non retorico, per la sicurezza dei cittadini di Curno. Attuazione di un programma di registrazione e ordinamento di documenti, tradizioni ed eventi di cul tura locale, da pubblicare in rete, con il contributo delle associazioni culturali e sociali curnensi. Realizzazione di un sistema di sinergie ed economie di scala, in collaborazione con i Comuni limitrofi e con le Istituzioni, con ottimizzazione delle risorse disponibili (per es. Croce rossa, Vigili del fuoco ecc.). Perfezionamento e intensificazione delle relazioni con gli Enti e i servizi scolastici operanti nel territorio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giuli

    E poi parlano di antipolitica! Nessuno si è ancora chiesto la ragione per cui nella lista del Sindaco Gandolfi non sono stati ricandidati il 90% dei precedenti candidati? Premesso che racconta balle chi sostiene che in 5 anni non ha fatto nulla, nessuno è in grado di fare un piccolo passaggio, chiedendosi chi abbia remato contro? nessuno è in grado di capire perchè ad esempio la rotonda della Marigolda già pronta è stata bocciata dai serrapedretti per mero calcolo elettorale? Qualcuno continua a ragionare come se avesse ancora 6 anni, ma guarda caso noi elettori di Curno abbiamo capito senza bisogno di caffè o biciclette bianche!

    1. Scritto da Maffeis Angelo

      Le rispondo io Giuli-Gandolfi:
      perché il nostro gruppo (Locatelli, Corti F., Arena, il sottoscritto, Foiadelli, Cavagna e moltialtri ), che fa riferimento alla cosiddetta corrente “laica” del PdL, non ha accettato, in considerazione dei pessimi risultati da Lei raggiunti durante lo scellerato mandato amministrativo , la Sua ricandidatura.
      Lei in una concitata riunione nell’ex sede del PDL di Curno (ora sede della lista Consolandi – Una scelta per Curno), esattamente la sera del 12 marzo 2012, ha cercato di imporre la Sua autoricandidatura, da iscritto al PdL dal mese di ottobre 2011, cercando l’appoggio sia della componente “laica” della sezione della sezione del PDL di Curno

      1. Scritto da Tom Trombadil

        La verità è una sola, poi ognuno la interpreta come vuole, Gandolfi ha FATTO LA SUA LISTA, si rilegga il volantino della sua discesa in campo, se Lei non ha voluto aderire, la capisco, non c’erano le premesse che la sua candidatura venisse accettata ( niente immobiliaristi, niente architetti,niente costruttori, niente progettisti), a me non sembra poco.

        1. Scritto da Maffeis Angelo

          La verita’ e’ che il gruppo di cui faccio parte non l’ha voluto come candidato Sindaco, e poi mi sembra che io e il Gandolfi siamo colleghi , anche lui ha fatto il corso Agenti Immobiliari, solo che io l’ho fatto nel ’97 lui da poco…!!

          1. Scritto da Aristide

            Non credo che siate colleghi. Se ho capito bene, lei è agente immobiliare, Gandolfi ha seguito un corso: è diverso. Io, per esempio, ho seguito al Politecnico un corso di organizzazione industriale del lavoro, credo di aver riportato il massimo dei voti, ma non mi sono mai occupato di quelle schifezze. Dunque, che ragionamento è questo? Fra l’altro, mi risulta che Gandolfi abbia seguito anche un corso di antiquariato, ma non credo che abbia mai esercitato. Forse ha anche seguito altri corsi. L’amministrazione Gandolfi si caratterizza per l’assoluta onestà: non mi meraviglia che si voglia insinuare il contrario (vedi post seguenti, qui sotto).

          2. Scritto da Maffeis Angelo

            Io non posso sapere se ha seguito solamente un corso di Agente Immobiliare o se svolge l’attività, io l’ho trovato iscritto nel ruolo e l’ho chiamato collega. Punto.
            Non penso ci sia niente di male, mica gli ho detto una parola.
            Stia calmo Aristide, non è successo niente, non dica che mi sono cacciato in un guaio (l’ha scritto nel suo blog) perchè non è vero, non penserà per caso di intimorirmi o farmi paura ? In un passaggio sul suo blog lei scrive che dovrei chiedere scusa a Gandolfi…lei scherza, è Gandolfi che dovrebbe chiedere scusa a me, cittadino di Curno, per come ha amministrato il mio Paese in questi 5 anni, tante beghe e pochi fatti, nessuna attenzione per la cittadinanza.

          3. Scritto da Vendo casa

            Io devo vendere un trilocale con giardino alla marigolda… Da chi devo andare?

          4. Scritto da Paolo

            Chiedi di Gandolfi.

          5. Scritto da Tango argentino

            Caro Paolo devi ancora crescere, sei giovane, col tempo capirai, però mi sembri un pò aggressivo e incoscente.

          6. Scritto da Alfio

            Paolo, vorresti dire che se non va a buon fine la campagna elettorale si è ritagliato un futuro da immobiliarista? Forse inizio a capire l’interesse di ergere un mega stabile vicino allo zebra.

          7. Scritto da Guido

            Minacce e debolezze.

      2. Scritto da Abì

        Oooohhhhh.

        Finalmente qualcuno che ci dice da dentro le cose come stanno.
        Fino al 12 marzo ha elemosinato l’appoggio dei partiti (di qualcuno, tipo UDC l’ha anche ottenuto) e nel dubbio si è tesserato.
        E la sua presenza a tutti gli eventi (cene incluse) organizzate dalla corrente pagnoncelli nel 2011 dove la lasciamo?
        Ma fatelo sapere alla gente, dite le cose come stanno.
        Gandolfi è l’Imperatore dei Poltronai.
        Altro che volare alto.
        Volare basso, ad altezza sedia.
        Basta con i parolai di quasta fatta.
        Basta.

        1. Scritto da Testimone

          Fabbrica di chiacchere.

    2. Scritto da Maffeis Angelo

      della sezione del PdL di Curno (Locatelli, Corti F., Arena, il sottoscritto, Foiadelli, Cavagna e moltialtri ) che di quella Pagnoncelliana (Carrara, Innocenti e altri)……
      Noi Le abbiamo risposto un NO categorico!… Gandolfi Sindaco mai più!!…Da lì in poi Lei ha capito che doveva farsi una lista da solo, gli unici sprovveduti che Le hanno dato retta fino alla fine sono Carrara ed Innocenti (che fiuto politico questi due) scaricati poi (ovvero che L’hanno scaricata) pochi giorni prima dalla data di scadenza di presentazione delle liste!!
      Basta balle ai cittadini, tiri fuori i nomi delle famiglie e/o delle lobby che non Le hanno permesso di lavorare in serenità, sempre che ci siano?!! …

      1. Scritto da volareee

        ANGELO MAFFEIS SINDACO…!!!

    3. Scritto da Tango

      Vede Giuli quando un ex Sindaco scrive nel suo programma che intende ottimizzare l’uso di risorse come i VVFF o la Croce Rossa vuol dire che non sa nemmeno di cosa parla. Sono due enti autonomi che non hanno nulla a che fare coi comuni e quindi Gandolfi non ottimizza un bel niente.e’ tutto fumo neglinocchi dei vecchietti che va in giro a raggirare nottetempo, salvo che oggi i vecchietti sono più’ furbi di lui e gli faranno marameo.

    4. Scritto da Bla Bla Bla Bla

      il 90% dice? te credo, gli altri sono scappati:
      Trabucchi, Innocenti, Carrara + Maini e Salvi (dall’esterno) sostengono Consolandi.
      Pedretti, Locatelli + Leidi e F. Corti (dall’esterno) sostengono Corti
      Fassi e Donizetti sono con Lei, dott. Gandolfi.
      il 100% di chi è rimasto fuori dalle altre due liste è stato candidato con la Sua.
      Mica male come percentuale no?

  2. Scritto da Moira

    Il sindaco ha realizzato 14 punti su 18 del suo programma sintetico, di cui 2 parzialmente, ma oculatamente, p.e. la creazione ex novo dell’ufficio commercio, lo sportello unico per le attività produttive, il distretto commerciale Curno, Mozzo, Valbrembo, facendosi sponsorizzare i costi con 40.000 € (ha fatto incassare al Comune 272.000 € di sponsorizzazioni). Il sindaco ha inoltre realizzato 31 punti del suo programma analitico e incalcolabili punti non realizzati/completati del programma della sinistra. Gandolfi, paradossalmente, ha dovuto realizzare anche buona parte del programma della Serra, lasciato confusamente incompiuto, con tutti i guai del caso, sia economici che giuridici.

    1. Scritto da Orfei

      Moira.
      Occorrerà rigirarti i punti del programma Gandolfi.
      Li leggi e ti rendi conto.
      Del resto
      Sono i suoi membri della Giunta e i suoi capogruppo a dire che si è fatto pochino.
      14 punti comleti e 2 parziali?
      Ah ho capito. Non è quello che ha fatto a cui si riferisce, ma al libretto che sta preparando, infarcito di foto delle opere progettate, finazniate e programmate dalla Morelli e realizzate a bella posta a ridosso della campagna elettorale.
      Doveva esserci anche una massiccia campagna di inaugurazioni o sbaglio?
      Salud

      1. Scritto da Moira

        Già fatto, in lungo e in largo. Confermo i risultati della mia analisi. Il resto sono baggianate dei nostri cari circensi, le cui sciocchezze non crede più nessuno da almeno un biennio. Contenti loro, malgrado noi.

        1. Scritto da Degli Elefanti?

          Ti suggerisco di sforzarti di cambiare la prosa quando intervieni.
          Sei tanto leggibile quanto tarcisius.
          Che ne so, metti qualche maiuscola, qualcosa qua e là.

      2. Scritto da circorfei

        Oh questa sì ch’èpiù che bella. Adesso bisogna fare riferimento ai capogruppo del consiglio comunale ed ai membri della Giunta ( quasi tutti schierati in liste differenti) per dire male di Gandolfi. Belle poi le affermazioni apodittiche sul programma elettorale, direi degne di un illusionista o meglio vista la provenienza d un giocoliere. Gatta ci cova, pare quasi che i partitoni inizino a sentire odore di sconfitta.

  3. Scritto da Paolo

    5 anni di: silenzi, promesse mancate, assenze ingiustificate, giustificazioni, e ora si ripresenta. Il mio voto non l’avrà più.

  4. Scritto da Alfio

    Che coraggio trovare negli altri sempre e comunque un capro espiatorio. Le urne parleranno a gran voce. I cittadini di Curno non dimenticano i 20 punti del suo programma precedente, di cui solo uno raggiunto, ossia la cancellazione dell’ICI a livello nazionale. Basta filosofi vogliamo persone che operano e agiscono per il bene comune.

  5. Scritto da Maximilen Robespierre

    G. ha “scaricato all’ultimo momento i consiglieri”? Ho l’impressione che questi cinque anni Gandolfi abbia dovuto fare i conti con i capricci di consiglieri che pretendevano di imporre una strategia tutta personale, di coltivazione dell’orticello elettorale, o di carriera nel partito (del resto, fanno tutti più o meno così). Altri si facevano latori delle direttive del partito, in realtà giocavano comunque per se stessi. Gandolfi avrebbe potuto: a) mollare tutto e dedicarsi a vita privata; b) trovare un accordo con l’opposizione di sinistra (ipotesi teorica, considerata la superbia della Sn); c) resistere, resistere, resistere. Ha scelto l’ipotesi c).

    1. Scritto da Tango

      “Ha scelto l’ ipotesi c”: sarebbe interessante conoscere lo stipendio lordo e netto percepito nel quinquennio.In epoca di casta e micro caste…

  6. Scritto da Tango

    Impressiona leggere che un laureato che infarcisce i suoi scritti di latinorum ed altre citazioni coltissime manifesti aperta diffidenza ad aprire finalmente la biblioteca auditorium perché’ costeranno troppo. Infatti Albino o Nembro o Ponte sono falliti tutti per la biblioteca. Il problema e’ che la destra ha sempre odiato quelli che leggono libri senza subire l’indottrinamento del saputello di turno. I liberi lettori sono pericolosissimi per chi governa da solo e vuole imporre la sua volontà’ senza confronto. Invece non ha nulla da dire sul fatto di un paese con due mega centri sportivi.

    1. Scritto da Aristide

      Per aprire la biblioteca bisognerebbe sostenerne i costi di gestione, in particolare nella stagione invernale. Sono costi incredibilmente elevati. La biblioteca non è stata aperta sotto l’amministrazione Gandolfi (né il Pedretti si è mosso perché la situazione si sbloccasse nei più di due anni in cui fu vicesindaco, nonostante quella fosse “la biblioteca del Pedretti”), ma nemmeno sotto l’amministrazione di c.d. sinistra. Dunque il suo ragionamento, basato sull’odio per la cultura da parte della destra (spesso è proprio così), e sull’amore da parte della sinistra, in questo caso zoppica. Parimenti zoppica il ragionamento che fa della biblioteca luogo privilegiato dei libri. E Google libri?

      1. Scritto da Roberto Pedretti

        Ecco una delle solite bugie del signor Aristide Claudio Piga da Trezzo. Pedretti ha fatto avere il contributo regionale per gli arredi. A memoria circa 100.000 euro! Anche se ai tempi non era ancora Consigliere regionale. L’ex sindaco ha impiegato un anno per scegliere i tessuti delle poltroncine di arredo… Ne vogliamo parlare? Oppure vogliamo continuare a contare balle? Una più una meno…vero Piga/Gandolfi… Sinistra Serra o Gandolfi uguali sono. In 10 anni NON SONO RIUSCITI ad aprire la biblioteca/auditorium. Beffati i cittadini dalle promesse. I Curnesi non dimenticano.

        1. Scritto da Aristide

          Mi domandavo quanto il Pedretti fosse stato di sprone per sbloccare la situazione. A suo tempo avevo sommessamente proposto che si desse un incarico bipartisan a Innocenti e Conti, architetti e membri del Consiglio comunale, perché studiassero lo stato della questione, sotto il profilo tecnico e gestionale. Non mi risulta che il Pedretti abbia fatto mosse in questo senso, o anche di diverso tipo, per far chiarezza e sbloccare la situazione. Immagino che fosse consapevole dei costi enormi che l’apertura della biblioteca avrebbe comportato. Quanto all’«aver fatto avere» il contributo regionale, ecco un discorso tutto da approfondire. Era una sua prerogativa? Frutto di un lavoro improbo?

        2. Scritto da Massimo Conti

          Mi inserisco nel ragionamento, con spririto costruttivo.
          Per onestà intellettuale dovrebbe ammettere che i problemi (quelli pesanti) sono iniziati con l’amministrazione Bianchi.
          Fallimento della ditta, contenzioso con un’altra, lunghissimo fermo lavori
          L’Amministrazione Morelli pur non avendo completato l’opera l’ha portata dalle fondazioni al tetto (sempre tra mille difficoltà) e dovendosi accollare i costi del contenzioso avviato dall’Amm. Bianchi (ca 500.000 Euro)
          Nel 2007 mancava poco ma da lì in poi mi pare, è stato fatto pochissimo.
          Poi sulla Biblioteca, come pure sulla scuola di Via Carlinga la mia proposta è azzerare le polemiche e concludere i lavori.
          E’ giusto e lo chiede la gente.

      2. Scritto da Abì

        Non so se lei bazzicasse il paesello ai tempi.
        Nel 2002 l’Amministrazione Morelli ereditò la biblioteca in queste condizioni:
        1) un cratere in cui solo le fondazioni erano a posto e l’ha portata a completamento “fisico”
        2) un contenzioso avviato dall’amministrazione Bianchi con la ditta esecutrice che li ha costretti a pagare circa 500.000 Euro aggiuntivi.

        In 5 anni, lo dice lei, questa amministrazione ha fatto poco o niente.

        Nè il paladino della cultura Gandolfi e nemmeno il padre putativo della Biblioteca Pedretti.
        Ora c’è, al pari della scuola e va finita.
        Sono stati spesi i soldi di tutti.

        1. Scritto da Aristide

          No, non bazzicavo. Ma, se vogliamo ragionare, mi pare che due siano i nodi da affrontare: a) Con quali soldi apriamo la Biblioteca,considerati gli enormi costi di gestione? Se non sbaglio, questa amministrazione, nonostante la riottosità di alcuni consiglieri (o tanti?) ha risanato il bilancio e solo al termine del mandato si è trovata ad avere un po’ di “piccioli” da spendere. Sì, ma non certo bastevoli per aprire la biblioteca. b) Poiché oggi esistono le biblioteche virtuali in rete, alcune ottime, e le biblioteche reali sono fra loro interagenti come mai prima d’ora, la parte “Biblioteca” della Biblioteca-Auditorium è di fatto obsoleta. Dunque, pensiamo a una diversa destinazione d’uso.

  7. Scritto da Antonio.

    Nè a destra, nè a sinistra, in alto…..
    Senza offesa caro Gandolfi, ma lo lasci dire agli altri se Lei sta sopra o sotto, come statura politica e morale a Perlita Serra o Claudio Corti.
    Non mi sembra che abbia combinato gran chè.
    E poi mi dicono che sia stato uno degli elementi di divisione della sua maggioranza, troppo comodo scaricare all’ultimo momento chi ti ha protetto sino al 19 marzo.
    Non è leale nè corretto.
    Se lo lasci dire.

  8. Scritto da Raggi x

    lui, che ogni volta che parla dice che non è riuscito ad adottare il PGT solamente perchè c’erano famiglie, gruppi di potere etc. che facevano pressioni. Ma se tutto questo fosse vero perchè non ha fatto un esposto alla magistratura..? perchè non ha fatto i nomi..?
    probabilmente non c’era nessuno che faceva pressioni. Basta balle, in nessun Comune d’Italia nessun Sindaco ha portato in adozione un PGT senza condividerlo e soprattutto nessuno l’ha portato in Consiglio gli ultimi giorni di mandato. Il PGT è l’atto più importante di un’amministrazione, lo sanno anche quelli che non nconoscono il Latino bene come lei.

  9. Scritto da Angelo Maffeis

    Il Dott. Gandolfi dice qui sopra”Siamo consapevoli del fatto che i partiti scrivono solitamente il programma di governo con il metodo del copia-e-incolla e che formulare promesse elettorali contando sulla smemoratezza dei cittadini costituisce un’offesa alla loro intelligenza” – io dico: a Lei converrebbe sicuramente contare sulla smemoratezza dei cittadini perchè se si dovessero ricordare che Lei dei 18 punti programmatici del 2007, molto esaustivi sulla carta, ne ha mantenuto solamente quasi 1, sarebbero dolori elettorali il 6/7 Maggio.
    Lei mi risponderà che è tutta colpa degli altri, come facevo io con mia mamma quando mi rimproverava, ma avevo 6 anni.
    Buonasera.

    1. Scritto da Andrea

      bravo Maffeis, uno dei pochi che si firma con nome e cognome su questo Bergamonews. Unico rammarico, averti trovato nella lista del centro destra, tu sempre mooolto vicino alla sinistra.

  10. Scritto da Curno Oltre

    Lui non accetta pressioni, ovviamente, lui che ha cercato in tutti i modi di far approvare il P.I.I. Briantea (cosiddetto Ecomostro), da costruire su un parcheggio pubblico di pertinenza dell’immobile ex Stop Line!…Bocciato dal Consiglio Comunale e poi, con una faccia di bronzo incredibile, reinserito dal Gandolfi nel P.G.T. che voleva adottare a pochi giorni dalla scadenza del mandato amministrativo (dopo averlo nascosto per tre anni nei cassetti).
    Che dire poi della composizione apartitica della sua lista: due del PdL (uno il Gandolfi stesso), due “fuoriusciti” Leghisti e altri dell’UdC (uno referente cittadino!).
    Ma a chi credete di darla a bere?!

    1. Scritto da Antonio Galbiati

      Purtroppo ancora una volta devo intervenire, per ristabilire una verità. Non so chi a postato questo scritto, ma ancora una volta le bugie abbondano. Cari signori di Oltre Curno, l’unico che ha una tessera di Partito in questo momento sono io, voi lo sapete che le tessere del PDL sono state restituite, i leghisti sono ex, perciò siamo solo 1 su 11, sicuramente la percentuale più bassa delle quattro liste presenti. Anzi ne approfitto per dire, ma finora avete visto un solo simbolo sui nostri manifesti, programmi o volantini?, io finora ho visto solo quello della Lega, e mi fermo qui.

      1. Scritto da Abì

        Ma le capita di leggere gli interventi del Fassi sui blog? pare di no.
        Non più tardi di ieri l’altro ricordava di non aver mai ricevuto documenti che ne certifichino l’espulsione (nè lui nè la Donizetti)
        quindi di considerarsi ancora un militante dela Lega.
        Lo dice lui, mica io.
        Poi c’è lei
        Poi i due esponenti del PDL (Gandolfi ha restituito la tessera perchè il PDL ha presentato la sua lista, non ci fa una bella figura)
        Siamo a 5 (almeno)
        Ed è l’unica lista con un referente locale (o segretario) tra i candidati, Lei appunto.
        Nelle liste non ci sono nè Cangelli, Nè Conti nè Foresti.
        Buona giornata signor Galbiati.

        1. Scritto da Giuli

          Parlare con lei della battaglia di democrazia di Fassi all’interno della Lega è inutile, spiegare che il Sindaco ha scelto di non avere più rapporti con il PDl e di conseguenza si è dimesso, non è costruttivo. Quanto al sig. Galbiati non credo abbia nulla di cui vergognarsi, vede taluni capiscono le svolte della storia e le favoriscono, altri si arroccano. A proposito a che partito è iscritta la candidata della cd. sinistra?

          1. Scritto da Angelo

            avete notato..? per l’ex per fortuna sindaco Gandolfi e’ sempre inutile parlare con chi non la pensa come lui…!!

          2. Scritto da Giuli

            Lo ripeto anche a lei, non sono Gandolfi. In ogni caso l’inutile non è riferito alla discussione che io anzi coltivo ma al dialogo con chi sistematicamente mistifica. La saluto caro Angelo.

    2. Scritto da Antonio Galbiati

      Purtroppo ancora una volta devo intervenire, per ristabilire una verità. Non so chi a postato questo scritto, ma ancora una volta le bugie abbondano. Cari signori di Oltre Curno, l’unico che ha una tessera di Partito in questo momento sono io, voi lo sapete che le tessere del PDL sono state restituite, i leghisti sono ex, perciò siamo solo 1 su 11, sicuramente la percentuale più bassa delle quattro liste presenti. Anzi ne approfitto per dire, ma finora avete visto un solo simbolo sui nostri manifesti, programmi o volantini?, io finora ho visto solo quello della Lega, e mi fermo qui.