BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ex direttore dell’Eco in Fondazione Cariplo? Maretta nella Cdo

Sembra che la Compagnia delle opere si stia muovendo perché la Provincia di Bergamo, guidata da Ettore Pirovano, inserisca nella terna da proporre alla Fondazione Cariplo il nome di Ettore Ongis. Ma non tutti son d'accordo.

Più informazioni su

Cosa farà da grande Ettore Ongis, da qualche mese ormai non più direttore dell‘Eco di Bergamo?

Per adesso è in forze nella dirigenza della scuola Imiberg, ma pochi in città ritengono che rimarrà lì a lungo. C’è chi scommette su un suo futuro in politica: dove? Con chi? E quali certezze ha di essere eletto in questi momenti così ballerini in cui i partiti salgono e scendono come tiramolla e mentre il suo movimento di riferimento (Comunione e liberazione) appare in seria difficoltà nell’intera regione lombarda?

Voci ben informate dicono che stia preparando un passaggio meno pubblico, ma forse più prestigioso di questi tempi di anti-politica. Un passaggio tra i vertici della Fondazione Cariplo.

Infatti sembra che la Compagnia delle opere (il braccio economico di Cl) si stia muovendo perché la Provincia di Bergamo, guidata da Ettore Pirovano, inserisca nella terna da proporre alla Fondazione Cariplo il nome dell’ex direttore dell’Eco.

Convincere il presidente Pirovano non dovrebbe essere difficile visti i buoni, buonissimi rapporti che da sempre sono intercorsi tra lui e Ongis e anche tra il leader di Via Tasso e la CdO: basta ricordare che un assessore provinciale, peraltro alla guida di un settore assai delicato come l’ambiente, non proviene dalla Bergamasca bensì da Lainate ed è stato “segnalato direttamente da Formigoni" come Pirovano stesso annunciò al momento di presentare la Giunta nel 2009.

I problemi semmai arrivano dagli amici di Ettore Ongis: infatti pare che tra i compagni delle opere di Bergamo la proposta stia causando qualche maldipancia.

Come finirà? I tempi sono abbastanza stretti, lo sapremo presto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da VERGOGNA

    Una sola cosa: Liberateci da CL, sono ipocriti senza vergogna

  2. Scritto da gipeto

    un noto espertone di banche e di affari che fa rima con pirovano via da roma ladrona

  3. Scritto da bruno

    Si dice che… Sono le ore 19,55 e dico. Si dico, ma tutti questi commenti in orari dalle ore 9 a ore 17 sono fatti da liberi professionisti? o addetti ai lavori “giornalisti”? Gli altri commenti nella maggior parte sono in orari dopo le 17. A pensar male non si sbaglia!!!!

    1. Scritto da Pensiunat

      Io sono pensionato, qualche problema ?

  4. Scritto da nino cortesi

    E’ sempre un buon servitore di qualcuno.Che differenza lunare con il nuovo direttore dell’Eco. Un bel passo in avanti per l’Eco, grazie alla maggiore possibilità di critica lasciato ai propri lettori. Prima quante lettere cestinate….

  5. Scritto da Amen

    Sono demoralizzato

  6. Scritto da attenzione cdo

    Come sempre, Compagnia delle Opere, cerca di posizionare sui uomini di inesistenti capacità manageriali ai posti di potere ( si veda il caso di BANCA UBI) ma non si rende conto del fatto che l’economia ma soprattutto le condizioni di vita delle persone oneste e senza raccomandazioni eccellenti sono completamente deteriorare e che non esiste più grasso che cola…si rischia grosso ora.

    1. Scritto da cambiamenti

      E’ il nuovo che avanza !

  7. Scritto da Aldo

    L’Italia sara’ finalmente un paese moderno quando al pari delle democrazie nordiche qualsiasi confessione religiosa rientrera’ nelle sfera prettamente privata di ciascuno e non piu’ sbandierata ai quattro venti come garanzia di buona condotta o addiruttura di immunita. Amen

  8. Scritto da magister

    Hanno occupato tutto quelli di CL dalla sanità alla scuola ecc..ecc..,vogliamo dire basta e lasciare spazio ai meritevoli e non allineati al Celeste!! Che la curia abbia il coraggio di fare pulizia, anche dentro l’Eco.

  9. Scritto da curioso

    accidenti, è l’articolo più letto? Diciamo che tutto quello che ruota attorno all’Eco di bg e a Ongis attira sempre l’attenzione

  10. Scritto da Tra Spa Renza

    Maldipancia per il posto ? Agghiacciante , personalmente ho il mal di pancia per l’esistenza stessa della normativa sulle Fondazioni, Qualche esempio ? San Raffaele, Maugeri ecc ecc. BASTA !

  11. Scritto da ilCeleste

    Spero che d’ora in avanti L’Eco di Bergamo, non si permetta più di fare predicozzi sulla cattiva politica ed altro, perché rischia il ridicolo, piuttosto cerchi di fare un po di pulizia nella propria redazione, visto che è molto vicina a CL.

    1. Scritto da Paradise

      Settimana scorsa dava grande spazio ad una intervista al sen. Carrara sul “rinnovamento” della politica . Ormai non ce n’è più per nessuno. Persa totalmente la percezione della realtà.

  12. Scritto da luc

    e la redazione di bgnews è d’accordo?

  13. Scritto da Tango

    Cattivoni e invidiosi! Mica vorrete lasciarlo disoccupato o part time. C’avra pure una famiglia e un mutuo casa. Su, dai, diamogli una mano.

  14. Scritto da PensieriProibiti

    Ci vorrebbe innanzitutto una nuova , bella , sacrosanta legge sulle fondazioni, sui loro perchè e sulla loro trasparenza.

  15. Scritto da Smarrito

    La fondazione è quella che poi destina i fondi alle “lodevoli iniziative” , sbaglio ?

  16. Scritto da e a lavorare davvero mai?

    Come mai certi personaggi, non è solo il caso di Ongis, che girano negli ambienti che hanno il potere, e Comunione e Liberazione nonostante il nome è proprio uno di questi, non si trovano da soli un lavoro vero?
    Questi passano da una dirigenza all’altra, nei consigli di amministrazione e poi “sparano” stentenze sui giovani lazzaroni, sugli operai fannulloni ecc.
    Non è questione di essere qualunquisti ONGIS si trovi un lavoro serio non sporizzato da Curie e compagnia.
    P.S. vale per anche per politici vari di destra e sinistra.

  17. Scritto da Z

    In quest’italia al massacro ciò che sta in cima ai pensieri di questi signori sono queste cose

  18. Scritto da Musa

    In questo Paese non c’è niente da fare: ci sono persone che un lavoro vero, per conto loro e secondo le proprie concrete capacità, non hanno bisogno di trovarselo. Ci sono papà e mamme (non necessariamente biologici) che pensano a loro. Chiedo che la redazione di Bergamonews si informi presso la Fondazione Cariplo e chieda quale è lo stipendio per un simile posto da commissario…, poi pubblichi l’informazione. A quel punto sarà chiaro perchè la nomina è così appetibile e, in tal modo, le persone che non hanno “papà e mamme” oggi avranno un ulteriore motivo per in…si!

    1. Scritto da LUISA

      ma nella Fondazione Cariplo non c’è anche un signore chiamato Manzoni ex amministratore delegato de l’eco di bergamo? mi sa di pastroniata come sempre……