BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Anche il Pdl rinuncia ai finanziamenti pubblici

Dopo Lega Nord e Italia dei Valori tocca al popolo della Libertà lanciare un forte segnale agli elettori: “Non avremo finanziamenti pubblici, li rifiuteremo” – questa è la dichiarazione rilasciata dal segretario Angelino Alfano al Tg1.

Dopo Lega Nord e Italia dei Valori tocca al popolo della Libertà lanciare un forte segnale agli elettori: “Non avremo finanziamenti pubblici, li rifiuteremo” – questa è la dichiarazione rilasciata dal segretario Angelino Alfano al Tg1. Il numero uno del Pdl torna quindi sui suoi passi dopo che nei giorni scorsi aveva sostenuto, come il Partito democratico, che il suo partito non avrebbe potuto rinunciare al sostegno da parte dello Stato. Ora il cambio di rotta improvviso, forse per dare un segno di sobrietà agli italiani dopo gli scandali delle ultime settimane. “Dopo le elezioni amministrative – ha sottolineato Alfano – annunceremo una grandissima innovazione nella politica italiana, di cui non posso dire nulla di più di ciò che ho detto ieri. Dico solo che il nostro movimento sarà tutto finanziato dagli iscritti, dai contribuenti privati, dai cittadini. Faremo in modo tale che il finanziamento dei privati, di coloro i quali vorranno dare un aiuto abbia un tetto massimo, affinché nessuno possa dirsi azionista di riferimento del nostro partito". "Faremo ciò nel convincimento che questo e’ il destino dei partiti politici, non chiedere soldi allo Stato, al governo, non chiedere soldi pubblici ma vivere con il finanziamento di chi ritiene di dover sostenere un ideale, di dover sostenere una forza politica".Al contrario, il Pd è sempre convinto che non si possa fare a meno del finanziamento pubblico nonostante parte della base del centrosinistra sia di parere diverso. Nei giorni scorsi il tesoriere Antonio Misiani, onorevole bergamasco, ha confermato che il partito non potrebbe fare a meno dei rimborsi elettorali perché altrimenti non riuscirebbe a far tornare i conti. E’ quindi l’unico dei grandi partiti che conferma l’impossibilità a rinunciare ai rimborsi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Arianna

    Togliere del tutto i finanziamenti ai partiti non mi sembra una buona idea. Dovrebbe essere regolato in base a spese assolutamente necessarie e al bando ogni spreco! Agli elettori è concesso ben poco , oltre al voto per eleggere i propri rappresentanti; perciò la responsabilità per la situazione in cui siamo è di chi è al governo che può votare in Parlamento per promuovere nuove Leggi e regole .. che sarebbero le proposte che agli elettori sono state promesse in campagna elettorale, ma mai mantenute..!!

  2. Scritto da pm

    Che fiera dell’ipocrisia…
    Considerato poi che questo non è un partito, ma un’azienda privata, fa ancora più schifo pensare che abbiano mangiato con soldi pubblici e non del loro padrone per tutti questi anni.

  3. Scritto da Luca

    Se questi partiti rinunciano al finanziamento pubblico, i 30 denari (serviti per tradire il popolo italiano) restano in cassa e servono a diminuire il deficit e a ridurre le tasse?

  4. Scritto da Ernesto

    Con tutti i suoi difetti il partito che più accettabile nello scenario italiano (5 stelle incluso) è il PD che ha certificato e pubblicato su internet il bilancio. Lo ha fatto quando non era richiesto dalla legge e questo è un segnale di merito sicuro. Altro aspetto, i soldi per la politica sono certamente troppi e il PD ha un’apparato troppo grosso, vanno ridotti . Ma almeno li ha spesi per far politica e ci ha detto come, gli altri in tanzania , fregati o nel buio più completo ecc ecc. Oltre a dire che rinunciano , facciano fare delle indagini sul loro uso.

    1. Scritto da gri

      lascia perdere illuso DELL PD penati & company anno ancora delle cariche…. se non altro la lega fa pulizia
      ma contro ill 5 stelle non avete confronto state GOVERNANDO CON MONTI ???siete il partitto delle tasse perchè i comunisti o pseudodiscendenti sanno fare solo questo
      VERGOGNATEVI!!!

  5. Scritto da milly.67

    Favole….se davvero succedesse prima RESTITUITE TUTTI I SOLDI CHE AVETE RUBATO !!!
    Bisogna azzerare tutta la politica e per farlo urge il NON VOTO…state a casa e voglio vedere con il 60 % di astensionismo cosa fanno i ladroni.
    Mi sono rotto di pagare per errori fatti da gente che pensa solo a fare finanza “creativa” giocando con i soldi dei poveri cristi che non arrivano a fine mese .
    MI SONO ROTTO AVETE INTESO ?!!
    Spero che comincino un pò di casini per mandare a casa tutta stà marmaglia perchè non se ne può più di subire e basta.
    Adesso azzerano i vertici dei partiti oppure gli cambiano il nome, MA SONO SEMPRE GLI STESSI e continueranno a rubare!!
    SVEGLIA GENTE !!!!

    1. Scritto da Campana Martel

      Cosa vuole che accada se il 60 % non vota , l’altro 40% governerà . Se voti male non è colpa degli altri. “La rivoluzione” ? Per far governare CHI in un momento dove come non mai abbiamo bisogno di qualcuno che abbia competenze e capacità per reggere il timone ? Siamo a questo punto per colpa degli italiani, di nessun altro : del voto da beoti di questi anni .Certo che se ne leggono di scempiaggini sui forum.

    2. Scritto da Areo

      Per chi hai votato in questi 20 anni ? Per curiosità

  6. Scritto da Damiano

    Ho sentito dire alla radio che i loro “rimborsi”, sono del 400%. Cioè, a fronte di una spesa di 1000 euro, lo Stato gliene dà 4000. Ma è davvero così? Perché il fisco, quando ci deve rimborsare soldi che non gli erano dovuti, non usa con i cittadini lo stesso coefficiente???

  7. Scritto da mario59

    Che manica di ipocriti….ora che hanno paura di perdere elettorato, si rincorrono a dichiarare la loro rinuncia ai finanziamenti pubblici….a questo punto io gli chiedo: perchè rinunciate al finanziamento pubblico…? vi siete forse accorti che ci avete preso in giro per quasi 20 anni poichè circa il 90% degli Italiani con un referendum nel 93 abrogò la legge sui finanziamenti pubblici…. in tal caso, restituite anche tutti i soldi che avete preso ingiustamente in tutti questi anni, ovviamente con gli interessi…cialtroni che non siete altro, la gente non vi crede più e voi avete paura di perdere le preziose poltrone…ecco cosa vi spinge a rinunciare al finanziamento pubblico.

  8. Scritto da renato brando

    Ormai è troppo tardi per qualsivoglia manovra riformista atta a salvare se stessi ma non questa vergine italia stuprata da tutti voi.. Se il Pd non non ha di che vivere diciamo in latinorum: pd sine pecunia est imago mortis. Finalmente

    1. Scritto da Zuzzerellone

      “stuprata da tutti voi” ? Molto peggio dei politici in italia sono GLI ELETTORI . Tu ad esempio dove sei stato in questi 20 anni ? A votare lega ? Pdl ? E osi mettere le dita sulla tastiera ?

  9. Scritto da Movimento5stelle

    Dopo che hanno incassato 2.3 miliardi di euro negli ultimi 20 anni (4500 miliardi di vecchie lire) ora fan tutti i “magnanimi” rinunciando all’ultima piccola tranche di rimborsi (copiando il movimento 5 stelle che non li ha mai voluti sin dall’inizio!). Che restituiscano maltolto e interessi, visto che malgrado questa montagna di denaro pubblico (nostro) le ruberie e le mazzette sono aumentate di continuo!

    1. Scritto da De Che ?

      Sono 230 milioni all’anno, troppi rispetto ai 156 tedeschi per cui devono essere diminuiti ma soprattutto devono essere trasparenti. Non mi aggrego però alla fesseria della loro abolizione, non esiste che a far politica in italia siano solo i magnati, confindustria, la chiesa e la mafia.Cioè chi dispone di capitali. Già abbiamo l’apparato d’informazione che è completamente nelle loro mani: voi siete fuori di MELONE ! 5Stelle faccia meno politica da bar e cominci a far certificare e pubblicare i bilanci !Faccia proposte di politica economica che abbiano un senso. Ma soprattutto gli elettori comincino a svegliarsi e a non far vincere di nuovo Pdl e casini votando 5 stelle .Non si impara MAI.

  10. Scritto da gri

    condoglianze un altro partito destinato a sparire il peggiore assieme a pd e udc fli etcetc dall dopo guerra sino ad oggi
    evviva grillo tenterete di screditarlo di distruggerlo ma non avete scampo!!
    a casa ladri!!!

    1. Scritto da Dream

      Fatti una camomilla

  11. Scritto da FALSI

    AHAHAHHHHHH TROPPO TARDI!!

  12. Scritto da Aldo

    Eh bè , farà fatica a trovare i soldi !!!!!!! Magari per le campagne TV o sui giornali …… solo che poi qualcuno dovrà rendere i favori a chi finanzia ! Guarda caso il PD era l’unico a certificare il bilancio e renderlo pubblico adesso facciano vedere cosa c’è nei bilanci degli altri. Il finanziamenti pubblico, per cifre minori e reso trasparente è un passaggio fondamentale della democrazia, Come in Francia e Germania.

  13. Scritto da arpaleni

    dopo il contratto con gli italiani sottoscritto a suo tempo dal giudice delle gare di burlesque, l’angelino ( ma come c. fa uno a chiamarsi a n g e l i n o ) torna alla carica con la “grandissima innovazione”.
    Evidentemente i pidiellini non sono meno boccaloni del leghisti.