BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dopo due mesi di crolli rimbalzano A2A ed Enel Necessario liberalizzare

I titoli di A2A si impennano in chiusura +8,59%, mentre Enel recupera il 3,41% dopo due mesi di continui scivoli. E' quindi necessario un intervento di liberalizzazione del mercato energetico.

I prezzi di A2A ed Enel, per restare nel concreto, sono stati oggetti di un diluvio di vendite che hanno portato i prezzi ai minimi storici assoluti.

In poco più di 2 mesi Enel ha lasciato sul terreno circa il 20% raggiungendo quota 2,45 euro.

A2A si impenna in chiusura di giornata del +8,5% dopo essere scesa senza accenno di rimbalzo alcuno dall’inizio di marzo dall’area 0,80 a 0,45, quasi la metà; negli ultimi 3 giorni i volumi erano cresciuti notevolmente.

Il tema di fondo è che i consumi di gas ed energia elettrica in momenti di recessione non possono che essere calanti per le imprese, ma il fatto nuovo è che il trend negativo inizia ad essere rilevante anche sul versante delle famiglie dove all’assalto dei prezzi ci si difende innanzitutto evitando gli sprechi.

Gli sprechi di qualcuno sono il profitto di altri.

Ma, insieme, si fa strada l’ipotesi che i reiterati annunci del Governo circa l’attualità di provvedimenti orientati alla diminuzione delle tariffe, non possa che passare dall’aumento concreto della concorrenza e dallo sblocco di quelle sacche di beneficio, sorta di manomorta, che ancor oggi privilegiano gli ex monopolisti ed in genere alcune società a forte presenza pubblica, diretta od indiretta.

J.T. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Tuditanus

    Il problema non è aver definito il servizio pubblico come “sacca di beneficio”, o come “ex-monopolisti a forte presenza pubblica”, o come altri ossimori ancor più pittoreschi.
    Il problema sono coloro che vogliono vivere di rendita alle spalle della popolazione diventando padroni del servizio pubblico privatizzato (e dagli con gli ossimori).