BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Teppisti e vandali al parcheggio Paleocapa” L’assessore: Non ci risulta

Un lettore denuncia gravi mancanze nella gestione della sicurezza del parcheggio di via Paleocapa a Bergamo e chiede l'intervento di Palafrizzoni. Il vicesindaco Gianfranco Ceci: "Non abbiamo mai ricevuto segnalazioni simili e l'area è gestita da un privato"

Più informazioni su

Pubblichiamo la lettera di Giovanni Giuliani inviata a Bergamonews e al responsabile del Servizio Mobilità e Trasporti del Comune di Bergamo per denunciare "gravi mancanze nella gestione della sicurezza del parcheggio di via Paleocapa". E la risposta del vicesindaco e Assessore al traffico del Comune di Bergamo, Gianfranco Ceci.

 

"La presente per denunciare gravi mancanze nella gestione della sicurezza del parcheggio di via Paleocapa, attualmente gestito dalla società Parcheggi Italia a seguito di concessione data dal Comune di Bergamo. Il sottoscritto, residente in viale Papa Giovanni, è titolare di due abbonamenti presso il parcheggio in oggetto. Purtroppo ho notato negli ultimi anni numerosi episodi di teppismo e illegalità avvenuti nelle ore notturne. Io stesso sono stato vittima due volte di gravi danni subiti alle auto senza che la società abbia peraltro provveduto a pagare i danni subiti.

Gli stessi carabinieri, presso cui ho sporto le denunce, mi hanno confermato che il parcheggio è spesso preso di mira da malintenzionati con conseguenti danneggiamenti alle automobili. Inoltre, numerose volte ho notato siringhe usate da tossicodipendenti lasciate per terra negli spazi dei parcheggi, con evidente rischio per i cittadini utenti.

Con la presente chiedo che, nel rinnovare le concessioni per l’utilizzo di spazi pubblici a società esterne private, il Comune preveda obblighi di standard di sicurezza adeguati (per esempio vigilanti nelle ore notturne).

Sarebbe inoltre opportuno definire tariffe agevolate per i residenti delle vie limitrofe (che oggi pagano alte quote standard, cresciute esponenzialmente negli ultimi anni). Spero che la presente sia uno stimolo a richiedere con fermezza ai privati che utilizzano un bene pubblico con finalità commerciali (nel caso specifico Parcheggi Italia) l’adozione di standard e tariffe che garantiscano la fruibilità dei servizi in primis agli utenti e ai cittadini di Bergamo.

Cordiali saluti"

Giovanni Giuliani

 

Contatta dalla redazione di Bergamonews, la società Parcheggi Italia – che ha sede a Milano e gestisce a Bergamo oltre il parking di via Paleocapa, anche il multipiano di piazza della Libertà, il parcheggio di via Pitentino e la gestione della sosta in Città Alta – non ha voluto commentare nè rispondere alla lettera. 
Gianfranco Ceci, vicesindaco e assessore a Infrastrutture e gestione della mobilità, trasporti, risponde: "E’ la prima lettera che riceviamo in tre anni di amministrazione che denuncia vandalismi nei parcheggi della città. Devo comunque ricordare che il Comune di Bergamo ha dato in gestione i parcheggi ad alcune società che controllano e sorvegliano le aree con telecamere e adeguati sistemi di sicurezza. Credo pertanto che sia molto facile risalire a chi compie atti vandalici ai mezzi custoditi e ad eventuali teppisti. Anche se ribadisco, non abbiamo mai avuto segnalazioni di questo genere".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Cecioni

    Non cè`peggior sordo di chi non vuol sentire,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,

  2. Scritto da carla

    ceci come ponzio pilato

  3. Scritto da lilli

    adesso che lo sapete spero che provvediate anche.