BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Centri commerciali teneteli chiusi il 25 Aprile e il 1° Maggio”

L'appello del sindacato unito ai gestori della grande distribuzione: tenete chiusi i centri commerciali il 25 Aprile e il 1° Maggio

Più informazioni su

L’appello del sindacato unito ai gestori della grande distribuzione: tenete chiusi i centri commerciali il 25 Aprile e il 1° Maggio

 

Le nuove disposizioni entrate in vigore con l’Articolo 31 del D.L. N° 201, liberalizzano completamente gli orari e le giornate di apertura nel settore del Commercio.

Abbiamo già espresso in tutte le sedi i nostri forti dubbi sul fatto che una deregolamentazione completa potesse produrre benefici economici, occupazionali e sociali. I nostri dubbi sono diventati certezze avendo verificato quanto successo negli scorsi mesi.

Le aperture continuative, 7 giorni su 7, avrebbero dovuto essere governate con confronti ed accordi in materia di orari di lavoro, turni, rotazione dei riposi, sulla base di una vera programmazione e pianificazione.

Questo non è avvenuto e l’impatto delle nuove aperture è stato subito dalle Lavoratrici e dai Lavoratori del settore con notevoli ripercussioni sulle loro condizioni affettive e famigliari. La concorrenza accentuata, innescata dalle liberalizzazioni sempre più spinte, ha danneggiato le Lavoratrici ed i Lavoratori, e non ha prodotto benefici alle aziende.

Particolarmente gravosa risulta la situazione in occasione delle festività come la Pasqua e la Pasquetta, Feste in cui alcune superfici commerciali hanno deciso di effettuare l’apertura proprio in queste ricorrenze tradizionalmente dedicate alla Famiglia. Altrettanto rischia di avvenire per le prossime festività del 25 aprile e 1°maggio, festività che sono il simbolo stesso dei valori fondanti del nostro Paese e della nostra Società.

In considerazione del fatto che l’Art. 31 consente, ma non obbliga, di aprire tutte le domeniche ed i festivi, auspichiamo che la responsabilità sociale delle imprese si tramuti in tentativo serio di trovare un equilibrio tra la legittima aspirazione allo sviluppo aziendale, l’incremento occupazionale che dovrebbe derivare dalle maggiori aperture e la necessità di conciliare il tempo di lavoro e di vita famigliare delle Lavoratrici e dei Lavoratori, attraverso una mediazione socialmente sostenibile.

In tempi di crisi, con una ridotta capacità di spesa delle famiglie, non è una soluzione quella di tenere i negozi sempre aperti, ma avere politiche di crescita che favoriscano il rilancio dei consumi dei cittadini che con sempre maggiore difficoltà arrivano alla fine del mese. Per questo chiediamo con forza: Tenete i negozi chiusi il 25 aprile ed il Primo maggio!

Lorenzo Agazzi per la Filcams CGIL Bergamo

Alberto Citerio per la Fisascat CISL Bergamo

Maurizio Regazzoni per la Uiltucs UIL Bergamo

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da meglioinsvizzera

    andate a vedere in svizzera: alle 17 del sabato pomeriggio tutti i centricommerciali chiudono fino al lunedi’… che dite sono forse piu’ stupidi loro?!? Certo che se aspettano ancora un po’ i sindacati a svegliarsi tra un po’ i CC saranno aperti 24h al giorno! Ma forse anche loro sono troppo occupati a contare gli immobili ed i soldi fatti sulle spalle di chi lavora….

  2. Scritto da giorgio

    Mi sono rifiutato anche solo di vedere come andavano le aperture prolungate durante il periodo natalizio e per le prossime 2 festività invito a non frequentare quelli che ormai vengono chiamati centri di aggregazione. Non solo, alle casse self degli ipermercati, non vado, proprio per preservare l’occupazione; non saranno 5-10 minuti a cambiarmi la vita

  3. Scritto da cittadino

    personalmente ho scelto di non andare nei centri commerciali di domenica e di comunicarglielo ogni volta che ricevo la pubblicità via E mail. Da solo non cambio nulla, lo so, ma nemmeno voglio rassegnarmi a questo mondo che vorrebbe dividere le famiglie anche di domenica.

  4. Scritto da mario59

    Ho letto e riletto tutti i commenti, e purtroppo come immaginavo, da molti di essi, è emerso l’egoismo e la pochezza, principali ingredienti dei cervelli dai quali sono stati partoriti certi commenti.
    Chi sostiene sia giusto tenere sempre aperti i centri commerciali, lo fa principalmente per due semplici motivi..1° non è lui che deve lavorare di domenica, 2° con tutte le cose che potrebbe fare nel tempo libero, ha così poca fantasia che si riduce a trascorrere una domenica dentro un centro commerciale..forse se avesse un briciolo di apertura mentale, e pensasse che un giorno potrebbe toccare a suo figlio di dover lavorare tutte le domeniche per uno stipendio da fame..magari cambierebbe idea

  5. Scritto da Alessandra

    Se i sindacati fossero utili a qualcosa si batterebbero per tenere chiusi negozi e centri commerciali ad ogni festività quindi onestamente questa proposta mi fa veramente schifo (pur sperando vada in porto).

  6. Scritto da lavoratore della GRANDE DISTRIBUZIONE

    cosa ***** dici ct??? quale ideologia? qui si parla di vita

  7. Scritto da milly.67

    Il 25 Curno è aperto….ma la vergogna e che ad oggi non si sà se lavorerò il 1 Maggio !!
    Non ho parole….
    Come al solito sarà pieno di pecoroni che ti rompono le scatole e basta senza comprare nulla…
    Italia paese dei balocchi..

  8. Scritto da Luciano Avogadri

    Premetto che non ho mai visto nessuno spinto a forza nei supermercati, e quindi continuo a pensare che la gente che ci va lo faccia spontaneamente, perchè piace o perchè serve o perchè comodo, o per motivi loro che hanno il diritto di avere e di non andare a raccontare in giro.
    Penso inoltre che un orario di apertura più lungo implichi anche più personale, e quindi più sicurezza per chi già lavora, e più possibilità per chi è alla ricerca.
    Penso quindi che i Sindacati debbano decidersi: interessa solo il lavoro per chi ce l’ha, o davvero interessa anche trovare opportunità per chi non ce l’ha?
    E poi, si può anche dire che questa visione della società è datata almeno a due secoli fa?

    1. Scritto da milly.67

      Scusi ma lei dove vive ? Lo sà che siamo in Italia ? Forse non ha ancora capito che nessuno assume nessuno, pensi che da Settembre dell’anno scorso ad oggi sono rimasto a casa 2 gg di seguito Natale,S.Stefano…Pasqua e Pasquetta . Ma è vita questa ?
      Soldi in più ? Non scherziamo….e non dite di cambiare lavoro perchè mi inc….
      Alle MIE comodità chi ci pensa?? Volete tutto aperto e allora apriamo TUTTO ma proprio TUTTO non solo quello che fà comodo agli impiegatucci che lavorano 5 gg a settimana,si fanno tutti i ponti, Natale 15 gg in famiglia etc etc (devo continuare ??)
      Monti vergognoso hai liberalizzato senza batter ciglio il commercio ma il resto ??!! Avanti pecore 25/4 e 1/5 aperti!!!

    2. Scritto da cua de paja

      Sig. Luciano me lo lasci dire per esperienza diretta: è pura fantasia e illusione il parallelismo +aperture=+spesa=+posti di lavoro specialmete oggi che il buget settimanale delle famiglie è molto ristretto. Se una famiglia ha a disposizione XXX euro da spendere in una settimana quelli sono e rimangono indipendentemente dal numeno di domeniche e festività di apertura. La maggior parte dei commessi/e hanno contratti fantasma sottopagati (5,75 euro/h) e fanno i salti mortali tra punti vendita dello stesso marchio in CC diversi e pur di mantenere il posto di lavoro, rinunciano a famiglia e figli. Mi spiace dirlo ma è lei che ha una visone idilliaca e fantasiosa della società commerciale.

    3. Scritto da Minelli Carlo

      Penso che sia tutto da rivedere , I centri commerciali e la loro pianificazione atta a far credere, che si creino nuovi posti di lavoro.Pensare che la gente ci vada e quindi bisogna aprire è una visione riduttiva i centri commerciali devono essere serviti da infrastrutture vedi le due torri che aspetta con ansia assieme a Pirovano di collegarsi con caravaggio eliminando l’ultimo fazzoletto di terra rimasto da più di due secoli fa.

  9. Scritto da ct

    giusto! echissenefrega se magazzinieri e commessi non riescono a pagare le bollette! facciamoli stare a casa a guardare la TV (mentre i figli giocano alla play station in camera o escono con gli amici).. così l’ideologia è salva!

    1. Scritto da lavoratore

      guarda che se magazzinieri e commessi lavorano la domenica mica prendono di più…semplicemente al posto di aver il riposo settimanale la domenica ,ce l’hanno in un giorno a metà settimana!!!

      1. Scritto da 081

        …giorno libero dove potranno lavorare in nero!

        1. Scritto da mario59

          probabilmente lei parla per esperienza sua.

    2. Scritto da GIANGI

      signor commissario tecnico della nazionale,guardi che i commessi e i magazzinieri lavorano dal lunedi al sabato lo stipendio ce l hanno lo stesso.in settimana lei lavora a gratis????ma mi faccia il piacere.speriamo che la sua ideologia si estingua……

  10. Scritto da angelo

    sono d’accordo. Solo così si potrà iniziare a ricuperare valori come: famiglia e stare in famiglia perchè è li che si Diventa Grandi non al supermercato.

  11. Scritto da COCONUT

    basterebbe che la gente non andasse piou la domenica e le feste e vedrete che chioudono da soli.finche cè gente VUOTA di interessi e passioni che non trova d altro da fare che andare li resteranno sempre aperti.personalmente nnon so neache quali sono quelli aperti perche la domenica e durante le feste hon sempre qualcosa di megliuo da fare che andare li per vedere come è vestita la gente

    1. Scritto da cocco

      ben detto.la societa si è svuotata di valori anche per questi centri “ricreativi” che non fanno altro che rincitrullire la gente.trovo che andare al centre commerciale la domenica o perche non si ha nient altro da fare è una sconfitta della vita

  12. Scritto da diego

    purtroppo saranno parole al vento, non interessa più a nessuno la famiglia solo l’avidità e avere più denaro.
    Spero che l’appello dei sindacalisti venga seguito.

  13. Scritto da filippo

    macche’ chiusi! Sempre aperti 24/24 ore al giorno.

    1. Scritto da Davide

      hai ragione Filippo, devono sempre stare aperti: li trovo comodissimi. Non solo loro, teniamo aperte anche le banche e gli uffici assicurativi e magari anche tutti i centri sportivi … che figata.
      Anche le pizzerie e i ristoranti … e tutte le ditte: metti che devi pagare una bolletta del gas e puoi passare solo tra le 3 e le 4 del mattino.
      Naturalmente questo non deve valere per il mio e il tuo ufficio, altrimenti che comodità è …

      1. Scritto da pensa

        anche le chiese così hai più tempo per pregare e meditare

      2. Scritto da W V.E.R.D.I.

        Qualcuno mi suggerisce un ufficio postale aperto il sabato sera alle 23.E l’unico momento in cui posso passare a ritirare la pensione a mia nonna

        1. Scritto da che noia

          conto corrente e accredito diretto sul conto, non fai la fila, non ti arrabbi perchè non puoi, ecc. pensa quanta salute in più

          1. Scritto da cittadino

            si ma se volessi spedire una raccomandata a chi auspica e permette le aperture domenicali? mi serve un ufficio postale aperto anche di domenica. E poi perchè i figli non devono andare a scuola la domenica? Voglio le scuole aperte 24 ore su 24, 365 gg su 365 gg.

  14. Scritto da antonia

    basta, che la domenica resti domenica!!!!!