BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dhl resta a Orio al Serio Miro Radici: “Sono felice Difesi mille posti di lavoro”

Dhl resta a Orio al Serio fino al 2013. Il presidente di Sacbo, Miro Radici, non nasconde la soddisfazione e la gioia per la decisione di Dhl di restare a Bergamo. Dhl gestisce circa il 70% della movimentazione merci dello scalo orobico.

Più informazioni su

“Ho accolto con gioia e soddisfazione questa decisione di Dhl sulla quale i miei collaboratori, in particolare Mentasti, si sono spesi molto” afferma Miro Radici, presidente di Sacbo, la società che gestisce l’aeroporto Il Caravaggio di Orio al Serio.

“Non nascondo la soddisfazione perché ci interessava in particolare difendere i posti di lavoro – aggiunge Radici – e poi ci rende molto felici la fiducia che Dhl ci ha rinnovato con questa scelta”.

"SACBO prende atto con soddisfazione delle decisioni che Dhl si accinge ad assumere, in base alle quali viene confermata la continuità delle attività del vettore courier sull’Aeroporto di Orio al Serio. La prosecuzione del rapporto contrattuale – si legge in una nota Sacbo -, oltre la scadenza di quello in essere fissata al 31 dicembre 2013, consente di conservare sul territorio un’importante risorsa logistica e occupazionale e pianificare le iniziative conseguenti con l’obiettivo di consolidare il movimento delle merci aeree. La volontà di confermare la propria presenza sullo scalo bergamasco, preannunciata da Dhl, riconosce il peso e la validità delle proposte operative avanzate da SACBO e la funzione strategica che la base orobica ricopre nell’ambito del network dello stesso vettore courier. In considerazione dell’estrema variabilità attuale del mercato del trasporto aereo delle merci, la decisione di proseguire l’attività sull’Aeroporto di Orio al Serio riveste maggior portata proprio perché assunta in un contesto di grande instabilità del quadro economico.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da usiamo il cervello

    Le decine di migliaia di lavoratori che abitavano vicino all’aeroporto da prima dello sviluppo dell’aeroporto sono molto meno felici.
    Probabilmente anceh il sig. Radici soffre della stesa malattia dei suoi predecessori e di Presdienti di Provincia, Sindaci e Assessori che dimenticano che nella conferenza dei servizi del 2003 ERA STAT OFISSATO IL TETTO MASSIMO DI SVILUPPO A 6.125.000 Unità di Traffico (somma di merci e passeggeri).
    Oggi siamo sopra i10 milioni ed in violazione di tutte le prescrizioni previste dal VIA.

    1. Scritto da gigi

      ha qualche delega ? che rappresenta ? con che arroganza crede di rappresentare le migliaia di lavoratori ? parli per lei e basta ! Spero che la redazione NON censuri ancora la risposta visto che non è volgare.

    2. Scritto da Alessio Scapesce

      … Invece secondo te gli altri son tutti cretini!

      1. Scritto da gigi

        lasci perdere sta solo dando i numeri (suoi)

        1. Scritto da gigi2

          Questi sono i numeri.
          Verbale della Conferenza dei Servizi tenutasi In data 29.09.2004 alle ore 10 presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: ” Il Piano di Sviluppo Aeroportuale di Bergamo Orio al Serio, quale strumento volto a disciplinare la crescita dell’attività aeronautica nel rispetto del limite fissato in 6.174.000 Unità di Traffico”.Documento sottoscritto anche da: Ministero della Difesa, Regione Lombardia, Amm. Provinciale e Comune di Bergamo. Oggi sono 10milioni
          Il Ministero dell’Ambiente ha emesso in data 4.11.2003 il Decreto VIA n. 677 che assoggettava l’autorizzazione a prescrizioni riguardanti inquinamento acustico, qualità dell’aria ecc.
          TUTTE INOSSERVATE

  2. Scritto da Tino

    una bella notizia !
    che rimanga DHL e che rimanga Ryanair
    basta andare un giorno ad Orio per capire che entrambe sono importanti per Bergamo.
    che poi i lavoratori vadano tutelati siamo tutti d’accordo, ma non cominciamo battaglie da art. 18 almeno finché Ryanair non sia condannata o assolta da qualche serio Tribunale.

  3. Scritto da Valerio

    Meglio che rimanga DHL piuttosto che Ryanair.
    Il vettore DHL se rinnova i propri aerei rendendoli meno rumorosi ed inquinanti può produrre lavoro sicuro, invece, cosa produce Ryanair?
    Ryanair non paga i contributi ai propri dipendenti, pesando ancora una volta sulle tasse di tutti noi contribuenti. Ryanair con tutta la sua numerosissima flotta aerea, presente all’aeroporto di Orio, produce un’esagerato disagio a migliaia di cittadini, che abitano vicino alle rotte di decollo. Ryanair muove milioni di passeggeri, vicino ad una città di 100mila abitanti!!! Brescia, non è lontana per prendere l’aereo, pagare il parcheggio a Orio, oppure a Brescia, che differenza può avere per noi bergamaschi

    1. Scritto da perplesso

      7 milioni di persone a es 5 euro a testa di tasse=35 milioni di euro,più costi per parcheggi,mezzi pubblici,caffe,merende varie.credo che ryanair faccia girare a bergamo decine di milioni di euro,ovvio che si può spostare a brescia,ma dopo?che ne pensa se traslochiamo la dalmine in romania?sapesse che bel parco verde si potrebbe ricavare sul suo suolo,con migliaia di auto in meno ecc ecc…..

      1. Scritto da Davide 4 di 4

        Prima di spostare la Dalmine, presente anche prima della seconda guerra mondiale, si potrebbe ipotizzare di costruire il nuovo STADIO al posto dell’ aeroporto di Orio, se vogliamo essere spiritosi. Allora sì che potremmo creare un bellissimo PARCO VERDE, prossimo a molti centri abitati e poco lontano da Bergamo Città. Con una sola azione si potrebbero eliminare i disagi del traffico automobilistico e dell’esagerato inquinamento ambientale prodotto attualmente dagli aerei.
        Ci troveremmo ad usufruire di una vasta AREA di RESPIRO. Finalmente veramente utile a tutti!
        Facile essere spiritosi, ma più facile ed immediato invece dovrebbe essere dimostrare buon senso.

      2. Scritto da Davide 3 di 4

        Quindi è certo che i numeri dei passeggeri che transitano dall’aeroporto di Orio, producono tantissimi disagi per migliaia di cittadini, producendo notevoli guadagni per pochi. Un esempio, un’automobile parcheggiata tutto un giorno in un parcheggio costa più di 5 euro, in effetti se vengono moltiplicati 5 euro per automobile, diciamo per 1.5 milioni di auto = 7.5 milioni di guadagno come minimo, solo per Percassi e SACBO. Parcheggi questi che per essere pieni, richiedono soltanto un numero elevato di passeggeri in transito.
        FACILE GUADAGNO, anche se produce: ENORME DISAGIO?!?

      3. Scritto da Davide 2 di 4

        I “TURISTI” che arrivano a Bergamo, non sono molti (esageriamo se pensiamo a 100mila), peggio ancora se messi in confronto al disagio che produce la movimentazione di oltre 9milioni di viaggiatori. Credere di poter mantenere questi numeri di Orio, è pura follia. Cosa può offrire al turismo la città di BG: un quotidiano TOCCA E FUGGI nell’arco della giornata o poco più forse, con guadagno per i ristoratori, gelaterie, B & B che si trovano in centro città, oppure in città alta e ancora nel vicino Centro Commerciale di Orio, e basta! Cosa credete, è possibile secondo Voi trovare dei TURISTI nei paesi prossimi all’aeroporto?, oppure nelle zone periferiche della città? La risposta è NO!

      4. Scritto da Davide 1 di 4

        DHL fornisce un servizio essenziale, veloce ed utile per molte persone e parecchie imprese che operano sul territorio bergamasco, le stesse imprese che hanno assunto regolarmente migliaia di persone, pagandone i contributi. Servizi utili per moltissimi soggetti
        Ryanair può produrre possibilità di viaggiare anche se trasferisce la sua ingombrante flotta aerea a Montichiari
        Dire che la benzina costa è altrettanto vero, infatti sono cambiate le abitudini di moltissimi cittadini costretti al risparmio, che pertanto si spostano sempre meno, dalle proprie case. Quindi portare a casa loro un così enorme disagio, come quanto quotidianamente subiscono a causa di Ryanair, è assolutamente indignitoso!

    2. Scritto da Zani

      RYR produce la possibilità di viaggiare alle persone senza svenarsi con biglietti di altre compagnie come AZA, AFR o DLH per andare in Italia o in Europa. In tempi di crisi, questo è un toccasana!
      O no?

    3. Scritto da gigi

      in effetti sei una stratega di notevole spessore, sei anche un pò sprecato per la provincia di Bergamo, via a roma che là cercano sempre quelli come te

    4. Scritto da Gianluca Breda

      ha ragione, ho appena preso un antonov della ryanair e faceva un rumore incredibile.

      per fortuna che DHL ci porta migliaia di turisti che spendono!

      1. Scritto da Roby

        Bellissima questa, ahahah. Certa gente è proprio stupida, vorrebbe spendere più soldi di autostrada e benzina quando abbiamo fuori casa l’aeroporto più comodo in assoluto (per chi non ci arrivasse la battuta era ironica, la Ryanair ha una flotta composta solamente da un unico tipo di aereo di marca Boeing, mentre l’antonov è un aereo ad elica (che già di suo sono più rumorosi) enorme di produzione sovietica). Le rotte Ryanair che fanno capo a Bergamo coprono praticamente tutta l’europa, non capisco proprio perché ci sia qualcuno che non voglia poter viaggiare liberamente e a basso prezzo, senza dover perdere ore in mezzo al traffico e spendere palate di benzina e autostrada.

      2. Scritto da PINCO

        1: da quando Ryanair ha degli antonov nella sua flotta?
        2: i turisti spendaccioni arrivano impacchettati con la DHL?

        1. Scritto da Fra

          A quanto mi risulta DHL non possiede piu Antonov, ed i nuovi aerei sono tutti di ultima generazione… Poi ovvio, meglio avere l’aeroporto vicino a casa per fare 1 o 2 viaggi l’anno che averlo vicino per andarci a lavorare tutti i giorni… Fate ridere, solo a pensare a divertirsi o a facebook, il lavoro sempre per ultimo. E’ grazie a voi, anche, che l’Italia va male! Taggate taggate che è l’unica cosa che vi resta da fare…