BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ne abbiamo pieni i polmoni Legambiente invoca l’intervento degli enti locali

In un comunicato stampa Legambiente riporta i dati preoccupanti del livello di pm10 nell'aria, chiedendo il pronto intervento di Provincia e Regione per trovare una soluzione efficace al problema.

Più informazioni su

Legambiente non ci sta e chiede a gran voce l’intervento della Provincia e della Regione in merito all’ordinanza, emanata da Regione Lombardia, che prevede provvedimenti di limitazione della circolazione per alcuni veicoli finalizzati alla riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera e per il miglioramento della qualità dell’aria.

L’ordinanza è stata in vigore dal 15 ottobre 2011 fino al 15 aprile 2012 ma i dati raccolti in questi 184 giorni non sono certo confortanti. Il pm10 ha sforato i limiti imposti per legge 105 volte nella centralina di via Garibaldi e 89 in quella di via Meucci (nel solo 2012 rispettivamente 63 e 51 volte).

La sigla pm10 sta a identificare polveri, fumo e microgocce di sostanze liquide in sospensione nell’atmosfera sotto forma di particelle microscopiche, il cui diametro è uguale o inferiore a 10 millesimi di millimetro. Le principali fonti di pm 10 sono fonti naturali (incendi, erosione suolo, eruzioni vulcaniche, polline, sale marino) e fonti antropiche (combustione nei motori a scoppio, negli impianti di riscaldamento e nelle attività industriali): la nocività delle polveri sottili dipende dalle loro dimensioni. Tanto più sono piccole quanto più le polveri riescono a oltrepassare le difese dell’apparato respiratorio, causando asma, affezioni cardio-polmonari e diminuzione delle funzionalità polmonari.

Secondo Legambiente la città e la provincia di Bergamo non sono state capaci di porre la giusta attenzione verso il problema, rimandando la questione alla prossima entrata in vigore del provvedimento: l’associazione, invece, richiede un confronto serrato tra Comuni, Provincia e Regione Lombardia per trovare risposte efficaci.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da PIO

    CARISSIMA LEGAMBIENTE MA LEI NON VEDE LO SCEMPIO CHE ACCADE IN BASSA BERGAMASCA SONO RIMASTE POCHE POCHISSIME PIANTE QUELLE POCHE CHE CI SONO LE TAGLIANO I CONTADINI.

    LEGAMBIENTE NON SI POTREBBE OBBLIGARE CHI TAGLIA LE PIANTE AD IMPIANTARNE IL DOPPIO O TRIPLO DI QUELLO CHE SI TAGLIA FORSE UN PICCOLO POLMONE RIMARRA’ ALTRIMENTI ADDIO VERDE

    LEGAMBIENTE PENSO SIATE LEGA SOLDI

    1. Scritto da Paolo

      Sono domande da rivolgere a politici ed amministratori, non ad una associazione di volontariato. Perchè questi quesiti non vengono sottoposti a gente tipo p.es. Pirovano?

    2. Scritto da libero

      il fatto è che in bassa stanno devastando tutto con autostrade, tav, tangenziali, poli logistici, interporti, cave, TUTTO PRO TRAFFICO SU GOMMA e la situazione non migliorerà di sicuro. Legambiente si oppone a tutti questi interventi, ma i comuni giocano al ribasso per avere introiti da urbanizzazione e compromettere definitivamente il nostro territorio… Siamo alla frutta. I sindaci si fanno belli fermando il traffico la domenica, ma tutta la settimana respiriamo dai tubi di scarico dei camion…