BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Trincea, i Riuniti: massima collaborazione con la Procura

L'azienda ospedaliera spiega: "L’incarico di realizzare la trincea è stato affidato direttamente all’ATI DEC nel novembre scorso, al termine di un iter complesso, durato oltre un anno".

Più informazioni su

L’azienda ospedaliera di Bergamo spiega quanto successo giovedì quando la guardia di finanza si è presentata agli uffici dei Riuniti: "Su richiesta della Procura della Repubblica di Bergamo, è stata fornita documentazione sulla trincea drenante del nuovo ospedale".

Gli Ospedali Riuniti, spiega una nota "hanno assicurato la massima collaborazione alle autorità inquirenti e si augurano che venga fatta al più presto piena chiarezza sulla vicenda. I lavori della trincea, volti ad abbassare il carico piezometrico della falda acquifera insistente nell’area del nuovo ospedale, sono ormai quasi ultimati e i primi test sono molto positivi. L’incarico di realizzare la trincea è stato affidato direttamente all’ATI DEC nel novembre scorso, al termine di un iter complesso, durato oltre un anno, e che ha avuto come tappe fondamentali l’acquisizione di autorevoli pareri tecnici e legali. Al termine di queste valutazioni la procedura dell’affidamento diretto alle imprese incaricate di realizzare il nuovo ospedale è stata ritenuta conforme a quanto previsto dal Codice dei contratti pubblici (art.57, comma 5, lettera a) in presenza di precisi requisiti. La trincea infatti non era in origine stata prevista, ma il verificarsi delle infiltrazioni l’ha resa necessaria per garantire la funzionalità della struttura e risolvere in maniera definitiva il problema. Si è trattato quindi di un intervento complementare e strettamente collegato all’intero progetto".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da tombino

    Praticamente adesso la strategia è quella di acquisire “autorevoli pareri tecnici e legali” per eludere il codice dei contratti e non avere responsabilità. Complimenti, ma chi è questo autorevole consulente?
    Il Trota?

  2. Scritto da julis

    er trota… ovvero come dar aria alla bocca tanto per fare… La Lega è indagata per ben altri reati che non la “distrazione” dei soldi dalle casse del partito da parte della Bossi family (quello al massimo dovreste sentirvi voi presi per i fondelli). Semmai c’è da preoccuparsi se corrisponderanno al vero i sospetti di riciclaggio di soldi dell’andrangheta e gli investimenti in Tanzania di soldi in nero…. vergognati

  3. Scritto da Tuditanus

    Troppa confusione, per non dire reticenza, su questa nuova struttura che dovrebbe (il condizionale ormai è d’obbligo) diventare un polo di eccellenza.
    Due sono le domande a cui l’Azienda Ospedaliera a questo punto e come minimo deve (senza condizionale) rispondere:
    1) Dove sono i progetti delle fondamenta dei nuovi edifici? Li vogliamo visionare.
    2) Le torri sono stabili od oscillano ad ogni pioggia sotto la spinta della falda freatica in pressione?
    Risposte gradite, grazie.

  4. Scritto da il polemico

    disastro da 600 milioni?vuol dire che l’ospedale non aprirà mai?se ci saranno responsabilità,giusto che paghi chi ha sbagliato,ma almeno godiamoci questo ospedale che sembra a livello tecnico all’avanguardia europeo

  5. Scritto da Gaziantep

    Peccato che il direttore Nicora abbia dichiarato (L’Eco di BG 4.9.11) che i problemi di infiltrazione erano stati risolti, come comunicatogli dalla commissione di collaudo. Dunque la trincea non era legata al progetto e neppure indispensabile, tanto meno imprevedibile perchè nel 2002 nella causa promossa dal gruppo arrivato secondo per l’affido della progettazione fu prodotta consulenza peritale che dichiarava indispensabile la trincea. Un pasticcio in cui gli OORR si sono infilati. Per cavarsela bastava ammettere la persistenza delle infiltrazioni e svolgere la gara d’appalto. L’opera, infatti, non ha nulla a che vedere con l’apertura dell’ospedale nuovo

  6. Scritto da er trota

    Ecco perchè siamo un paese che merita di fallire,per un non reato,e cioè la dentiera di Umberto,la macchina del trota,qualche donzella,e stupidate,del resto lecite i soldi sono i loro,commenti insulti,le tre procure delle peggiori province in fatto di reati,napoli reggio calabria e potenza? e qui un disastro da oltre 600milioni euro nessun commento tutti zitti vergognatevi bergamaschi.

    1. Scritto da MAURIZIO

      I soldi che la collettività dà ai partiti non sono di proprietà dei partiti. Se lo metta in testa.