BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rhinos Milano-Lions, quando è la storia a scendere in campo

Sabato torna un match storico e appassionante che ha fatto la storia del football americano del Belpaese, basti pensare che le due formazioni porteranno sul terreno di gioco ben 16 titoli italiani.

Più informazioni su

E’ ancora palpabile lo sgomento e la commozione per la perdita di Joe Avezzano, leggenda dei Dallas Cowboys e allenatore dei Seamen Milano, scomparso improvvisamente una settimana fa proprio in una palestra del capoluogo Lombardo. Ed è in questo clima d’incredulità e tristezza che riparte il campionato dopo la pausa pasquale. Non c’è molta voglia di parlare di football giocato ma è noto che “lo spettacolo deve continuare” e il grande Joe probabilmente avrebbe detto e voluto lo stesso. L’importante sarà onorare la memoria di questo grande campione ma soprattutto dell’uomo. Joe Avezzano aveva intrapreso questa avventura Italiana, la cui dimensione è totalmente opposta ai clamori della NFL che l’ha reso famoso, con grande umiltà e la voglia di insegnare qualcosa d’importante ai giovani campioni nostrani. Resta questo insegnamento di cui noi tutti dobbiamo fare tesoro.

Approfittiamo allora di questa affascinante sfida per fare un breve viaggio nel passato, cosa che ripeteremo anche in occasione di altri incontri, un’occasione per mettere a conoscenza dei neofiti le origini di questo sport in Italia.

Rhinos Milano vs Lions Bergamo, che andrà in scena sabato alle 18 presso il Vigorelli di Milano in via Arona 19, rappresenta una storica sfida che ha radici profonde nel Football made in Italy. Basti dire che in questi trent’anni di Superbowl Italiani, ben 16 sono stati vinti da queste due storiche squadre, Lions (12) e Rhinos (4).

“In principio” furono i Rhinos, i primi tre Superbowl consacrarono campioni d’Italia proprio i “Rinoceronti” Milanesi, una delle cinque storiche squadre che diedero vita al primo campionato italiano nel lontano 1981, voluto e guidato dall’indimenticato Giovanni Colombo.

Poi nell’arco degli anni il lento declino e dopo l’ultimo sussulto nel Superbowl del 1990, solo campionati discontinui e addirittura scioglimento della squadra in due fasi buie della Società. Insomma, se i Rhinos Milano rappresentano l’inizio di tutto, i Lions Bergamo hanno proseguito la tradizione vincente prendendo “il testimone” in questa ipotetica staffetta e continuando l’ascesa ai vertici del Football in Italia e in Europa. Anello di congiunzione tra Leoni e Rinoceronti il grande Chicco Guizzetti, Bergamasco DOC ma storico giocatore dei Rhinos di allora e colonna difensiva della Nazionale Italiana. Nel 1984 fu proprio lui, con grande temperamento, a traghettare come capo allenatore i Lions Bergamo nel loro primo campionato dalla serie B alla serie A. Sarà per questo passaggio di consegne che mai i destini di queste due franchigie si sono incontrate in una delle 18 finali giocate complessivamente dalle due squadre ? Tornando al presente, i Milanesi quest’anno si sono presentati ai nastri di partenza decisi a proseguire il positivo cammino intrapreso nel 2007 con l’iscrizione al campionato di A1, obiettivo, tornare ai fasti del passato ripartendo da zero, un pò come capitato ai Lions costretti l’anno scorso a ripartire dalla serie A2. E così è stato, l’ottima ossatura della squadra esistente, consolidata da nuovi innesti Italiani e dall’ottimo impatto dei tre nuovi giocatori USA, hanno consentito tre vittorie su quattro partite disputate.

Analizzando le prestazioni dei “Rinoceronti” vediamo che si passa, dall’unica sconfitta avvenuta contro i forti Hogs di Reggio Emilia, annientati dai Lions nell’ultimo turno di campionato, all’ottima vittoria sui Giants a Bolzano che a loro volta hanno battuto di misura i Bergamaschi. Le altre due vittorie sono giunte contro il fanalino di coda rappresentato dai Marines Lazio e nella battaglia del derby contro i Seamen, altra squadra a zero punti, giunta nel finale di gara anche a causa di gravi errori dei “Marinai”.

Stesso discorso per i Lions Bergamo, che dopo la roboante vittoria contro i Laziali, hanno perso malamente solo una partita, ad Ancona contro i Dolphins, per poi cedere di misura nella sfida storica contro Bolzano fino alla convincente e importante vittoria contro i temibili Hogs.

La difficoltà e l’incertezza che regna in questo campionato è ormai evidente e ogni gara fa storia a se. Non a caso, tutte le 12 squadre che si stanno dando battaglia, hanno perso almeno una partita e questo in sole quattro giornate di campionato. Le stesse statistiche tra punti fatti e subiti risultano pressochè identiche in tutto il girone. In quest’ottica risulta ancora più difficile fare un pronostico sulla partita di sabato. I Rhinos sono cresciuti molto in questi ultimi anni di rinnovamento, e il prodigioso recupero nel derby vinto contro i Seamen lo testimonia. I Lions Bergamo dal canto loro hanno tutte le carte in regola, dal punto di vista qualitativo e caratteriale, per essere una delle sei pretendenti alla fase finale.

Gli spettatori sono quindi attesi da una gara di grande fascino, anche se i Leoni Orobici penseranno più alla sostanza che la romanticismo. Vincere a Milano sarà di fondamentale importanza per agganciare in classifica i “Rinoceronti” e proseguire il cammino verso i play-off. I tifosi nero-oro sono già in fibrillazione e sappiamo, che come sempre, al Vigorelli saranno numerosi per sostenere la squadra.

Servizio di Nicola Fardello

Foto di Andrea Gilardi

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da raider

    forza leoni domani conta solo la vittoria !!!