BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Provincia, impresa bilancio “Fatica a quadrare i conti”

Nuove leggi, normative, addizionali, l’incubo di chi negli enti locali si occupa di bilanci. Nel 2012 i grattacapi sono aumentati esponenzialmente perché il governo Monti continua ad alzare l’asticella per cercare di fare quadrare i conti.

Nuove leggi, normative, addizionali, l’incubo di chi negli enti locali si occupa di bilanci. Nel 2012 i grattacapi sono aumentati esponenzialmente perché il governo Monti continua ad alzare l’asticella per cercare di fare quadrare i conti. A farne le spese sono soprattutto le amministrazioni locali: Comuni e Province costretti a ritardare la presentazione del bilancio a causa dei continui aggiornamenti su trasferimenti e tributi. Ne sa qualcosa la Provincia di Bergamo che aspetterà le prossime settimane per presentare ufficialmente il quadro di entrate e uscite per il 2012. Poi si passerà alla discussione in Consiglio provinciale ed infine all’approvazione. Il tutto entro il 30 giugno 2012. Comunque già da ora si è accumulato un ritardo rispetto agli anni passati. Il vero problema è fino al giorno del via libera definitivo da parte dell’assemblea tutti settori potranno spendere solo un dodicesimo del budget a disposizione. E se finiscono i soldi? Si tira la cinghia e si aspetta. “C’è tutta una serie di normative, circolari, addizionali che ci costringono a monitorare quotidianamente tutto quando viene deciso da Roma – spiega l’assessore Mario Gandolfi – se il governo ci cambia le carte in tavola ogni giorno è difficile prendere decisioni immediate. Anche sui trasferimenti il quadro non è ancora preciso, alcune cifre possono cambiare. Questa situazione non ci consente di fare previsioni in tempi ragionevoli. La norma ha consentito la proroga dell’approvazione fino al 30 giugno, noi contiamo di arrivare al via libera un po’ prima”. nel frattempo tutti i settori fanno fatica. “Di questi tempi faremmo fatica comunque – continua Gandolfi – le risorse disponibili sono davvero poche”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gio

    iniziate a licenziare tutti i consiglieri e dirigenti siete solo un peso della societa dei parassiti avete una sede nella parte piu costosa della provincia di bergamo , nemmeno la regina victoria aveva un palazzo cosi lussuoso come la provincia di bergamo
    e ovvio la regina preferiva spensere i soldi per i suoi cittadini pagare affitti e sussidi ai dissocupati per es anziche riempire il lussuoso palazzo della provincia di bergamo di amici pagati con le tasse dei poveri