BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’assessore Raimondi: rifiuti al cementificio? E’ la tecnica migliore

In commissione l'assessore regionale all'ambiente ha rispsoto a interrogazioni sull'impianto di tavernola, sul piano cave e sugli appalti alla Locatelli.

Più informazioni su

Le criticità dell’impianto del cementificio Sacci, nel comune di Tavernola Bergamasca, sono state oggetto di un’interrogazione presentata in Commissione dal Consigliere IdV Francesco Patitucci.

L’impianto, che prevede l’utilizzo di rifiuti come combustibile per la produzione di cemento, vede fortemente contrario il Comune e desta preoccupazione per il possibile impatto ambientale. L’autorizzazione alla sperimentazione di questo tipo di combustibili, ha spiegato l’Assessore all’Ambiente Marcello Raimondi, è già stata data, partendo dalla considerazione che quella tecnica fosse la migliore fra quelle disponibili per la riduzione delle emissioni di ossidi di azoto e combustibili fossili. Anche l’Arpa, in sede di Conferenza di servizi, ha ribadito che si tratta di una delle migliori tecniche disponibili.

Gli atti dell’incontro dello scorso novembre fra gli Enti locali interessati, ha riferito l’Assessore, sono stati trasmessi alla Presidenza del Consiglio dei Ministri la quale, il 16 marzo 2012, ha deliberato l’attivazione del progetto sperimentale che prevede appunto l’uso di combustibile da rifiuti e pneumatici triturati. Solo a seguito delle necessarie verifiche ambientali il progetto potrà andare a regime

Con un’interrogazione presentata in Commissione Ambiente, alcuni consiglieri regionali hanno richiamato l’attenzione sulle criticità del Piano cave della Provincia di Bergamo. Il documento, a firma dei Gruppi IdV , Pd e Sel e illustrato da Gabriele Sola (IdV) chiede l’elenco delle verifiche e dei giudizi di impatto ambientale, già rilasciate o in istruttoria, per i diversi ambiti di escavazione, anche in considerazione della delicatezza del momento attuale “in cui sono emersi numerosi illeciti legati ad aziende che operano anche nell’ambito delle cave in Regione Lombardia e in particolare in provincia di Bergamo.” I consiglieri chiedono anche di sospendere ogni istruttoria e rilascio di autorizzazioni in corso.

L’Assessore Raimondi ha comunicato alla Commissione l’elenco dettagliato delle verifiche di impatto ambientale già “decretate” e in istruttoria ed ha però ricordato che tali provvedimenti, anche nel caso siano favorevoli alla realizzazione degli interventi, non costituiscono un’autorizzazione, poichè quest’ultima spetta alla Provincia.

Raimondi ha anche risposto all’ interrogazione di Francesco Patitucci e Gabriele Sola (IdV) che riguardava gli appalti del gruppo Locatelli e il suo coinvolgimento in opere infrastrutturali e cave in Regione. Alcune persone al vertice del gruppo, si ricorda nell’interpellanza, sono state arrestate nell’ambito dell’inchiesta che ha coinvolto il Vicepresidente del Consiglio Franco Nicoli Cristiani.

L’Assessore ha risposto fornendo le informazioni sugli appalti del Gruppo Locatelli di Grumello del Monte che sono contenute nella banca dati regionale dell’Osservatorio sui contratti pubblici, da cui risulta che le diverse società del gruppo si sono aggiudicate 108 appalti in Lombardia, a partire dal 2002.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da per fare soldi?

  2. Scritto da tavernolese

    Forse come dicono i grandissimi esperti bruciando i cdr e gomme a discapito del pet coke ( già un rifiuto speciale in quanto scarto degli scarti degli idrocarburi) si abbasseranno gli NOX e PM10, speriamo non si producano altri veleni tipo diossina ecc ecc…. sembra una barzelletta.. ma purtroppo è la realtà!!!

  3. Scritto da 5 stars

    Dal monte alle spalle di Tavernola, recuperando le dismesse canalizzazioni e collettazioni idriche; si potrebbe alimentare il cementificio in modo ELETTRICO.
    MA mantenere i residenti ignoranti sembra il principio guida di amministratori, lobbysti e “professori”!

    1. Scritto da giorgio

      Mai saputo che si potesse alimentare un forno per raggiungere una temperatura di 1300 gradi con un modo elettrico.
      Posso sapere il nome di un cementificio nel mondo alimentato in modo elettrico: vorrei evitare di restare ignorante.
      Grazie

    2. Scritto da Tavernolese

      Le Lobby ed i lobbysti ci sono e purtroppo sempre ci saranno!! un classico.. pochi si riempiranno le tasche di soldi sporchi, sporchi come i nostri rifiuti e gomme triturate… e moltissimi altri ne subiranno le conseguenze!
      Sembra che le istituzioni remino tutte dalla stessa parte, tutelando i padroni a discapito dei propri cittadini… e non sono di certo un comunista! Solo l’amministrazione comunale sembra avere a cuore la salute dei cittadini e non il portafoglio del cementificio…. a Tavernola si raggiungerà l’assurdo, bruciando rifiuti in un cementificio posto al di sotto di un centro abitato, sarà come fare i fumenti immersi in un pentolone di immondizia.

      1. Scritto da Sì cementificio

        Cambia paese.

        1. Scritto da 5 stars

          Mi sa che dovresti cambiarlo tu il paese…con la tua stirpe