BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Accordo rimborsi ai partiti Misiani, Pd: “Una svolta” Gli amici Fb “Serve di più”

Il tesoriere del Pd, il bergamasco Antonio Misiani, commenta su Facebook l'accordo raggiunto per il rimborso dei partiti. Tra i commenti degli amici delusione e la richiesta di tagli e distribuzione dei fondi alle sezioni.

Più informazioni su

È soddisfatto Antonio Misiani, il parlamentare bergamasco tesoriere del Pd per l’accordo raggiunto con gli altri partiti di maggioranza in tema di rimborsi elettorali. Ma gli amici su Facebook, che non sono certo di un partito avversario, postano messaggi con l’invito chiaro a fare di più.

Sulla propria pagina di Facebook, Misiani scrive: “L’accordo che abbiamo raggiunto con Pdl e Terzo polo sui bilanci dei partiti è una svolta vera: obbligo di certificazione dei bilanci, controllo esterno di una commissione guidata dal presidente della Corte dei conti (operativa già sui rendiconti 2011), rimborsi decurtati per chi viola le regole, bilanci in Internet (anche in formato open data), donazioni pubbliche oltre i 5 mila euro, investimenti possibili solo in titoli di Stato. È un primo passo molto importante, che fa della normativa italiana la più rigorosa in Europa”.

A spegnere l’entusiasmo del parlamentare bergamasco ci pensano gli amici: “Con l’aria che tira credo che sia un buon accordo, ma i cittadini si aspettano ancora di più. Cerchiamo di non deluderli” commenta Elena Assi, moglie di Luigi Bresciani, segretario della Cgil Bergamo. Più drastico Dario Guerini, ex assessore comunale al Bilancio e alla Sicurezza commenta: “Questo accordo è una pagliacciata Antonio. Avete perso il senso della misura, oltre che il rapporto con gli elettori. Temo che ve ne pentirete. Aprite piuttosto il rubinetto ai circoli”. Anche se si complimentano con Misiani c’è chi aggiunge: “chiedo comunque di affrontare la questione della distribuzione dei soldi nei circoli e sezioni – scrive un sostenitore del Pd – . Ne abbiamo davvero bisogno e, vista la crisi ,si fa sempre più fatica a fare volontariato e autotassarci per fare volantini e manifestazioni”, e ancora “Avanti con i tagli ai costi della politica. Ma non ci sono i partiti, ed anche la pletora di para-istituzioni inutili con CdA pletorici in cui siedono politici di vario taglio”; “Credo che sia necessario un segnale concreto ben più forte: dimezzare il rimborso ai partiti. E’ stato dimostrato ampiamente da molti quotidiani che buona parte di questi fondi non viene utilizzata. Non ci accontentiamo più del meno peggio” e un altro ancora: “Io applicherei la ripartizione ai circoli in base anche ai voti ricevuti in quel seggio in modo da motivare i circoli e far si che abbiano anche loro i fondi per fare propaganda e organizzare iniziative anche di tipo culturale”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da aquarenghi

    segnalo, per la riflessione:
    http://www.corriere.it/editoriali/12_aprile_12/ainis-gesti-seri_7570e7ac-845f-11e1-8bd9-25a08dbe0046.shtml

    Poi, chi non vuol capire non capirà mai

    1. Scritto da Alberto

      Lei mi pare si sia già messo sul piedestallo, ha già individuato il solo che che capisce. Personalmente, in compagnia del popolo francese e di quello tedesco, ritengo che il finanziamento pubblico sia semplicemente indispensabile per la democrazia, trasparente e con cifre minori delle attuali. La soluzione per non avere politici delinquenti non è abolirli , è votare per politici non delinquenti, non votare per chi ti impedisce di scegliere. Niente finanziamento nel paese dove tutta l’informazione è in mano a …… ma stiamo scherzando ? Forse c’è anche qualcun altro che “non vuol capire”

  2. Scritto da RobertinoT

    Non mi aspettavo nulla di diverso dai partiti… Abbiamo votato un referendum a larghissima maggioranza per eliminare i finanziamenti ai partiti, quindi gli italiani si sono già espressi sulla materia ma alla faccia tosta di questi aguzzini non c’e’ limite.
    Per chi crede che i bilanci certificati siano la cura di tutti i mali posso affermare che o sono in malafede o non sanno di cosa stiano parlando: Lehman Brothers bilanci certificati, Parmalat bilanci certificati, devo andare avanti?

    1. Scritto da Luigi

      E tu sei in buona fede o sai di cosa stai parlando ? senza certificazioni chiuderebbe l’economia mondiale . Meno boria, informati e studia. E voti 5 stelle , vero ?

    2. Scritto da Ranger

      Allora fai abolire le certificazioni per tutte le società quotate in borsa : a che servono? Comunque : servono a dare garanzie a chi ci mette i soldi attraverso un controllo certo e annuale e la galera per chi tarocca le carte , revisore o revisionato. La principale società americana di revisione ha chiuso per questo. Se poi sei del parere che non bisogna mettere giudici, polizia e prigioni perchè tanto i criminali ci sono lo stesso , beh , non so che dirti.

  3. Scritto da nino cortesi

    Siete solo degli abusivi. Se foste stati scelti “democraticamente” dai cittadini sareste autorizzati a fare. Fino a quando i politici li scelgono i politici…….nulla licet.

  4. Scritto da stefanorossi

    Ma come mai quando vi fa comodo siete tutti uniti?? A voi togliere qualcosa e” come farvi un dispetto !! Non avete il benche’ minimo a cuore la situazione e chi vi paga!!!!! NON HO PAROLE

  5. Scritto da peppone

    se ne salvan pochissimi di questi politicanti senza vergogna!!!!! fanno solo i loro interessi e non l’interesse comune solo coi forconi righeranno diritti…. che schifo d casta …..

  6. Scritto da Alberto

    Solo una cosa dovevano fare: tagliare i rimborsi di una percentuale dal 50% in su. Guardacaso, non l’hanno fatto. Temo che i forconi si avvicinino sempre più…

  7. Scritto da gigi

    Se fossimo in un paese serio, trattandosi di “rimborso spese elettorali” come dice la legge, lo Stato dovrebbe rimborsare SOLTANTO le spese sostenute e DOCUMENTATE per le campagne elettorali. Cioè un decimo di quelli incamerati.
    Tutto il resto è aria fritta per i gonzi…E meglio finanziare i partiti (la democrazia?!?) o ridurre i tiket sanitari, aumentare le pensioni sociali ecc. ecc.? Questa è la risposta non data dall’ABC della politica.
    P.S. Notato come Misiani assomigli in modo impressionante al tesoriere della Lega? Sarà un caso?

    1. Scritto da Giulio

      Il commento su Misiani ti qualifica. Deprimente

  8. Scritto da matteo de capitani

    tutto dovrebbe ruotare attorno ad una parola: PARTITO. Solo una volta definito giuridicamente un partito, le sue regole interne, la trasparenza e la certificazione dei suoi bilanci, solo allora un partito dovrebbe poter accedere ai rimborsi.
    Sino ad ora solo il PD certifica da ente esterno e rende bubbici i propri bilanci.

  9. Scritto da marco origgi

    chissà come mai ABC l’accordo sulla spartizione del bottino lo hanno trovato in un batter d’occhio..
    Craxi si rivolta nella tomba al pensiero di quanto avrebbe potuto rubare ai giorni nostri con questi signori che da quando lui è sparito si sono dati da fare per crearsi l’impunità legalizzata..
    CMQ sono discussioni inutili, visto che il referendum popolare del 93 aveva parlato in modo chiaro e questi signori sono L’ABC della truffa ai danni del popolo sovrano..

    1. Scritto da Mannaggia

      Il popolo più che sovrano è spesso Pirla, ha votato per 20 anni i partiti che han fatto e reso legge elettorale la “porcata” togliendo la possibilità di scegliere il candidato, ha portato alla vittoria per anni gli stessi partiti , una rovina. Adesso il popolo fa un’altra pirlata , invece di chiedere una cosa giusta per il finanziamento ai partiti (come in francia e germania) , ne chiede l’azzeramento per consegnarsi agli interessi del prossimo riccone o settore economico che vuole il potere. Quando si è pirla si è pirla , fino in fondo.

  10. Scritto da Dario M5S Bergamo

    Proprio vero che non avete schifo di niente, vero Misiani??? L’unica svolta sarà quando i vostri partiti mangiasoldi ed incompetenti spariranno dal nostro amato paese. Che SCHIFO!

    1. Scritto da Pora Italia

      Misiani so che è una persona corretta e preparata , tu non so chi sei

      1. Scritto da Dario M5S Bergamo

        Non conosco personalmente Misiani e non è un mio problema. Commento quello che dice e, dato che amministra soldi che provengono anche illegittimamente dalle mie tasse, dovrebbe smetterla di dire che i soldi che ricevono servono per fare politica. La politica si fa per passione, ma se qualcuno preferisce farla per soldi chiedo almeno che non si nasconda dietro un dito.
        In ogni caso io non mi nascondo usando un nickname.

        1. Scritto da K6S Brescia

          Se non è un nick name cos’è , la targa della tuo motorino ?

        2. Scritto da Giobbe

          Per passione come negli Stati Uniti , dove ad es i bush si fanno eleggere con i soldi dei petrolieri e poi fanno la politica dei petrolieri. Chissà perchè nelle campagne elettorali spendono quantità enormi di denaro : sono cretini ? Come quando i berluscones dicono che avere le televisioni non fa niente. Saranno cretini anche in francia e germania dove il finanziamento pubblico c’è . Deve essere di meno e trasparente , il resto sono fregnacce per boccaloni.

          1. Scritto da Gianluca

            Peccato che l’attuale Presidente degli Stati Uniti Obama si è finanziato la campagna elettorale con le donazioni dei suoi sostenitori tramite internet.. Ricordo che gli italiani hanno detto NO AL FINANZIAMENTO PUBBLICO AI PARTITI MEDIANTE REFERENDUM , mi sarei aspettato che per reintrodurlo si sarebbe passato da una consultazioni di quegli italiani che l’hanno abolito. Perché allora non chiedere direttamente agli italiani cosa vogliono fare ?? PAURA DELLA RISPOSTA… GO HOME !!! GO HOME !! TUTTA LA CLASSE POLITICA GRAZIE..

          2. Scritto da Aldo

            Obama rappresenta classi di interesse diverse da bush (per fortuna) ma sempre classi di interesse economico. Si tratta comunque del meccanismo che produce i bush. Stai in ogni caso mettendo a confronto sistemi elettorali totalmente diversi (qui si tratta di una persona) , così come a livello di stato della confederazione dove la disponibilità di denaro offerta da terzi per l’elezione locale è assolutamente determinante.

  11. Scritto da marco

    Misiani ma cosa racconti????????????????? Ma fammi il piacere!!

  12. Scritto da De Che?

    Tutti uguali un corno, il PD ha GIA’ il bilancio certificato e gli altri no, e si vede ! Che poi sia necessario che i soldi siano di menno (in linea con francia/germania) è un altro paio di maniche. Piantiamola col tutti uguali per giustificare i signori per cui hai sempre votato, a ognuno il suo.

    1. Scritto da Dario M5S Bergamo

      Ma che c’entra il bilancio certificato, anche quello della Lega lo è e dovrebbe far riflettere sulla qualità dell’operato delle società di revisione. L’unica cosa giusta è non dare soldi ai partiti ed in questo il Movimento 5 Stelle è stato il primo e per ora l’unico a rifiutare i finanziamenti per un totale di 1,7 Milioni di Euro che sono tornati nelle casse dello stato. Sono l’etica e la coerenza che mancano, non i bilanci certificati…

      1. Scritto da NoSantoni

        Quello della lega col bilancio certificato da società di revisione è pura e semplice panzana . Ti voglio vedere quando si assume una certa dimensione come si rinuncia ai rimborsi …… le spese di viaggio, i pernottamenti, gli studi te li paghi tu, fammi il piacere !

        1. Scritto da Dario M5S Bergamo

          Le panzane del bilancio con revisione contabile non le scrivo io, ma le trovi su molti giornali e trovi pure il nome dei revisori. Comunque io non ho nessuna intenzione di pagare spese di viaggio, vitto e alloggio a funzionari di partito con le mie tasse, eventualmente lo farò con i miei soldi. Se devo pagare studi per farmi aumentare le tasse o precarizzare il mondo del lavoro (vedi legge Treu), ne faccio volentieri a meno.
          Le spese ordinarie di un partito, che è un soggetto privato, se le paghi il partito con i propri soldi.
          Ho capito comunque che è una battaglia persa, quindi mi fermo qui!

        2. Scritto da spike

          VI ARRANGIATE!!!! IO NON PAGO LA PROPAGANDA DI UN ‘ENTE PRIVATO QUALE E’ UN PARTITO POLITICO!!! COSA MI INTERESSA DI PAGARE UN VIAGGIO DI UN FUNZIONARIO DI PARTITO???? PAGO UN MIO RAPPRESENTANTE, QUINDI ELETTO!!!! ESISTONO I FINANZIAMENTI PRIVATI VOLONTARI, VE LI FATE BASTARE!!!!

          1. Scritto da No Santoni

            Ve li fate bastare a chi ? Io non faccio il politico , non ho mai preso soldi pubblici neppure come lavoro e pago le tasse tutte fino all’ultimo. Per cui calmina e meno punti esclamativi : sono per un finanziamento ridotto e certificato come in francia e germania , a tutela della democrazia . A tutela di un paese civile dove quelli come te , dello stampatello e dei punti esclamativi, passano da un santone all’altro e da un qualunquismo all’altro. Come minimo hai votato berlusconi o lega fino all’altro giorno.

        3. Scritto da Roberto M5S

          Ma quando dite le cose prima vi informate o andate a caso. I rimborsi che i finti puri del PD, come tutti gli altri, ricevono sono superiori di almeno 10 volte, chi più chi meno, di quello che loro stessi certificano come spese elettorali ( si chiamano RIMBORSI ELETTORALI) sostenute. Quindi che cavolo dite. Andate a vedere alla corte dei conti. E poi il popolo Italiano ha detto di NO. Fine del discorso. Oppure la volontà popolare la seguite solo quando dovete salire sul carro dei vincitori ( vedi acqua, nucleare ecc.) Almeno gli altri te lo fanno capire in tutti i modi che ti vogliono fregare e farsi i cavoli propri, sono meno ipocriti di voi…..sempre che si possa esserlo.

          1. Scritto da Efrem

            Informati tu , Misiani ha detto ovunque e in tutti i modi che il resto serve per la gestione ordinaria , i viaggi , pernottamenti sul territorio li paghi tu ? I congressi , gli uffici studi per non proporre scemenze di leggi li paghi tu ? Certo i soldi sono troppi e anche per me devono essere diminuiti, ma solo diminuiti e trasparenti. Il resto è demagogia e suicidio della democrazia.

          2. Scritto da Roberto M5S

            Ma ci sei o non capisci l’italiano? Sono rimborsi elettorali e devono servire al massimo a rimborsare le spese elettorali. Se li usi per altre cose oltre a non poterlo fare sarebbero finanziamenti per la gestione dei partiti e a quelli gli italiani hanno detto di no. Secondo me non ti è chiaro il concetto di democrazia.

          3. Scritto da Gianluca

            Ti sembra che hanno fatto leggi intelligenti in questi ultimi 15 anni ?? Se fosse così perché allora siamo finiti dove siamo ora ? Comunque molte cose che tu scrivi sono rimborsate sotto forma di rimborsi ai singolo parlamentari / consiglieri .. Come rimborso spese.. Il finanziamento dei partiti è un’altra cosa ancora . Non confondiamo le idee alla gente ok ??

          4. Scritto da spike

            Gestione ordinaria??? Viaggi??? Uffici studi??? Certo che son soldi ben spesi quelli che DI TUTTI I CITTADINI che finiscono nelle CAPACI TASCHE di PD&soci.. Certo non sono SCEMENZE le leggi GENIALI proposte ogni tanto da Violante o D’Alema tipo abolizione della concussione, oppure le risultanze degli “studi di avvocati” tipo quella secondo la quale la clausola antincenerimento del pl della Montello andava rimossa? Per ora (dicono) il M5S è sopra al 4%. Gratis per i cittadini. Quando saliremo, perchè saliremo (sempre gratis…), cosa direte?

  13. Scritto da Stefano

    Com’e’ che la riforma del lavoro l’hanno praticamente scritta in un mese, e passera’ liscia all’esame delle camere , mentre:
    – le commissioni per i costi dei politici e della politica naufragano inesorabilmente;
    -il rimborso elettorale (gia’ abrogato dal referendum) rimane praticamente inalterato;
    -il numero dei parlamentari verra’ ridotto,ma non subito
    -il ns parlamento costa + del congresso USA
    -il quirinale costa + di buckingham palace

    alla larga dai professionisti della politica, dirigenti politici (e basta) da una vita

  14. Scritto da Pietro

    Misiani: siete tutti uguali…