BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Non la sopporto più meglio il carcere”

Un ecuadoregno di 27 anni, agli arresti domiciliari, si è rivolto ai carabinieri di Bergamo per chiedere di essere rinchiuso in carcere perché non riusciva a rimanere a casa della nipote.

Più informazioni su

"Non la sopporto più, posso tornare in carcere?". E’ la singolare richiesta che si sono visti sottoporre i carabinieri della caserme di via delle Valli. Ad avanzarla, martedì sera, è stato un ecuadoregno di 27 anni che sta scontando una pena agli arresti domiciliari nell’abitazione di una nipote a Torre Boldone. Il rapporto tra i due sembra impossibile. La nipote, una 17enne, stanca di vederlo per casa gli contestava ogni gesto. Il 27enne è stato così arrestato per evasione e nella mattinata di mercoledì 11 aprile, il tribunale di Bergamo, in direttissima ha riconfermato per lui i domiciliari nella stessa abitazione con la nipote. Il giudice, magnanimo, ha rinviato il processo a giovedì 12 aprile per trovare una soluzione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pietro

    E rimandarlo a casa sua in Equador ? no ?

    1. Scritto da Daniele

      Se ha commesso un reato in Italia è giusto che sconti la pena in Italia no? Vorreste rispedirlo al suo paese dove tornerebbe ad essere uomo libero?

      1. Scritto da Mirko

        Certo che si!!! meglio libero in Equador che MANTENUTO in ITALIA…

    2. Scritto da PIO

      GRANDE PIETRO cosi semplice ed efficace