BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Simbolo della Lega Berlusconi padrone “Ecco l’accordo segreto”

Ecco come la bergamasca Rosanna Sapori racconta l'accordo segreto tra Bossi e Berlusconi nel 2000. In cambio del ritiro delle querele la Lega ha ceduto a Berlusconi il proprio simbolo.

Più informazioni su

Da liberoquotidiano.it

Rosanna Sapori per avere denunciato la corruzione all’interno della Lega Nord ha pagato un prezzo molto salato. 53 anni, già consigliere comunale del Carroccio, membro del direttivo provinciale di Bergamo e celebre giornalista di Radio Padania vicinissima ai vertici del partito, dopo la denuncia è stata epurata. Ha lasciato sia la politica sia il giornalismo, e oggi gestisce una tabaccheria a Bergamo.

L’accordo segreto – La Sapori fu la prima a parlare di un presunto accordo segreto tra Bossi e Berlusconi che sarebbe l’origine di tutti i problemi del Senatùr. "Nel ’95-’96 ci fu il ribaltone. In quella fase Bossi e altri, tra cui Borghezio – spiega in un’intervista al Corriere della Sera – accusavano Berlusconi di mafia. Berlusconi allora presenta delle querele miliardarie contro, Bossi viene condannato in ambito civile. Per cui arriviamo al 2000 con tutte queste querele che devono essere pagate con maxi risarcimenti, con i giornalisti della Padania che non prendono lo stipendio da mesi". Insomma, spiega la Sapori, "è la bancarotta, la sede di via Bellerio pignorata".

Il Cav: "Tu mi cedi il simbolo" – E così succede che "Berlusconi dice: Ok, io per vincere ho bisogno di questo qua, non ci sono balle… perché nei sondaggi la Lega Nord era determinante (…). Siamo nel 2000. Le elezioni sono nel 2001, però Berlusconi i sondaggi li fa già dal 2000. In quel momento la Lega è indebitata, rischia di chiudere tutto… Berlusconi dice: ok, gli do i soldi, ritiro le querele – che erano già grossi soldi -, le congelo, però tu mi cedi il simbolo, cioè tu non ti puoi più presentare, se non sono io a dirti di sì, con questo simbolo. Lui non compra gli uomini, ma la titolarità del simbolo".

"Si sono venduti" – In sostanza, conclude la Sapori, in base a quest’intesa "tu puoi fare un accordo politico che dice che noi ci presenteremo insieme, ma siccome io non mi fido di te, tu mi cedi la titolarità del simbolo, che era di Bossi, della moglie, di Leoni". La cessione, aggiunge, "è stata fatta da un notaio: me ne parlò anche l’amico Daniele Vimercati. Mi disse: Rosanna, si sono venduti".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da REAL IRA

    Dove è questo documento notarile ???? Non salta fuori xkè non esiste !!!! Quando si presentano le liste elettorali della lega nei comuni , sui documenti oltre a tutti i dati inerenti al partito e alla descrizione del simbolo, c’è una frase che dice simbolo di proprieta’ della lega Nord Padania nel nome del suo segretario Umberto Bossi. Quando in provincia di Bg la Lega si presento’ da sola con candidato Stucchi ,come avrebbe fatto ad usare il simbolo se il simbolo non era il suo ,per giunta contro il pdl padrone del simbolo come voi dite ???? Usare la testa grazie !!!!

  2. Scritto da REAL IRA

    Dove è questo documento notarile ???? Non salta fuori xkè non esiste !!!! Quando si presentano le liste elettorali della lega nei comuni , sui documenti oltre a tutti i dati inerenti al partito e alla descrizione del simbolo, c’è una frase che dice simbolo di proprieta’ della lega Nord Padania nel nome del suo segretario Umberto Bossi. Quando in provincia di Bg la Lega si presento’ da sola con candidato Stucchi ,come avrebbe fatto ad usare il simbolo se il simbolo non era il suo ,per giunta contro il pdl padrone del simbolo come voi dite ???? Usare la testa grazie !!!!

  3. Scritto da azzanese

    Ogni tanto ritornano. Celebre giornalista? Sapori lasa pert.

  4. Scritto da fus

    che palle con sta storia!! o la Rosanna Sapori passa il suo tempo ad andare in giro a raccontarla per farsi pubblicità o bergamonews tira fuori notizie vecchie di mesi spacciandole per news tanto per fare campagna elettorale…abbiate un pò di onestà nel vostro lavoro…

    1. Scritto da Redazione Bergamonews

      Questa notizia è su tutti i giornali. Oggi. Grazie per la lezione di onestà

  5. Scritto da stefano

    Ma lo ricorderanno anche questo i i leghisti a Bergamo nella serata dell'”Orgoglio Padano”???
    E nel 2000 Bossi non aveva nemmeno la scusa della malattia, del cerchio magico e…. di mia nonna in carriola!!!
    Quindi consapevolmente si è VENDUTO!
    Grazie magico Senatur!

  6. Scritto da SCADENZA

    Il servizio non dice se l’accordo aveva o meno una scadenza temporale. Cioè se l’anno prossimo la Lega potrà correre con il suo simbolo “contro” il PDL.

  7. Scritto da Pietro

    Solo un cieco (o uno stupido) non poteva accorgersi del patto scellerato tra Berlusconi e Bossi, da quel giorno la Lega è diventata schiava di Berlusconi, con i risultati che oggi siamo costretti a pagare..

    1. Scritto da ciechiesordi

      la seconda che hai detto… e questi qui hanno preso il 10-11% a livello nazionale… ergo CI MERITIAMO la classe politica equina che ci governa. Nani e ballerine nullafacenti nei palazzi e incapaci e senza esperienza a dirigere aziende una volta fiore all’occhiello del paese. E sentendo ancora chi difende Bossi & Co. direi che eran meglio i partiti della prima repubblica…. quantomeno un minimo di cultura e savoir faire politico ce l’avevano…. qui siamo alla compravendita di lauree da parte di emeriti beoti…