BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Percassi sulle tracce dell’Atalanta Femminile “A giorni il faccia a faccia”

A confermare la notizia è il presidente Michele Maraglino: "Tra qualche giorno mi vedrò con Percassi. Sono pronto a cedere il mio club se mi viene mostrato un progetto serio. Gli ultrà non vogliono le mie ragazze? Non hanno capito nulla".

Più informazioni su

Antonio Percassi vuole l’Atalanta Femminile? Tutto vero. A confermare la notizia è proprio Michele Maraglino, il presidente della società di Almenno San Salvatore, che, nonostante le smentite del numero uno nerazzurro, apre le porte ad una trattativa che presto potrebbe entrare nel vivo. “Anche se – spiega Maraglino -, visti i tantissimi impegni che ogni settimana tengono occupato Percassi, non è detto che la cosa possa trovare una soluzione in tempi brevi. Le smentite? Non credo che il presidente abbia avuto un ripensamento, tant’è che nei prossimi giorni dovremmo incontrarci faccia a faccia, cosa non ancora avvenuta fino ad oggi. Da parte mia, come ho già fatto sapere a Percassi, c’è tutta la disponibilità per trovare un accordo: la trattativa, anche se non in maniera ufficiale, si può già considerare aperta”.

Quali saranno le richieste di Percassi, però, nessuno lo sa. Nemmeno Maraglino: “Ancora sono all’oscuro di tutto. Se mi dovesse chiedere di collaborare ne sarei lusingato – ha commentato -, anche se sarei disposto a cedere l’intero pacchetto societario a patto che mi sia mostrato un progetto serio per il futuro. Io al mio club tengo tantissimo e non ho intenzione di lasciarlo nelle mani sbagliate; per questo ho dato la mia disponibilità a Percassi. Il patron dell’Atalanta, però, si ricordi che tutto ha un prezzo”.

Attraverso le colonne de “Il Giornalino della Curva”, intanto, i tifosi nerazzurri hanno detto la loro sulla trattativa che potrebbe portare l’Atalanta femminile in quel di Zingonia. E la presa di posizione degli ultrà bergamaschi è stata chiara e netta: “Rispettiamo le squadre femminili che sono ufficialmente riconosciute dalle proprie società di paese – hanno spiegato quelli della Nord, rivolgendosi direttamente al club di Almenno San Salvatore -, ma non voi che usate un nome senza sapere quale siano il suo valore e la sua storia. Ci piacerebbe che qualcuno dica a queste signorine che l’Atalanta Bergamasca Calcio è una sola e che non appartiene a chi vuole solo sfruttare il suo nome. Per questo – continua l’articolo – consigliamo di strappare dall’album Panini la pagina che riguarda l’Atalanta femminile, squadra inesistente che non merita il nome che porta”.

Laconica la risposta di Maraglino: “Nel 1998, quando ho fatto nascere la mia società, cercavo un nome che potesse darci la massima visibilità. Il mio intento – continua – era quello di promuovere il più possibile questo sport e con “Atalanta femminile” ho trovato quello che cercavo. I tifosi bergamaschi non capiscono questa cosa? Non mi stupisco: in Italia, quando si parla di calcio femminile, siamo indietro anni luce”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da maura

    mia figlia gioca a calcio e non si è mai tirata indietro, ma quando giocava con i maschi, ho visto tanti ragazzini piangere perchè venivano fermati da un difensore femminile ma non ho mai visto piangere una ragazza perciò Forza Atalanta Femminile.

  2. Scritto da cristina

    Anche mia figlia gioca a calcio e vorrei risp a quelli della Nord che se hanno quel nome qlk gli ha permesso di usarlo… nn so chi ma se fosse stato come dite voi possibile che dal 1998 ad oggi nessuno abbia mai detto nulla???? Di sicuro qualche diregente del passato ha dato l’ok x il nome…. Cmq il Presidente PErcassi vede molto in la’…. Bravo Percassi e speriamo che la trattativa vada a buon fine…. Già l’ inter e il Milan hanno il settere femminile nn capisco perche’ noi a Bergamo dobbiamo restare indietro…..

  3. Scritto da giovanni

    non riesco a capire perchè il calcio in italia è l’unico sport dove non esistono pari opportunità, forse Percassi vede un pò più in la dei tifosi Atalantini

  4. Scritto da dany

    mia figlia gioca a calcio da quando ha sette anni e lo fa con la stessa passione dei maschi, dico solo ai tifosi dell’atalanta: andate a vedere una partita di calcio femminile…… poi ne riparliamo

  5. Scritto da luca

    Ma l’altra volta hanno smentito tutto!
    bha…qui qualcuno spara bombe a raffica…

  6. Scritto da nino cortesi

    Bravissimo Percassi. Questo è marketing puro. E’ oro colato.