BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Festività e abbuffate Gli alimentaristi: “Attenzione alla bilancia”

Gli esperti ne sono certi: con le festività in arrivo gli italiani metteranno dai 3 ai 5 chili. Uno studio pubblicato da Vdg Magazine rivela che la Pasqua fa ingrassare più del Natale. Tra i cibi più "cattivi" spunta, a sorpresa, anche il tradizionale agnello.

Più informazioni su

Tra aprile e maggio saranno diverse le occasioni che porteranno gli italiani intorno al tavolo: da Pasqua a pasquetta, passando per il 25 aprile e il classico pic nic del 1° maggio. Per otto esperti su dieci Pasqua e i vari ponti, faranno ingrassare gli italiani più che a Natale. I motivi? Il bel tempo e le gite culinarie (28%), la possibilità di fare un ponte (23%) e l’ultima occasione che la Pasqua dà per “abbuffarsi” prima dell’estate (19%). Ma quali le occasioni in cui gli italiani accumuleranno maggiormente calorie? I luoghi a rischio oltre alle classiche gite fuori porta, i pranzi a casa propria o di amici e i ristoranti. Sotto accusa soprattutto le grigliate, le abbondanti assaggi di dolci e persino l’agnello. I chili che si accumuleranno potranno essere, se non si sta attenti, in media dai 3 ai 5 e i più a rischio sono sempre loro, i quarantenni.

È quanto emerge da uno studio pubblicato sul prossimo numero di Vdg Magazine in edicola in questi giorni e condotto su 100 fra alimentaristi e nutrizionisti italiani sulle abitudini alimentari degli italiani.

Quest’anno Pasqua sarà per la linea più letale che il periodo di Natale. È l’opinione di quasi otto esperti su dieci (79%). Ma di quanto si ingrasserà durante il periodo pasquale? Dai tre ai cinque chili: questa è la risposta di un intervistato su tre (30%). Secondo invece il 27% degli intervistati i chili che si accumuleranno saranno da uno a tre, mentre il 20% degli intervistati ritengono che saranno molti gli Italiani a “guadagnare” anche cinque i chili. Chi sono gli italiani più a rischio? Sicuramente i quarantenni: il 30% degli esperti sottolinea, infatti, che la fascia 38-47 è decisamente quella di coloro che sono più propensi a esagerare a tavola durante le feste. Ma il rischio di accumulo spropositato di calorie investe anche la fascia tra i 28-37 anni (22%) e 47-58 anni (19%).

Quali sono secondo alimentaristi e nutrizionisti i motivi dei chili di troppo in arrivo? Secondo il 28% con il bel tempo aumentano gli inviti per gite e tour culinari. E quindi la tentazione a lasciarsi andare un pò troppo con il cibo. Ma anche il calendario, per il 23% degli intervistati avrebbe le sue colpe: oltre al ponte pasquale, ci sono il 25 aprile, che capitando a metà settimana, per i più fortunati, potrebbe trasformarsi in un anticipo di week end, e il ponte primo maggio, che quest’anno capita di martedi’ e quindi rende possibile un ‘pontè, con il risultato di molte giornate una dietro l’altra da trascorrere davanti a tavole imbandite. Altri (19%) mettono sotto accusa l’estate vicina, per cui il ponte sarebbe l’ultima vera occasione per “abbuffarsi” prima della indispensabile “dieta da bikini”.

E anche la “convivialità” sembra avere le sue colpe: per la primavera 2012 il proverbio “Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi” sembra ormai superato, e la riscoperta della voglia di stare insieme, porterà a fare della tavola il luogo dove si passerà più tempo (27%).

Ovviamente esiste anche una lista dei piatti pasquali messi sotto accusa dagli esperti perchè maggiormente tentatori e quindi colpevoli di farci ingrassare a dismisura. Sul banco degli imputati ci sono i classici dolci, ricchi di grassi e creme (71%), ma anche l’agnello (65%). Non mancano, poi, altri cibi tipici delle feste e con i quali regolarmente si finisce per esagerare: la pasta al forno (61%), i salumi (47%) e le torte salate (42%). Sotto accusa, inevitabilmente, anche la colomba (38%), soprattutto quando non ci si limita a una sola fetta.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Tiziano Trivella

    Che mestiere farebbero gli alimentaristi, i nutrizionisti e i dietisti se tutti seguissero le loro spietate, allarmistiche e sadiche indicazioni segnalate e pubblicate sempre alla vigilia delle Feste???
    In un modo di salutisti perfetti e… magretti andrebbero ad arricchire le fila dei disoccupati!
    Comunque… Buona Pasqua anche a loro!

  2. Scritto da enrica

    Anche se si trasgredisce un po’ nei giorni di festa non bisogna poi sentirsi in colpa o deprimersi (e mangiare ancora per consolarsi) prendete l’occasione per dedicare un po di tempo al movimento, anche leggero, per bruciare naturalmente le calorie assunte in più. Non stressatevi, o ingrasserete! buona pasqua.