BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Niente patente alla Hack I 90enni al volante sono un pericolo?

L'astrofisica Margherita Hack si è sentita rifiutare il rinnovo della patente perché ha 90anni. E promette battaglia. I 90enni alla guida di un'auto sono un rischio per la circolazione?

Più informazioni su

È venuto giù il cielo quando Margherita Hack, l’astrofisica fiorentina alle soglie dei novant’anni, si è sentita rifiutare la richiesta per il rinnovo della patente da un medico. La scienziata ha chiamato la motorizzazione di Trieste, dove vive da mezzo secolo e si sposta con la sua auto, una Panda, per scoprire le modalità del rinnovo della patente.

L’astrofisica ha scelto da un elenco uno dei medici che si occupano di rinnovi patenti, e ha scelto quello più vicino a casa sua. Hack ha chiamato al telefono Giuseppe Caragliu, dottore specializzato in visite mediche per la patente, che le ha risposto che non visita le persone sopra gli ottant’anni.

Stupita e sconvolta la Hack ha promesso che chiamerà un altro medico disponibile a visitarla, ma l’atteggiamento del dottor Caragliu non le è piaciuto affatto e così si prepara a dare battaglia.

“Ne faccio un caso di principio – racconta – non tanto per me, visto che la mia patente scade a giugno, quindi ho tempo. Ma il medico mi ha detto che non vuole visitare a questo scopo le persone oltre gli ottanta anni. Questo per me è un abuso, ed è incostituzionale. Se poi mi dice che a novanta anni non mi darebbe in ogni caso l’idoneità – aggiunge Hack – allora questo è un pregiudizio, ancora più grave”.

Ora che il cielo si è squarciato sul caso si deve fare chiarezza, Bergamonews lancia l’appello: è giusto o no rinnovare la patente anche alle persone che hanno superato i novant’anni?

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marisa

    Il Decreto Semplificazioni ha recentemente annullato l’obbligo di presentarsi davanti alla Commissione medica per gli ultraottantenni in possesso di patente di guida e che devono rinnovarla. Ciò non toglie, secondo me, che i controlli debbano essere accurati e rigorosi e che se un medico fa “obiezione di coscienza”, più o meno legittima, come nel caso del dottore in questione, non può essere biasimato né sanzionato. E’ una questione di buon senso.

  2. Scritto da Pietro

    Con tutto il rispetto per le persone anziane, credo che a 90 anni la possibilità di un malore mentre si guida siano molto alte.., inoltre i riflessi sono quelli che sono. Come dice un noto proverbio bergamasco “soche e melù a la sò stagiù”.

  3. Scritto da Il Naggio

    Dopo una certa età sarebbe opportuno non rinnovare la patente e dare i mezzi pubblici gratis. A 90 anni suonati una persona che guida è un pericolo per se stessa ma soprattutto per gli altri perchè non si possiedono più la vista, i riflessi e la mobilità necessaria a guidare (che poi ci siano anche orde di giovani a cui la patente non dovrebbe essere data è un altro discorso) Questo senza entrare nel merito della scelta del medico (che ha sbagliato nei modi).

  4. Scritto da paolo p

    e allora perche non siamo soggettivi anche sui tassi alcolici? c’è chi regge lo 0.5..c’è chi invece a quel tasso è ubriaco!! Secondo me servono limiti di età precisi..altrimenti con la discrezionalità ci saranno sempre medici compiacenti e quelli invece troppo fiscali.. sinceramente dopo una certa età (ed a 90 anni) sfido ad aver riflessi pronti, nonchè vista e fisico pronti e attenti alla guida.. mah

  5. Scritto da nino cortesi

    La Hack potrebbe andare anche sulla Luna con la Topolino. Quindi l’età non conta quando ci sono tutti i requisiti. Sarebbe meglio non dare in mano moto e auto potenti a certi giovani.

  6. Scritto da Seriano

    E’ giusto rinnovare la patente a chi ha tutti i requisiti per ottenere il rinnovo.
    Se i requisiti mancano, la patente non si rinnova nemmeno a un trentenne.
    Se i requisiti ci sono, nulla osta al rinnovo. Anche a novant’anni.
    Per gli ultraottantenni, c’é già l’accortezza di ridurre i tempi di validità (due o un anno).
    A miglior garanzia, almeno qui a Bergamo, i rinnovi non avvengono presso un singolo medico, ma presso la Commissione Patenti Speciali (quella della ASL di Borgo Palazzo).
    Questa volta condivido appieno le idee della sig.ra Hack.
    Che quel medico arrogante e incompetente (per volontaria rinuncia alla propria competenza!) faccia la fine che merita: vada a fare lo ZAPPATORE!