BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da oggi in vendita pillola dei 5 giorni dopo Cosa ne pensi?

Sbarca anche in Italia dopo due anni la nuova frontiera della contraccezione, la 'pillola dei cinque giorni dopo', efficace, a differenza della classica pillola del giorno dopo, entro i primi cinque giorni dal rapporto.

Sbarca anche in Italia dopo due anni la nuova frontiera della contraccezione, la ‘pillola dei cinque giorni dopo’, efficace, a differenza della classica pillola del giorno dopo, entro i primi cinque giorni dal rapporto. Il farmaco, a base di Ulipristal acetato, sarà disponibile nelle farmacie da oggi, 2 aprile. Utilizzata entro le prime 24 ore dal rapporto la nuova pillola e’ tre volte più efficace delle vecchie preparazioni a base di Levonorgestrel, e due volte di più nelle prime 72 ore. Inoltre, la nuova pillola può essere assunta dalle donne fino a cinque giorni dopo il rapporto non adeguatamente protetto e quindi a rischio di gravidanza non desiderata. Come fare per assumerla? Anzitutto, va detto che l’Aifa ha subordinato l’autorizzazione della pillola all’obbligatorietà’ di un test di gravidanza negativo: bisogna accertarsi, insomma, che la donna non sia già incinta, perché il farmaco potrebbe avere effetti abortivi. Il farmaco richiede una ricetta medica non ripetibile. Prima della prescrizione il medico e’ tenuto a verificare l’assenza di una gravidanza preesistente attraverso l’esito negativo di un test a base di beta Hcg. Test che la donna puo’ effettuare anche con un semplice stick sulle urine reperibile nelle farmacie. L’Ulipistral acetato 30 mg è stato approvato dall’Ema come contraccettivo d’emergenza già nel maggio del 2009 e successivamente anche dalla Fda nell’agosto 2010 – ha ricordato Alberto Aiuto, amministratore delegato di Hra Pharma Italia – in Italia ha ricevuto il via libera dell’Aifa l’8 novembre del 2011. Ad oggi è autorizzato in 39 Paesi (27 Ue, Norvegia, Islanda, Liechtenstein, Serbia, Croazia, Bosnia, Djibouti, Gabon, Israele, Singapore, Sud Corea e Stati Uniti) e già commercializzato in 28 Stati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giulietta

    E’ giusto,solo alla donna spetta la scelta se utilizzarla,e a nessun altro.

  2. Scritto da mario59

    Un altro importante passo verso la libertà di coscienza…e un giusto stop… a coloro che pretendono di imporre, di avere un figlio a una donna che non lo desidera.

  3. Scritto da Paolo

    Si può essere favorevoli o contrari ma quello che mi preoccupa di più è “Prima della prescrizione il medico e’ tenuto a verificare l’assenza di una gravidanza preesistente attraverso l’esito negativo di un test a base di beta Hcg”.

    1. Scritto da daniela

      perchè?

  4. Scritto da angelo

    Questa si chiama libertà. Anche dai medici obiettori per convenienza.

  5. Scritto da orso orobico

    giusto che ogni persona abbia diritto di fare le proprie scelte, nella propria libertà di coscenza o di religione in cui appartiene..

    1. Scritto da roberta

      Non avrei saputo scriverlo meglio.

      1. Scritto da gino

        io tento di scrivere meglio…lasciamo fuori la religione (qualunque) da questi discorsi e soprattutto ne stia fuori la Chiesa Cattolica i cui severi ammonimenti non sono piu’ nemmeno seguiti da molti suoi ministri e adepti, amen