BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Macchie nere nella neve Il sindaco Lenisa: “Solo residui di focolai” fotogallery

Il primo cittadino, Agostino Lesisa, interviene e spiega le cause delle macchie nere nella neve: "La centrale a biomasse non c'entra nulla". E per gli odori puntualizza: "In due anni e mezzo si è verificato un solo episodio"

Più informazioni su

Dopo l’articolo pubblicato da Bergamonews il sindaco di Sedrina, Agostino Lenisa, spiega che cosa ha causato quelle strane macchie nere e precisa. "Premesso che la segnalazione scritta è stata fatta da un consigliere comunale di Minoranza e che la stessa è stata inviata in email al protocollo del Comune domenica 19 febbraio 2012, alle 21.07, il giorno successivo alle 11.20, il Vigile, su mio incarico, è stato mandato sul posto, munito di contenitori sterili per raccogliere campioni del materiale depositato sulla neve fresca, come si evince anche dalle foto che allego – spiega il primo cittadino -. Il materiale è stato raccolto ed è attualmente conservato per le opportune analisi del caso".

In attesa che gli esiti delle analisi spieghino la ragione delle macchie nere nella neve, il sindaco di Sedrina denuncia una situazione singolare.

"La cosa invece molto strana sono i focolai ancora accesi e fumanti che il nostro vigile ha rilevato durante il sopralluogo – e Lenisa mostra una serie di fotografie -. Durante il sopralluogo sono stati rilevati quattro residui di focolai spenti giorni prima, sempre in zone limitrofe, lontani al massimo trenta metri, che sono ovviamente la causa prima del materiale legnoso depositato".

E sull’origine delle macchie nere nella neve il primo cittadino rileva: "che il materiale risulta essere residuo di combustione di legno e altri materiali; il materiale cosi composto è praticamente impossibile che sia uscito dal camino della centrale, ma è ancora più improbabile che abbia ‘sorvolato’ tutta la Valle Tresa, per andarsi a depositare, guarda caso, a meno di 30 metri da dove alcuni cittadini ignoti bruciavano illegalmente residui di legno e altro materiale". Spiegati i motivi delle macchie nere sulla neve il primo cittadino interviene anche per quanto riguarda i miasmi acidi: "Per quanto attiene agli odori – conclude Lenisa – da due anni e mezzo che è in funzione la centrale il caso si è verificato una sola volta ed è già stato chiarito. Non ho mai più ricevuto nessuna lamentela scritta o verbale da allora".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sonzognio Silvano - Sedrina

    Bando alle ciance ed alle supposizioni da Bar
    Se in centrale ci sono degli apparecchi anlizzatori dei fumi,come richiesto, si acquisiscano i tabulati e si depositino agli atti del Comune.
    Siamo o non siamo i proprietari della Centrale? Che probleimi ci sono?
    Se poi sono stati raccolti dei campioni tanto meglio: si analizzino pure quelli.
    La situazione evidenziata dalle foto era presente al suolo da circa una settimana e non può essere attribuita ai fuocherelli di pulizia attivati dai proprietari dei terreni: ci sono testimoni che possono certificare quanto dichiarato dal sottoscritto.
    Nessuno ha detto che l’inquinamento era dovuto alla centrale: si sono solo chiesti chiarimenti

    1. Scritto da Sindaco di Sedrina

      Intanto verifichiamo i proprietari dei terreni e vediamo se sono “fuocherelli di pulizia” o altro. A gennaio con il terreno ancora ricoperto di neve ghiacciata, mi chiedo cosa ci sia da pulire che non poteva aspettare. Quando ricevero’ le analisi dei campioni raccolti vedremo anche le analisi delle centrale che, come ha gia’ detto Lei, sono registrate.

      1. Scritto da Sonzogni Silvano - Sedrina

        Per ultimo : il sindaco scrive “A gennaio con il terreno ancora ricoperto di neve ghiacciata, mi chiedo cosa ci sia da pulire che non poteva aspettare” Le ricordo che i lavori di pulizia possono anche essere fatti in autunno….. I residui vegetali possono essere ammassati e coperti cosicché durante l’inverno s’asciughino e nella bruciatura di primavera facciano meno fumo. Non mi dica che adesso Le devo spiegare anche che un legno secco fa meno fumo di uno bagnato ……

      2. Scritto da Sonzogni Silvano - Sedrina

        Come si è ottenuta questa classificazione di pregio da parte dell’estensore del PGT? Attraverso la cura ed il mantenimento del suolo effettuato nel corso degli anni, da parte dei conduttori e dei proprietari dei terreni del dosso che oggi si vedono, quale “ringraziamento” da parte del Sindaco, coinvolti in una sterile polemica … utile solo a distogliere l’attenzione dalla vera realtà dei fatti……

      3. Scritto da Sonzogni Silvano - Sedrina

        In merito ai fuochi di pulizia di ramaglie e sterpaglie mi permetto di ricordare al Sig. Sindaco che il dosso che sta dietro Benago è stato inserito nel PGT DA LUI APPROVATO quale “Ambito con caratteristiche rilevanti i omogeneità e complessità paesistica” Sempre in PGT c’è scritto che “L’equilibrio …. richiede azioni di tutela dell’integrità e della fruizione visiva” sempre in PGT c’è scritto che “l’Ambito dei Poggi Intermedi è caratterizzato da presenza di terrazzamenti e di prati-pascoli di rilevanza paesistica”.

      4. Scritto da Sonzogni Silvano - Sedrina

        I fuochi di pulizia della ramaglie raccolte dalla potatura degli alberi sono ammessi per legge quando questi non procurano danno all’ambiente forestale e alle abitazioni: si sono sempre fatti e sempre si faranno …
        La prossima volta che li facciamo inviteremo Lei, il vigile e tutti i tecnici dell’ARPA che vorrete cosi potrete constatare che un fuoco della durata limitata non ha ricadute al suolo cosi come registrato in zona già dal 13 Febbraio ….
        Visto che non ci sarà la neve metteremo delle lenzuola a terra ….
        Ribadisco che il giorno 19 Febbraio, data di effettuazione delle foto di denuncia,alle ore 8,56, non c’era alcun fuoco acceso come malignamente afferma Marco???

        1. Scritto da Marco

          L’articolo era un po’ striminzito, e non si capiva bene la dinamica dei fatti, mettendo in dubbio la veridicità delle foto le ho dato la possibilità di chiarire meglio.
          Spero di trovare gli esiti delle analisi ancora su questo sito.
          Saluti.

  2. Scritto da Sindaco di Sedrina

    Mi riferisco ai focolai, chiarendo che n° 2 erano ancora fumanti quando il nostro vigile si è recato sul posto. Le foto non riportanto la data, solo perchè allegati di un verbale redatto dalla Polizia Locale, se poi vogliamo pure mettere in dubbio anche la veridicità del Verbale del Vigile, allora dico che possiamo anche dubitare che quella neve e quelle foto siano di Sedrina. Sempre nello stesso verbale sono citati residui di altri focolai spenti elementi di prova che dimostrano le probabili causa dei residui depositati sulla neve. Circa gli odori, non mi permetto di offendere l’intelligenza di nessuno, dico solo che in due anni ho ricevuto una sola telefonata inerente gli odori.

    1. Scritto da Sonzogni Silvano - Sedrina

      Le puzze sono presenti quotidianamente e quelle provengono proprio dalla centrale.
      Il Sig. Sindaco dice di non aver avuto segnalazioni?
      Prossimanete verrà esaudito….stia pure tranquillo…..
      Certo che se da un numero di telefono per farsi rintracciare quando non ci sono problemi, e poi non risponde mai è chiaro che i problemi …. non vogliono essere visti ….

  3. Scritto da Marco

    Avendo visto le foto pubblicate precedentemente da bergamo news che traevano in primo piano la neve e sullo sfondo la centrale a biomasse a fondovalle, ho dei dubbi sulla’autore di tali fotografie.
    Non ha visto i focolai fumanti a 30 metri dalla neve? Forse non li ha visti perché faceva comodo non vederli, forse non li ha visti perché era lui stesso l’autore dei focolai. Saluti

  4. Scritto da sedrinese

    Per quanto riguarda i focolai: nell’articolo prima si dice che erano ancora accesi (accipicchia come sono duraturi i focolai nelle nostre zone!), poi si dice che sono spenti da giorni e infine vengono fornite foto SENZA DATA in cui i focolai sono ancora fumanti e stranamente senza neve attorno. Forse non c’è alcun nesso tra la neve macchiata e i focolai illegali?
    O forse sono addirittura i focolai a causare, oltre le macchie sulla neve, anche i fumi maleodoranti?

    1. Scritto da Marco

      Cosa significa foto senza data? si può visualizzare qualsiasi data sulle macchine fotografiche, basta modificare la data di sistema sulla macchina fotografica. Se si risponde in questo modo fazioso, non si riuscirà a fare chiarezza!

  5. Scritto da sedrinese

    in due anni e mezzo si è verificato un solo caso di odori?????!!!! ma stiamo scherzando???? In certi periodi dell’anno, soprattutto quando c’è la bassa pressione, il problema è quasi quotidiano!!!! Per favore sig. Lenisa non insulti l’intelligenza degli abitanti delle frazioni che devono sopportare gli odori emanati dalla centrale, nonchè i fumi DERIVANTI SEMPRE DALLA CENTRALE. Nascondere la centrale in una cava dismessa non è sufficiente per occultarne i danni.

  6. Scritto da Luciano Avogadri

    A fronte dell’altro articolo dove si parlava di strumenti di misura mancanti e di altre forme di tergiversazione, questo mi sembra già un comportamento più serio.

    1. Scritto da Sedrinese 2

      Il Sindaco, che, come dice l’articolo associato, è un ufficiale incaricato di vigilare sull’igiene pubblica, è anche un imprenditore che lavora nel campo delle biomasse…

      1. Scritto da Sindaco di Sedrina

        …e quindi ?

        1. Scritto da Marco

          Quindi lei è contemporaneamente consulente di Bergamo Energia (se non sbaglio e il fornitore di biomassa della centrale) e sindaco del comune proprietario della centrale a biomassa.
          Anche se la legge lo consentisse, trasparenza e onestà nei confronti dei cittadini le imporrebbero di lasciare uno dei due ruoli.